Due le celebrazioni per il 25 Aprile a Nardò: Comune da una parte, Associazione partigiani dall’altra

Assente anche quest'anno il sindaco Giuseppe Mellone, Palazzo Personè preannuncia la presenza del vice Oronzo Capoti

511

Nardò – Sono due le manifestazioni per il 25 Aprile in programma a Nardò: Comune da una parte, movimenti e partiti di opposizione dall’altra.

Il Comune ricorderà la Liberazione con un raduno in piazza Umberto alle 10. Dopo la deposizione di una corona di fiori davanti al Monumento ai Caduti, un corteo si snoderà per via Duca degli Abruzzi, piazza della Repubblica e corso Vittorio Emanuele II culminando in piazza Salandra. Qui alle 11 verranno ricordati Giacomo Matteotti, don Giovanni Minzoni, Giovanni Amendola e i martiri delle Fosse Ardeatine, alla presenza del vicesindaco Oronzo Capoti e di altri amministratori.

Ci sarà anche l’ex senatrice Maria Rosaria Manieri che, poi, alle 19 prenderà parte all’iniziativa promossa dal Caffè letteraio di via Lata per l’incontro “Canti dietro le sbarre” dove l’attore Simone Franco leggerà brani del compianto antifascista neretino Pantaleo Ingusci.

Pubblicità

«Il 25 aprile – dichiara il presidente del Consiglio comunale Andrea Giuranna – è il momento del riscatto nazionale, della fierezza e dell’orgoglio, dei valori della libertà e della democrazia. Sebbene il nostro sia un Paese che non riesce a fare i conti con la propria storia e continua a dividersi su questa data cruciale, credo che il patrimonio della Liberazione non sia soggetto a interpretazioni e idealismi di sorta».

Se le celebrazioni del 25 Aprile continuano spesso a dividere l’Italia, Nardò non fa eccezione. Un anno fa i raduni furono addirittura tre: a quello del Comune si aggiunsero infatti due separate manifestazioni, con Anpi da una parte e partiti di opposizione dall’altra. Da registrare anche che il sindaco Giuseppe Mellone da quando si è insediato non ha mai preso parte alle celebrazioni. Anche quest’anno, salvo “sorprese” da Palazzo Personè si preannuncia la presenza domani del vicesindaco Oronzo Capoti ma non quella del Primo cittadino.

Si chiama invece “R-esisto: 25 Aprile sempre” l’iniziativa promossa dalla locale sezione dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia (Anpi) con la partecipazione di Spi-Cgil, Diritti a Sud, Arci, Unione degli studenti, Articolo 1, Nardò liberal, Nardò Bene comune, Fiom, Pd e Anpi Taurisano. «Invitiamo tutte le anime antifasciste che vogliono onorare il 25 Aprile – scrivono i promotori – a partecipare alle iniziative della giornata». Il programma: campagna di tesseramento Anpi sia in mattinata (dalle 11 alle 13 a Santa Maria al Bagno) che nel pomeriggio (dalle 17 alle 18 in piazza Salandra). Dalle 18, sempre in piazza Salandra, presidio antifascista con canti e letture e alle 20 cena sociale nel vicino circolo Arci di via Matteotti.

 

Pubblicità