Amministrative a Ugento, prime candidature e tante voci

1587
OBIETTIVO COMUNE Si guarda al Municipio. Per la maggioranza è data per scontata la riconferma di Massimo Lecci per la poltrona di primo cittadino. Le forze di opposizione si stanno organizzando
OBIETTIVO COMUNE Si guarda al Municipio. Per la maggioranza è data per scontata la riconferma di Massimo Lecci per la poltrona di primo cittadino. Le forze di opposizione si stanno organizzando

UGENTO. Passa tra le polemiche il Piano comunale delle coste adottato a fine dicembre dalla Giunta del sindaco Massimo Lecci. L’opposizione accusa la maggioranza di aver adottato il documento con scarso coinvolgimento della terza commissione consiliare e della cittadinanza. Sono i consiglieri Angelo Minenna e Carlo Scarcia (in alto), in particolare, ad alzare la voce, lamentando poca chiarezza nella delibera di adozione.
I due consiglieri si soffermano in particolare sulla mancata messa a disposizione degli elaborati tecnici trasmessi dai professionisti a febbraio e a giugno dello scorso anno. «La commissione – aggiungono – aveva il dovere, a sua volta, da un lato di verificare il contenuto degli elaborati rispetto alle osservazioni presentate da tutti coloro che avevano interesse in merito all’argomento, dall’altro di portare a conoscenza di tutti i cittadini i contenuti della proposta finale del Piano».
Nella lettera inviata al sindaco, al responsabile del settore Urbanistica Nicola Pacella Coluccia, al presidente della terza commissione Maria Venere Grasso e al segretario comunale Landolfo Zanelia, Scarcia e Minenna suggeriscono di posticipare il deposito del documento per «completare l’iter intrapreso dalla terza commissione consiliare e, comunque, per garantire il principio del legislatore regionale, che è quello di dare massima pubblicità al Piano».

«Il Piano – affermano Minenna e Scarcia – non pianifica solo le concessioni demaniali, ma anche altri aspetti importanti del nostro territorio». Da qui la richiesta di un maggiore coinvolgimento della cittadinanza e della commissione.
«Non stiamo facendo altro se non rispettare le norme – afferma il sindaco Massimo Lecci (in basso) rispondendo a Minenna e Scarcia». E continua: «La legge regionale prevede il passaggio in Giunta, la pubblicazione degli elaborati e la successiva discussione in Consiglio comunale. Ed è in questo modo che ci stiamo muovendo. Tra qualche giorno sull’Albo pretorio saranno pubblicati gli elaborati, che saranno quindi messi a disposizione sia dei consiglieri, sia dei portatori di interesse. Ognuno avrà la possibilità di valutarli e di avanzare proposte. È sufficiente leggere le norme».