Dal Piano paesaggio regionale a Gallipoli Città policentrica: prende quota la ripresa di una “visione” in comune con Sannicola e Galatone

842
Tramonto a San Mauro 2018

Gallipoli – Gallipoli ci sta a programmare l’utilizzo del territorio in una ottica  sovracomunale e non solo perché lo prevede la pianificazione regionale del paesaggio territorio varato dall’allora assessore Angela Barbanente che prevede gli adeguamenti degli strumenti urbanistici locali al Piano paesaggistico della Puglia. L’adesione ad una operazione del genere proviene dal Sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva.

“Premetto che con le Amministrazioni di Sannicola e Galatone vi è spesso una utile concertazione in caso di urgenze”,  dice Minerva in risposta alla’appello avanzato da Giuseppe Nocera su piazzasalento, ex Sindaco per dieci anni di Sannicola e presidente dell’associazione Missione Comune. “Davanti a opportunità come il Pptr è tempo di approffitare e di riprendere un cammino che la lungimiranza che certi amministratori come Nocera avevano manifestato diversi anni fa ormai”.

“Uniti non solo nelle emergenze”

Il riferimento è ai territori costieri ma non solo della fascia nord di Gallipoli, da Rivabella, la Ròssina, Lido Conchiglie passando per la Rupe di San Mauro, area d’interesse comunitario tra Sannicola e Galatone. “La tutela del territori non può limitarsi a fronteggiare gli incendi o a contrastare eventuali abusivi – prosegue Minerva – ma vanno riprese visioni di grande spessore come quella di “Gallipoli Città policentrica” fiorita quasi venti anni fa e riguardante una dozzina di paesi”.

Gli adempimenti dettati dal Piano paesaggistico regionale in vigore dal 2015 “si ineriscono naturalmente in questo sfondi disegnato allora e che ha ancora una sua validità e modernità”, come sottolinea il Sindaco di Gallipoli. Piena disponibilità dunque da Minerva a mettersi a realizzare un disegno intercomunale, mentre procedono in via Pavia gli adempimenti al Pptr da portare poi all’esame del consiglio comunale.

In attesa di Galatone

Il presidente Nocera incassa dunque questo primo sì finalizzato a proporre alla Regione un ruolo di coordinamento a più voci. Interesse e disponibilità ha registrato la proposta di Nocera anche sul versante galatonese, come anticipa il Sindaco Flavio Filoni.