Daniele Leggio, il re del podismo di San Cassiano fra vecchi successi e nuovi obiettivi

1049
Daniele Leggio
Daniele Leggio

San Cassiano – Nel 2019 vinse i tre circuiti più importanti del podismo salentino: il Salento Tour, il Salento Gold e quello del Csi (Centro sportivo italiano). Daniele Leggio di San Cassiano ha primeggiato per continuità di rendimento, collezionando una lunga serie di podi in diversi circuiti internazionali.

Con l’avvento della pandemia, però, il mezzofondista tesserato per la Tre Casali Asd ha dovuto fermarsi di colpo dopo aver macinato centinaia di chilometri. Ma come nasce la passione del podismo per il classe ‘89 nato a Poggiardo?

Una carriera sempre di corsa

Ho iniziato a correre nel 2013, quando ero nell’esercito – racconta. – Ero partito volontario e feci delle prove di selezione per il Pentathlon militare. Da allora mi innamorai di questo sport è non ho smesso più di correre”. Nel corso del 2020 Leggio ha continuato ad allenarsi per mantenersi in forma, con l’obiettivo di farsi trovare pronto per l’anno nuovo.

L’anno dell’emergenza sanitaria non è stato però tutto da buttare, anzi. Il salentino l’estate scorsa ha vinto il concorso per operatore socio-sanitario del “Perrino” di Brindisi. “Sono molto orgoglioso del lavoro che svolgo, soprattutto in questo periodo così delicato per l’umanità – dice Leggio. – Per quanto riguarda l’attività sportiva, molto dipenderà dalla pandemia, ma mi auguro di riconfermarmi anche quest’anno puntando a vincere tutti i circuiti ai quali prenderò parte”.

Spero di riuscire a battere i miei record personali, che sono di 34 minuti e 21 secondi sui 10 chilometri e di un’ora e 15 minuti sulla mezza maratona degli oltre 21 chilometri” conclude.