A Tricase nuovo Consiglio comunale in piena crisi amministrativa: tiene banco il caso “Sodero”

1042
Carlo Chiuri

Tricase – È stato convocato per venerdì 19 giugno, alle ore 12, il Consiglio comunale di Tricase con un unico ordine del giorno: la surroga dei sette consiglieri comunali che si sono dimessi, lo scorso 12 giugno, a seguito delle dimissioni del sindaco Carlo Chiuri e della sua Giunta.

Secondo la legge, il Sindaco può ritirare le sue dimissioni entro 20 giorni dalla presentazione delle stesse che a Tricase diventeranno effettive il prossimo 28 giugno, aprendo la strada al commissario prefettizio. Nel frattempo, tuttavia, occorre procedere con la sostituzione dei consiglieri dimissionari, così come previsto per legge.

La mozione di sfiducia e il “caso Sodero”

In capo al Primo cittadino pende ancora la mozione di sfiducia presentata da nove consiglieri lo scorso 3 giugno anche se, come noto, la pentastellata Francesca Sodero ha deciso, nei giorni scorsi, di ritirare la sua firma denunciando “strane coincidenze” nella nomina dell’ingegnere Aurora Indino (moglie del presidente del Consiglio Dario Martina) a direttore tecnico generale della Salento Energia Srl, società partecipata delle Provincia di Lecce.

Le esternazioni della Sodero, hanno indotto l’Ufficio di Presidenza della Provincia ad interessare l’avvocatura e il Presidente Stefano Minerva ha ribadito l’assenza di qualsiasi ingerenza e collegamento tra la nomina dell’ingegnere Indino e vicende legate all’Amministrazione comunale di Tricase.

A difesa dell Sodero, si registra l’intervento del deputato del Movimento 5 Stelle Leonardo Donno: «Al netto della correttezza e della trasparenza della procedura che ha interessato la nomina, risulta spropositata la reazione della Provincia che minaccia querela ad una consigliera allorquando esterna le proprie perplessità sull’opportunità politica della nomina in questione in concomitanza con gli eventi che stanno interessando il Comune».