Che pescata di plastiche! Volonatari in azione ieri in otto località costiere dallo Jonio all’Adriatico

508

Torre Suda (Racale) – Hanno risposto pure i “guardiani” dell’ambiente costiero racalino all’invito arrivato da Lecce, dal’associazione Fipsas (Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee) per una straordinaria quanto necessaria “Pesca di plastica” svoltasi ieri in diverse località salentine.

In programma interventi a Gallipoli e Lido Pizzo (Legambiente e Messapia Team), Torre San Giovanni di Ugento (Associazione dei commercianti e Lega navale e Fishing Team), Tricase Porto (associazione Arapaima), Castro, Marina di Alliste (comitato del presepe vivente, Pro loco), Laghi Alimini di Otranto Asd Le Pilane), Torre Chianca a Lecce, Santa Maria al Bagno di Nardò, Porto Cesareo e Punta Prosciutto (Over Fishing Salento).

A coordinare le operazioni a Torre Suda l’associazione Amici del mare, la Pro loco e l’Alpoga Team. All’iniziativa ha partecipato, dando una mano alla realizzazione, anche l’Amministrazione comunale con la consigliere delegata al’Ambiente, Anna Toma.

Purtroppo notevole è stato il “pescato” di oggetti di vario uso rigorosamente in plastica ed altrettanto rigorosamente abbandonati là dove capita. A sostenere l’iniziativa su scala provinciale sono stati Progetto Natura di Quarta Caffé, Progetto Mare pulito, Petra Nera e Tropical store.