Vespe e Lambrette, passione perenne

di -
2 736

Gli organizzatori del raduno

Alezio. La quarta edizione del raduno “Vespe e Lambrette” organizzato dall’Associazione motociclistica Alixias ha riscosso un ancora più ampio successo degli anni precedenti con ben 155 iscrizioni.

«La vespa è diventato un fenomeno, non mi aspettavo un così gran numero di affluenze», il commento di  Ranieri Di Leito presidente del Vespa Club Salento.

Diverse le provenienze partecipanti e di ogni età: Melissano, Racale, Parabita, Botrugno, Casarano, Galatone, Gallipoli, Collepasso, Ruffano, Aradeo, Sannicola, Tuglie, Matino, Galatina, Lecce, Bari, Bolzano, Monza e addirittura  Belgio e  Svizzera.

La gloriosa “Vespa” come  collante sociale, dunque. Meritano tra gli altri una menzione i due partecipanti più maturi: l’aletino Antonio Bidetti, classe 1936, presente fin dalla prima edizione («Non lo venderò mai, il vespone morirà con me», promette); il belga Riccardo De Vito, classe 1933, premio speciale per l’età.

Venti sono state le premiazioni al termine del raduno, 15 per la categoria “Vespe”, cinque per la categoria “Lambrette” e cinque  per la categoria “premi speciali”, tra i quali il premio “Famiglia con maggior numero di partecipanti” alle famiglie Pantaleo Merenda e Enzo De Benedetto Enzo, il premio al gruppo di “vespisti” più numeroso a Paride Mosca con il suo gruppo “Dreher” e infine il premio “Vespa più rara” a Tommaso Fedele con la sua “50 SS”.

NP

 

Commenta la notizia!