Aradeo capitale dello zafferano: il forum mette gli esperti a confronto

5971

Aradeo – Aradeo si candida ad essere “Città dello zafferano”. Intanto, per un giorno, il paese sarà la “capitale italiana” di questa “spezia del buonumore”. Venerdì 25 maggio, con inizio alle ore 9 e chiusura alle ore 13,30, Palazzo Grassi ospita un Forum organizzato dall’Associazione Zafferano Italiano, il più importante e rappresentativo gruppo di imprenditori agricoli del settore che riunisce circa 350 imprese agricole che coltivano questo speciale prodotto, usata non solo in gastronomia ma anche in campo medicinale per le sue sorprendenti proprietà benefiche sull’organismo umano. La manifestazione si svolge in collaborazione con il Comune di Aradeo ed ha il patrocinio dell’Ordine dei Dottori agronomi forestali di Lecce e del collegio dei Periti agrari e Periti agrari laureati della Provincia di Lecce. Dopo i saluti dei presidenti degli Ordini professionali e del sindaco Luigi Arcuti, il moderatore del Forum Sergio Falconieri introdurrà la discussione sulle opportunità di sviluppo dei produttori pugliesi. Le relazioni saranno svolte dagli agronomi Alessandro Mazzuoli e Giovanni Piscolla.

I produttori locali Alle 12,30 Sergio Minerba, della Tenuta Agricola Luna di Aradeo, presenterà il lavoro di alcuni produttori salentini. La sua esperienza sul territorio, pur se relativamente recente, ha già dato ottimi frutti. La decisione di recuperare insieme a Fausto Chirivì e Maurizio Bono questa antica coltura su un terreno alla periferia del paese in contrada “Luna” ha portato ad una produzione “certificata di prima categoria” in base alla normativa vigente. Lo zafferano appartiene alle antiche coltivazioni della nostra terra. È elemento caratterizzante della “scapece” gallipolina e documenti storici riportano vertenze feudali circa il pagamento della “decima sullo zafferano”. L’importanza di questo prodotto è data dai dati Instat: l’Italia produce annualmente fra i 500 ed i 60 kg ed importa 22.500 kg per un valore di circa 23 milioni di euro.