“Casarano è contro tutte le discriminazioni”: condanna del Sindaco dopo l’aggressione razzista. Il Pd all’aggredito: “Torna, ti aspettiamo”

905
Ottavio De Nuzzo

Casarano – Ha suscitato una vasta sensazione di riprovazione l’aggressione di stampo razziale, verbale e fisica, contro un giovane di colore che stazionava davanti ad un supermercato cittadino in cerca di qualche moneta. Nel brutale episodio sono stati coinvolti un vigile urbano di Casarano e i poliziotti del commissariato di Taurisano. Due gli arresti, entrambi 22enni e del luogo (un terzo componente del gruppo è riuscito ad allontanarsi).

Dello sdegno si fa portavoce in prima persona il Sindaco Ottavio De Nuzzo. “L’episodio di discriminazione a sfondo razziale messo in atto da alcuni giovani nei pressi di un supermercato della città è inaccettabile”, afferma De Nuzzo in una nota diffusa oggi. “L’Amministrazione Comunale di Casarano stigmatizza e condanna con fermezza l’accaduto. Il fatto è gravissimo poiché la discriminazione razziale è stata accompagnata dalla violenza fisica nei confronti del malcapitato (pugni al volto, ndr).

Solidarietà a vigile e agenti malmenati 

Il Sindaco rimarca anche il fatto che “violenza è stata attuata anche contro l’agente della polizia municipale e degli agenti del Commissariato di Taurisano intervenuti per porre fine all’azione sconsiderata dei giovani”. “La circostanza poi che i giovani fossero visibilmente ubriachi, così come riportato anche dagli organi di stampa – dice De Nuzzo – non giustifica né attenua la gravità dell’accaduto”.

“Casarano condanna le discriminazioni di qualunque genere – conclude il primo cittadino casaranese – e sono convinto di poterlo affermare facendomi interprete dei sentimenti di tutti i Casaranesi. Manifesto a nome dell’Amministrazione la solidarietà e la vicinanza agli agenti intervenuti per la violenza subita nell’esercizio delle funzioni. Dinanzi a questi episodi dobbiamo essere tutti uniti e manifestare in modo ancora più forte lo spirito di comunità. Condannare non basta: dobbiamo, sia come rappresentati delle Istituzioni e sia come cittadini, porre in essere azioni e comportamenti concreti a che questi episodi, sintomi di un malessere che ancora affligge la nostra società, siano definitivamente banditi e debellati”.

“Inaccettabile il comportamento dei giovani aggressori”

Dopo aver richiamato i passaggi principali del grave episodio anche il comitato direttivo del Pd prende posizione. “È assolutamente deplorevole e inaccettabile il comportamento dei due (o tre) ragazzi, che dimostra come il neo dell’odio razziale perversi e generi, sempre più spesso, violenza. Violenza che si è perpetrata anche ai danni degli agenti, dimostrando una pericolosa assenza di rispetto nei confronti delle istituzioni. La condizione di ebbrezza, inoltre, è forse ancor di più il sintomo di un disagio sociale”.

Oltre a condannare in maniera strenua l’accaduto, il circolo cittadino del Pd – si legge in una nota di questo pomeriggio – si interroga sul contesto e sulle condizioni che permettono che ciò accada, sull’assenza di rispetto, verso gli altri e verso se stessi, sul ruolo che tutta la comunità potrebbe avere nella prevenzione di simili accadimenti, attraverso l’inclusione, il confronto e la partecipazione”.

Il disagio giovanile e gli impegni

Il Pd infine si interroga anche “su quale ruolo può svolgere un partito politico e soprattutto un circolo cittadino, richiamando ai valori fondanti di una comunità e confrontandosi con tutti per assumere decisioni utili alla pratica di quegli stessi valori. Intanto, un plauso agli agenti intervenuti per il lavoro egregiamente svolto e un abbraccio al ragazzo di colore del quale si sono perse le tracce: ti aspettiamo nella nostra Casarano”.