A Gallipoli spiaggia della Purità da riqualificare con 175mila euro. A San Gabriele parco “a nuovo”

697
Gallipoli – Intervento di recupero in vista per la spiaggia della Purità a Gallipoli. La Regione Puglia ha, infatti, ha stanziato 175mila euro per il recupero e la riqualificazione ambientale ed infrastrutturale della caratteristica spiaggia sita a ridosso delle mura della città antica, con la creazione di un corridoio protetto tra la costa e l’Isola del Campo. Il finanziamento rientra nell’ambito dei fondi previsti per la rigenerazione urbana sostenibile, in cui Gallipoli è stato capofila delle aree candidate insieme ai Comuni di Alezio e Tuglie.
Stefano Minerva

Nel dare notizia del finanziamento ottenuto, dal sindaco Stefano Minerva giunge una conferma: «Premetto che la spiaggia della Purità fino a quando ci sarà l’attuale Amministrazione sarà sempre libera e fruibile, lontana da ogni forma di privatizzazione. Non potevamo sottrarre certo al nostro interesse la spiaggia storica dei gallipolini, verso cui nutriamo forte attenzione, mantenendo il carattere pubblico e libero della stessa. L’assenza di una iper strutturazione di servizio per la balneazione e per l’approdo, che fino ad oggi è stata vista come un elemento dequalificante, è invece una risorsa da potenziare e ulteriormente alleggerire».

La pulizia degli elementi “detrattori”

Nell’area sono presenti infatti molti elementi “detrattori”, come la presenza di massetti in calcestruzzo posati direttamente sulla sabbia, il degrado non strutturale degli spazi delle arcate di sostegno dei bastioni, cumuli di blocchi da costruzione, pavimentazione in calcestruzzo fortemente compromessa sulla rampa di accesso ai bastioni, presenza di imbarcazioni negli spazi destinati ai bagnanti con navigazione delle stesse sotto costa nel tratto di mare tra l’Isola del campo ed i bastioni.

«Il progetto prevede di alleggerire la spiaggia dai detrattori e di inserire una dotazione minima di attrezzature», spiega l’assessore al Centro storico e Lavori pubblici Biagio Palumbo. Si interverrà con la rimozione dei massetti di calcestruzzo e di altri cumuli di detriti, la rimozione dei massetti e ripavimentazione della rampa di accesso con materiali drenanti, l’interdizione alla navigazione nell’area marina tra isola del Campo e bastioni, la posa di boe di segnalazione per l’interdizione, la ripulitura e la rimozione di elementi difformi dal paramento murario degli spazi delle arcate, l’allestimento di una cabina di deposito per attrezzature da spiaggia negli spazi sotto le arcate della rampa di accesso, l’installazione di una passerella con doghe di legno, la nuova illuminazione negli spazi delle arcate sotto i bastioni, sedute, cestini, attrezzature per bambini.

«L’intervento sulla spiaggia della Purità – spiega Minerva – è connesso con l’intervento del centro sociale di inclusione previsto per l’ex convento dei Domenicani perché prevede che una porzione del contributo corrisposto dagli assegnatari di posti letto sia per equivalente corrisposta in forma di prestazione di opere di gestione, pulizia, guardiania e manutenzione ordinaria di spazi pubblici, in particolare della spiaggia, fruiti sia dai residenti sia dai turisti, opere che resterebbero altrimenti da finanziare con fondi pubblici difficilmente reperibili».

Il parco “a nuovo”

Intanto, sul versante opposto della città, nel pomeriggio di ieri c’è stato un sopralluogo preliminare per la realizzazione del nuovo parco di via Berlinguer, dedicato al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, nel quartiere San Gabriele (a sinistra subito dopo l’ospedale entrando in città).

Primo obiettivo sarà quello di rifare il manto stradale sulle strade principali della zona, tra cui via De Giorgi e via Deledda. Per la realizzazione del nuovo parco si punta al coinvolgimento dei residenti e per questo Nicola Ripa, presidente dell’associazione di quartiere “Città nuova”, ha convocato cittadini e abitanti della zona per confrontarsi con tecnici e amministratori. «Il progetto – spiega Palumbo – punterà a soddisfare le richieste garantendo servizi, più attenzione al verde e maggiore flessibilità d’uso degli spazi. Siamo nella fase preliminare del progetto – spiega Palumbo – ma siamo certi che punteremo su un’area attrezzata per i cani, il cosiddetto dog-park, e su un’area per i più piccoli affinché questo posto possa diventare un punto di riferimento per la comunità e per le famiglie». Il progetto partirà dallo spazio già arredato con panchine e archi situato tra via Enrico Berlinguer e via Agesilao Flora e proseguirà per l’intera estensione dell’area verde, pari ad un ettaro.