Buona la prima per il “Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca”: in programma altre due date per l’edizione n. 38

1163

Corsano – Successo per la prima sfilata del “Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca” svoltasi domenica scorsa. Il secondo appuntamento si terrà domenica 23 febbraio ed il finale martedì 25 (con collegamenti a cura di Telenorba durante la diretta con il Carnevale di Putignano).

A sfilare per le strade del paese sono tre “opere d’arte” in movimento realizzare con cura e dedizione dai maestri cartapestai provenienti dal Capo di Leuca: in apertura quello realizzato dalla Pro Loco di Corsano con a bordo i conduttori Biagio Martella, Lucia Martella e Lucia Bleve.

I carri in concorso

I tre carri in concorso sosteranno alle ore 15 in via Kennedy e, prima della sfilata, ci sarà un dj-set a cura del dj Lucas. La sfilata percorrerà via Regina Elena, via Cellini, via Umberto I e via Libertà per giungere in piazza San Biagio.

I carri allegorici in concorso che ambiscono a conquistare il “Trofeo del Carnevale” sono “Il mondo che vorrei”, del gruppo “Picca ma boni” di Patù (carristi Sergio Abaterusso, Francesco De Nuccio e Gianfranco Ecclesie), con la rappresentazione di un bambino che dipinge il mondo del futuro con i colori della speranza di pianeta più pulito; “Mmucamenti” del gruppo “Mir” di Corsano (con Cesario Ratano, Pasquale Rizzo e Roberto Buccarello) che affronta la tematica degli scandali ambientali a partire dall’inquinamento del mare e dalla sofferenza degli animali marini; “Presto che è tardi” realizzato dal gruppo “Quelli che il Macello” di Corsano (carrista Carlo Morrone) che ha come tema il surriscaldamento globale, l’ex Ilva, le trivelle e il mondo del mare.

L’edizione n. 38

La manifestazione, giunta alla 38^ edizione, è organizzata dalla Pro Loco di Corsano, presieduta da Salvo Bleve, con il coinvolgimento di gruppi danzanti, scuole di ballo e singole maschere.  Il “Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca” è sostenuto con il patrocinio da Unpli (Unione delle Pro loco d’Italia), Città di Corsano, Unione dei Comuni “Terra di Leuca”, Gal di Capo Santa Maria di Leuca, parrocchia Santa Sofia e Protezione civile “La Torre”, con media partner Radio Venere e Radio Peter Pan.

I gruppi mascherati, tra cui la Quadriglia, animeranno il corteo carnevalesco. Nel corso della manifestazione sarà aperto un contest fotografico per premiare la maschera più bella e simpatica. Il “Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca” farà da cassa di risonanza per l’iniziativa “Aiutiamo Stefano” promossa da Fidas e Admo, finalizzata alla ricerca di un donatore di midollo osseo (maggiori info su www.admo.itwww.admopuglia.it, 3282835902).

Patù e Corsano insieme

«L’evento rappresenta l’anima autentica del nostro paese, porta con sé storia, usanze e tradizioni che si tramandano di generazione in generazione – afferma l’assessore alla Cultura e al turismo Antonella Nicolì – e ancora credo, che nonostante Corsano abbia una straordinaria vivacità culturale, grazie a rinnovati fermenti giovanili, il Carnevale resta per eccellenza la gioia più grande di ritrovarsi tra le strade, incontrarsi tra le piazze e riunirsi nel divertimento evidenziando così un prezioso valore per la comunità»

Quest’anno, come già accaduto l’anno scorso, nella sfilata carnevalesca c’è anche il carro allegorico di Patù realizzato dal gruppo “Picca ma boni” e dallo storico carrista Sergio Abaterusso. «È stato bello vedere i maestri cartapestai del nostro piccolo paese unirsi e non competere tra loro. È doveroso ringraziare – afferma il consigliere comunale Gianfranco Melcarne –  quanti hanno contribuito alla realizzazione del carro aiutandoci e incoraggiandoci in tutte in ogni fase e in ogni modo».

Martedì 25 l’ultima sfilata

Il carro vincitore verrà proclamato martedì 25 febbraio con l’assegnazione del trofeo. La sfilata conclusiva sarà visibile integralmente in diretta streaming su www.radiodelcapo.it. In coincidenza con gli orari delle manifestazioni, la circolazione sulla strada provinciale 81 sarà interrotta nel tratto urbano, con deviazioni sulla strada provinciale 188 e sulla strada provinciale 80.