Belli, bravi, geniali ed anche narcisi. Eppur si cresce

1491

fernando d'aprileBelli, bravi, geniali. Furbi, anche. Magari in parte è vero. Ma ogni tanto è salutare andare oltre l’autocompiacimento e vedere come ci vedono gli altri in tema di luogo privilegiato per le vacanze. In pratica, concretamente. L’ex premier fiorentino ha sibilato che le Isole Baleari (Spagna) hanno più turisti della Puglia. Questioni congressuali, conti aperti con Emiliano. Il dato c’è però (il 13° posto tra le venti regioni in fatto di arrivi stranieri) ma più che indicare una defaillance, testimonia – lo dicono gli operatori – un dato non disprezzabile. Piccolo, marginale, quasi pittoresco in certi luoghi, che non muove di molto il fatturato. Ma positivo. Lo dicono coloro che i turisti vedono arrivare in ogni periodo dell’anno, e ripartire, magari dopo aver lasciato detto cosa li ha delusi. I collegamenti in primo luogo: senza auto da Brindisi in giù come ci si sposta? La metropolitana di superficie targata Fse ha compiuto 40 anni e ancora è di carta. Dipendiamo da una compagnia aerea che se trovasse conveniente operare altrove, ci lascerebbe col culo per terra. Prevalgono ancora il lavoro individuale e la programmazione mese dopo mese; non ci sono pacchetti di offerte attraenti per l’estero… Ma se nonostante questo e altro ancora, si cresce nel mondo, cosa potremmo fare senza lacci emostatici, compresi quelli autoctoni, naturalmente, che ci fanno sentire unici oltre ogni limite (e non è vero, detto fra noi)

 

Pubblicità