Ulivi malati sradicati in cinque nuovi focolai

ulivi malati sp gallipoli sud-matino li sauli (7)GALLIPOLI. Giorni cruciali intorno agli ulivi malati e all’esigenza di contenere al massimo l’infezione da “Xylella fastidiosa”. Questa mattina sono iniziate le operazioni di espianto delle piante colpite dal batterio veicolato da alcuni insetti parassiti: nel mirino degli interventi cento ulivi in cinque focolai “puntiformi”, come li definiscono gli esperti ed i tecnici del Servizio fitosanitario regionale. Abbattimenti ci sono stati nelle campagne lungo la Lecce-Torre Chianca, la Trepuzzi-Squinzano, di Sternatia, Copertino e Galatina.

I focolai infettivi sono stati individuati durante le ispezioni scattate dopo l’insorgere della malattia nella zona di Galatone-Gallipoli-Casarano-Ugento, la più colpita ed ora in quarantena e sotto stretta osservazione. In questi giorni l’Unione europea riceverà le 16mila analisi a campione richieste ed entro aprile il piano nazionale di contenimento del batterio. Sempre entro questo mese, secondo le intese trovate tra governo italiano e Commissari europei, ci sarà la stesura definitiva – previa fase negoziale – del testo contenente gli interventi e che supererà quello pubblicato a metà febbraio e al centro di accese opposizioni. Va ricordato che in questa emergenza a soffrire non sono soltanto gli olivicoltori ma anche i vivaisti: per loro il divieto assoluto di movimentare piante di ulivo e di altrespecie fuori dai confini della provincia.

Commenta la notizia!