Comdata Lecce: fine del precariato per i lavoratori della “commessa Inps”

1176

Lecce – Fine del precariato per oltre 70 lavoratori del call center Comdata di Lecce. Gli operatori impegnati nella commessa Inps, che nei mesi scorsi erano transitati da Transcom grazie alla clausola sociale, diventeranno dipendenti a tutti gli effetti del colosso delle telecomunicazioni.

Comdata, multinazionale del settore dei servizi alle imprese per l’assistenza clienti, ha  ufficializzato la stabilizzazione, a partire dal prossimo 21 dicembre, dell’80% degli attuali lavoratori impegnati per Inps (circa 90 lavoratori): per gli altri verrà avviato un percorso di formazione di alcuni mesi finalizzato alla stabilizzazione.

L’accordo

Tale risultato è stato ottenuto al termine di un confronto con le Rappresentanza sindacali unitarie e le segreterie provinciali di Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil, rispettivamente con Tommaso Moscara, Gianni Bramato e Massimo Passabì.

«I lavoratori interessati – spiega una nota del sindacato – usufruiranno a dicembre di un ulteriore mese di proroga in somministrazione con l’Agenzia per il lavoro previsto dal “Decreto agosto”, per poi diventare a tutti gli effetti dipendenti a tempo indeterminato di Comdata. Grazie ad un lavoro sinergico tra Sindacati e Azienda, Comdata ha accettato di assicurare, ai lavoratori che non saranno interessati da questi processi, una proroga per valutare ulteriormente la possibilità di estendere un’eventuale stabilizzazione. Inoltre, l’intesa consentirà a tutti i lavoratori di sottoscrivere con l’azienda un contratto con orario non inferiore alle 20 ore settimanali».