A Gallipoli l’omaggio di Max Sauvage alla “Pop art” di Roy Lichtenstein

308

Gallipoli – “Two great pop icons” è il titolo della mostra dell’artista gallipolino Max Hamlet Sauvage che verrà inaugurata sabato 1 agosto alle ore 19.30 alla presenza del sindaco Stefano Minerva. Si tratta di un’iniziativa proposta dall’assessorato alla Cultura del Comune.

La mostra, un omaggio a Roy Lichtenstein, artista statunitense tra i più celebri esponenti della “Pop art”, viene ospitata fino al 20 agosto presso il locale “Netlam” di via Antonietta De Pace (in centro storico).

L’artista

«Gli anni Sessanta hanno prodotto stili e tendenze differenti e in questo periodo nasce la Pop Art con Roy Lichtenstein ed altri artisti americani. Io – afferma Max Sauvage – mi sono ispirato ed ho attinto a questo Movimento e ai pittori surrealisti. Questo mio ciclo di 20 opere inedite di grande formato verso l’artista ripropone alcuni dei suoi soggetti, presi a prestito rivisitandoli in un’altra concezione estetica dell’avanguardia pop con intenzioni di pluriprodurre le sue immagini celebri prefabbricate del fumetto. Non ho conosciuto personalmente Roy, ma l’ho sempre seguito e visitato le sue grandi mostre antologiche nei musei del mondo che lo hanno celebrato». Max Sauvage, nato a Gallipoli nel 1950, ha vissuto e ha lavorato tra l’Italia e la Francia, collezionando numerose esposizioni personali, ad iniziare dal 1972 presso la galleria Schettini di Milano passando per la Redfern Gallery di Londra e la Galleria Pyramida di Praga, per fare alcuni esempi.

«Siamo lieti di ospitare le opere di uno dei più grandi artisti contemporanei. Siamo sicuri – afferma Minerva – che la sua arte potrà incantare cittadini e turisti che visiteranno la nostra città. L’esposizione fa parte di un progetto più grande “Gallipoli si mostra”: una Gallipoli che ora punta come non mai sull’arte e sulla cultura».