Creato da custodire, veglia di preghiera e riflessioni a Casarano. Organizza la diocesi di Nardò-Gallipoli

767

Casarano – Si tiene a Casarano l’annuale veglia di preghiera avente ad oggetto la custodia del Creato, sabato 16 novembre alle ore 20 presso la chiesa “Cuore Immacolato di Maria” (parroco don Roberto Tarantino, di Nardò), alla presenza del vescovo di Nardò-Gallipoli, mons. Fernando Filograna.

L’appuntamento è organizzato dalla Commissione diocesana di pastorale sociale e del lavoro, giustizia, pace e custodia del Creato (direttore don Francesco Marulli, di Copertino), insieme alla Caritas diocesana (direttore don Giuseppe Venneri, di Nardò).

Ecologia e biodiversità ricordando Papa Francesco

La 14^ giornata nazionale è stata celebrata il primo settembre di quest’anno e ha preceduto il Sinodo dei vescovi di ottobre, sul tema “Nuovi cammini per la Chiesa e per un’ecologia integrale”. “Conservazione e biodiversità” sono temi molto cari a Papa Francesco, tant’è li ha posti al centro della sua Enciclica “Laudato sì”.

Don-Francesco-Marulli

E di biodiversità parla pure il direttore diocesano di pastorale sociale don Marulli nel presentare l’appuntamento del 16 a Casarano: «L’annuale ricorrenza della giornata per la custodia del creato costituisce un momento importante di preghiera, di riflessione e di consapevolezza del dovere che abbiamo come cristiani di amare la “casa comune”, come espressione di lode al Creatore e di convivenza degna di questo nome. Quest’anno, i vescovi italiani ci invitano a concentrare la nostra attenzione sulla biodiversità. Al riguardo,  sabato prossimo sarà possibile, attraverso l’aiuto del consorzio Gema che gestisce il servizio di nettezza urbana a Casarano, avere dei validi spunti di riflessione con alcuni stand da loro preparati. Come chiesa diocesana raccogliamo l’invito del Papa ad impegnarci responsabilmente per una vita dignitosa e sicura, anche attraverso la custodia del creato».

Sabato 16 novembre, prima della veglia (dalle ore 19 alle 19,45) sarà possibile visitare la mostra “Laudato sì’” a cura di Caritas diocesana e lo stand sulla “Custodia del Creato” a cura del servizio di nettezza urbana “Gema”.