Baia verde, primi interventi in arrivo. “Pace” fatta tra associazione e Comune

679

Gallipoli – L’avvio di un intervento di rimozione erbacce, così come nel resto della città, dai prossimi giorni; riparazione di alcune strade con particolare riguardo alle buche (in primo piano le piazze Magnolie e Aceri); ingiunzione ai privati che con le loro costruzioni hanno limitato o del tutto interrotto i canali di drenaggio: sono queste alcune delle iniziative prese dal Comune per iniziare a dare una svolta alle condizioni di Baia verde, il polmone residenziale del litorale sud.

Gli obiettivi sono stati comunicati ai diretti interessati – residenti e villeggianti rappresentati dall’associazione omonima – circa un mese fa ed oggi sono stati resi noti in una conferenza stampa alla presenza di amministratori (Sindaco Stefano minerva, assessori Palumbo, Cataldi e Scialpi), tecnici comunali e rappresentanti del sodalizio, col presidente Giuseppe Bruno ed altri dirigenti.

L’architetto Bolognese ha rimarcato – oltre al diserbo ed alla pulizia del territorio – l’arrivo “entro l’anno” del progetto per il problema cardine: la rete fognaria pluviale da anni non più sufficiente per l’agglomerato urbano. Da ieri comunque, in prossimità dei varchi per la zona pedonale, sono in funzione le annunciate telecamere.

Pubblicità

L’assessore Cataldi ha preannunciato un evento del cartellone estivo – forse una famosa  opera lirica – nel periodo di Ferragosto: “Vorrei – ha detto – che Baia verde diventasse un luogo di richiamo per attrattive e intyrattenimenti”. La sua collega Scialpi (Polizia urbana) ha informato della istituzione di una pattuglia di vigili dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 (servizio assicurato anche per Rivabella e Lido Conchiglie).

Il problema vigili (la ricerca di 13 agenti da altre graduatorie è finita con un reclutamenti di appena tre vigili) è stato illustrato dal comandante Antonio Morelli, precedenti a Taranto e Grottaglie tra gli altri. Alle rinunce di molti si è deciso di sopperire raddoppiando l’orario di lavoro ai vigili part time in servizio (dieci unità). “del resto, ci sono in servizio vigili che non prendono ferie dal 2007-2008”, ha rilevato circa il sottodimensionamento degli organici.

Nonostante ciò, sono partiti i controlli per bloccare occupazioni di suolo pubblico abusive o eccedenti le aree autorizzate. Per luglio ed agosto sarà istituito anche il terzo turno “fino ad ore tarde della serata”, più un servizio di vigili con bici a pedalata assistita.  Ma il reclutamento di altri vigili non è idea abbandonata: “Le risorse ci sono – ha detto tra l’altro Minerva – vedremo se posiamo attingere a graduatorie di altri Comuni”.

Il tema sicurezza è poi affiorato durante l’incontro. Da piazzasalento è stato ricordato che nel 2017 vi furono tre interventi della Guardia di finanza contro il sovraffollamento (di questi giorni le ingiunzioni spiccate dal Comune); nessun controllo a tappeto l’anno scorso. E quest’anno? “Stiamo lavorando con la Questura, la Prefettura e col Comando provinciale dei carabinieri per ottenere rinforzi”, ha assicurato il Sindaco, che non ha condiviso l’invio di nove poliziotti in più, di cui sei destinati ad effettuare servizio a Lecce.

La Baia verde comunque vedrà attivata la limitazione al traffico dall’1 luglio; le barriere appena installate sono rimovibili per mezzi di soccorso e per gli automezzi leggeri della raccolta rifiuti (a tal proposito l’ecocentro è dato per aperto da domenica o lunedì prossimi). Infine i turisti, che cambiano settimana dopo settimana, circa le regole da rispettare soprattutto in tema di rifiuti.

Scoppiata la tregua, in definitiva, tra Amministrazione comunale e associazione della Baia verde. Circa un mese fa dal sodalizio erano partite bordate all’indirizzo di via pavia: “Gli abitanti sono stati presi in giro per tre anni” era stata la tesi di fondo di un articolato attacco a tutto campo. Più tranquilli oggi i contestatori.

“D’accordo, per alcuni problemi ci vuole tempo (tipo per la fognatura bianca, la contesa col consorzio di bonifica) ma finalmente avremo un po’ di manutenzione ordinaria dopo i lavori agli impianti (le pompe, ndr) che sembrano aver risolto in parte il problema allagamenti”, ha affermato in conclusione il presidente Bruno. “Mi auguro che sia la volta buona in tema di sicurezza, igiene, con canali pieni di acqua stagnante. Finalmente – ha proseguito Bruno – un percorso strutturato dopo tanti anni. Vi ricordo – ha concluso rivolto agli amministratori – che i residenti versano al Comune un milione ogni anno”.

Il ramoscello d’ulivo è stato raccolto dal Sindaco che ha parlato di “un percorso iniziato tre anni fa e che avrà risultati anche a lungo termine da una Amministrazione che quando sbaglia chiede scusa”. “Ora la situazione comincia ad essere più vivibile – ha proseguito il primo cittadino – e grazie all’associazione stiamo affrontando i problemi insieme. Si parte con una serie di interventi dopo tanti anni senza regole: sono i buoni frutti di un patto per il dialogo che è sempre vivo”.

(nelle foto dall’alto, il tavolo dell’Amministrazione comunale; gli assessori Cataldi e Palumbo, un gruppo di rappresentanti dell’associazione Baia verde; il presidente Giuseppe Bruno)  

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità