Crisi “Mercatone uno”: a Roma e Bari per cercare soluzioni dopo il fallimento. A casa anche 123 lavoratori tra Matino, Surano e San Cesareo

533

Matino – Surano – Regione e sindacati al lavoro per cercare una soluzione meno traumatica possibile per i lavoratori appiedati dal fallimento del gruppo Mercatone Uno. Quest’oggi a Bari il Comitato regionale per il monitoraggio del sistema economico produttivo e delle aree di crisi: la “task force” ha rilanciato la richiesta avanzata al tribunale di Milano di tornare all’amministrazione straordinaria della società, dichiarata fallita, per permettere di attivare la cassa integrazione straordinaria e permettere il sostentamento economico delle famiglie in difficoltà.

Il fallimento della “Shernon holding”, società che nell’estate 2018 aveva acquisito 55 punti vendita della catena di distribuzione (ovvero la maggior parte), ha fatto perdere il lavoro a 1.800 persone, tra le quali 256 pugliesi, 123 dei quali finora impiegati nei centri commerciali di Matino (46), Surano (35) e San Cesareo (42).

Accanto all’attivazione degli ammortizzatori sociali, la Regione, con l’assessore Sebastiano Leo, punta sulla riqualificazione del personale estromesso, “in modo da garantire loro un sostegno reddituale ed una prospettiva occupazionale”, come affermano Daniela Campobasso, Valentina Donno e Antonio Palermo, responsabili dei sindacati provinciali di categoria rispettivamente di Cgil, Cisl e Uil.

Pubblicità

L’incontro di Bari ha fatto seguito a quello già svoltosi lunedì scorso presso il Ministero dello sviluppo economico a Roma quando le parti sociali hanno incassato dal ministro Luigi Di Maio “l’impegno di verificare la possibilità giuridica di far rientrare i punti vendita nell’amministrazione straordinaria attiva prima dell’acquisizione da parte di Shernon”. In tal modo, quale soggetto sostitutivo d’azienda, l’amministrazione straordinaria potrebbe proporre l’attivazione della cassa integrazione straordinaria per cessazione dell’attività: oggi stesso tale richiesta è stata avanzata al Tribunale fallimentare di Milano.

Pubblicità