Covid ancora ai piani alti: 991 contagi e 21 ricoveri in Terapia intensiva. Nel Leccese 26 nuovi casi. Slitta la struttura di Taurisano

2762

Gallipoli – Quasi mille positivi emersi da una platea di 6.196 test esaminati in Puglia, pari al 16%. La media nazionale è di poco inferiore. Dei 994 nuovi contagiati, 725 sono localizzati tra Bari (373), Foggia (229), Bat (123). Nella parte meridionale della regione ci sono 79 casi a Brindisi, 153 a Taranto e 26 a Lecce. Si appesantisce anche il conteggio dei morti, oggi altri dieci tra Bari, Foggia, Taranto, Brindisi e Lecce (la donna 72enne di Montesano salentino).

Tra i dati più significativi ci sono poi quelli relativi ai ricoveri in ospedale, ma mentre per i reparti di Infettivi Covid si registrano quattro dimissioni (ne restano 745), in Terapia intensiva gli ingressi sono stati 21 che portano gli assistiti in stato clinico severo a 116, per un totale di ospedalizzati pari a 861. A Lecce ci sono sette degenti in Intensiva su 16 posti attrezzati.

Tanti guariti ma anche 21 in Intensiva

Gli odierni guariti – 276 – portano la massa di persone che ne sono uscite a 7.089 persone. Una buona notizia, insieme a quella relativamente buona sugli isolati in casa propria che continuano ad aumentare: adesso sono 13,372. Con loro crescono le esigenze di personale medico di base  deputato al controllo e monitoraggio dello stato di isolamento.

Si è tornati così a parlare delle Usca, le Unità speciali di continuità assistenziale, servizio 24 ore su 24 lasciato ai margini dopo la prima ondata e la curva dei contagi quasi azzerata, e che ora è diventato indispensabile. Come sottolinea l’Ordine dei medici di Puglia, che vuole affiancare ai medici di base, obiettivamente in grosse difficoltà, altre risorse per “governare” un paese di oltre 13mila abitanti, non tutti in situazioni abitative fisiche adeguate al regime dell’isolamento e non tutti rigorosamente rispettosi del proprio stato. A Lecce ne sono previste otto, tutte da approntare.

Gli ultimi casi in provincia

In provincia di Lecce ci sono 1.518 positivi attivi, cui si sono aggiunti i 26 nelle ultime 24 ore. Si segnalano nuovi casi ad Alliste (quattro più due isolati), Racale (12 e 15 in isolamento); a Melissano sono cinque e dieci nel Comune di Presicce-Acquarica (dati della Prefettura fermi al 2 novembre).

“I Servizi sociali e l’Assessorato alla Sanità – si legge in una nota del Comune – saranno in costante contatto con i contagiati, la Polizia locale con l’ausilio della Protezione civile, è incaricata di monitorare le persone in sorveglianza ed isolamento fiduciario. Si raccomanda l’assoluto rispetto delle norme in vigore nonché di quelle di imminente entrata, oltre al rispetto di ogni regola di prudenza”.

La tensostruttura di Taurisano slitta

A Taurisano infine sta per aprire i battenti la struttura mobile, montata da tecnici dell’Esercito nell’area mercatale, che servirà a somministrare il tampone faringeo a quanti lo richiederanno. Tra scuole e una società sportiva il paese rischia di diventare un caso difficile da gestire, per cui le autorità sanitarie regionale hanno deciso questo intervento extra (l’altro in contemporanea a Giovinazzo). Sugli atti ufficiali si legge di un avvio il 5 novembre, giovedì, ma voci informali parlano di problemi ancora da risolvere.