Ciclista travolto e ucciso sulla Statale: “Ero io alla guida”, 40enne si presenta in caserma e scagiona il padre

2517

Alezio – Svolta clamorosa sulla morte di Cristiano Tricarico, il 45enne di Taviano travolto e ucciso lo scorso 24 febbraio da una Fiat Punto mentre, a bordo della sua bici, percorreva la statale Gallipoli-Leuca. Ad investirlo non sarebbe stato il 66enne che scappò via dopo l’incidente, senza prestare soccorso, salvo telefonare ai carabinieri alcuni minuti dopo il fatto, ma il figlio di questi, un 40enne di Alezio.

Sabato mattina la “svolta” quando l’uomo si è presentato nella caserma dei carabinieri del paese, accompagnato dai suoi legali, per raccontare la sua verità su quanto accaduto lungo la statale 274, all’altezza di contrada Monaci. Sarebbe stato lui, e non il padre, ad investire e uccidere, senza prestare soccorso, il 45enne tipografo di Taviano. Tale versione passerà ora al vaglio degli inquirenti, anche grazie alla consulenza disposta dalla Procura che ha affidato all’ingegnere stradale Antonio Vernaleone.