Dopo 38 anni restituita ai fedeli la statua di San Vito rubata a Galatone: era finita in una casa d’aste lussemburghese

891

Galatone – Era stata posta in vendita in una casa d’aste in Lussemburgo la statua lignea di San Vito rubata nel 1981 dalla chiesa dell’Assunta a Galatone. A ritrovarla sono stati i carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale che sabato 14 dicembre la restituiranno alla chiesa e ai fedeli nel corso della celebrazione prevista alle 18.

La messa in vendita dell’opera, risalente ad epoca rinascimentale, in ottime condizioni di conservazione e del valore di circa 30mila euro, è stata accertata dai carabinieri monitorando i siti internet che trattano la compravendita di oggetti d’arte. Dal raffronto tra la foto raffigurante la statuetta rubata e quelle messe in vendita on line è stato possibile risalire alla perfetta corrispondenza con quella posta in vendita da un cittadino lussemburghese a quanto pare ignaro della provenienza delittuosa del bene.

L’ordine di indagine Europeo

La conferma è giunta in particolare dallo stemma che rimanda al vescovado di Nardò. Utili ai raffronti sono stati gli elementi già presenti nel “Bollettino delle ricerche – Tpc”, nella “Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti” gestita dal Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, nonché nel corrispondente database di Interpol denominato Psyche.

Dopo tali accertamenti, la procura della Repubblica di Lecce ha emesso un ordine Europeo di indagine all’omologo titolare delle indagini in Lussemburgo ottenendo il sequestro dell’opera recentemente recuperata e rimpatriata dai carabinieri del Nucleo Tpc di Udine.

La messa di sabato 14 

Alla messa del 14 dicembre, presso la chiesa della Collegiata di Santa Maria Assunta, saranno presenti il vescovo Fernando Filograna, il comandante del Nucleo Tpc dei carabinieri Lorenzo Pella, il sindaco Flavio Filoni, il comandante provinciale Paolo Dembech, il soprintendente alle belle arti Maria Piccarreta  ed il referente diocesano per l’arte sacra monsignor Giuliano Santantonio.