Droga a Maglie e dintorni: oltre 16 anni la pena chiesta per l’omicidio davanti al fast food. Altri sei giovani alla sbarra

885

Maglie – È di 16 anni e quattro mesi la pena invocata dal pubblico ministero nei confronti del 27enne Simone Paiano, l’autore reo confesso dell’omicidio del 28enne Mattia Capocelli ucciso a Maglie la notte tra il 24 e il 25 aprile del 2019, davanti al fast food in via Don Luigi Sturzo, con un colpo di pistola calibro 6.35 alla nuca.

Per Paiano le accuse sono di omicidio volontario, porto e detenzione di arma da sparo. Il processo in corso davanti al giudice per l’udienza preliminare vede alla sbarra anche Salvatore Maraschio (27 anni), Marco Cananiello (23) ed Andrea Marsella (29), tutti di Maglie, per i quali sono stati chiesti due anni e quattro mesi per le accuse di sequestro di persona. Dieci mesi, per favoreggiamento, la pena chiesta per il 32enne Domenico Tunno (di Maglie) mentre l’assoluzione è stata invocata per il 25enne di Scorrano Giorgio Rausa (“perché il fatto non sussiste”). Pierluigi Esposito (30 anni), il gestore del chioschetto davanti al quale si consumò l’omicidio, ha scelto di difendersi con il rito ordinario: per lui l’accusa è quella di favoreggiamento per aver gettato in un giardinetto vicino il dischetto con le immagini dell’agguato mortale.

L’omicidio di Mattia Capocelli, è stato appurato dalle indagini, si inserisce nel contesto della gestione dello spaccio di droga a Maglie e nei dintorni: pochi giorni dopo essere uscito di carcere (per una condanna a tre anni per 22 grammi di cocaina), Paiano avrebbe preteso di gestire da se l’attività senza sottostare al boss di Scorrano Giuseppe Amato (detto “padreterno”).

Da ciò il confronto “necessario” davanti al fast food. Lo scorso gennaio, chiedendo l’abbreviato, Paiano affermò di aver agito per legittima difesa al fine di salvaguardare l’incolumità dei propri familiari, temendo eventuali ritorsioni da parte del clan. Il giovane si consegnò ai carabinieri quando ormai gli inquirenti avevano nelle mani le prove della sua responsabilità.