Da ragazzo “normale” a killer spietato: Casarano si interroga. Ne parlano tutti, “anche” gli esperti

19868
Casarano – Un ragazzo “normale” si trasforma in un killer spietato e ciò sconvolge (anche) la vita di un’intera comunità. Che si interroga. Dopo aver stravolto per sempre l’esistenza delle famiglie dei due fidanzati assassinati, con feroce premeditazione,“perché erano felici”.
Prima della carneficina di via Montello, a Lecce, quella di Antonio De Marco era un’esistenza “normale”: studente di Scienze infermieristiche a Lecce, diploma con buoni voti al Commerciale, famiglia per bene, pochi amici e null’altro da segnalare.

Un’esistenza “normale”, anche dopo l’orrore

Eleonora Manta e Daniele De Santis
Il reo confesso ha cercato di rendere “normale” la sua esistenza anche dopo il duplice efferato omicidio di Eleonora Manta e Daniele De Santis, sino all’arresto di lunedì scorso, partecipando ai tirocini in ospedale e persino ad una festa di compleanno di una collega, proprio nel giorno dei funerali della coppia ammazzata.