Taviano, con il Gal alla scoperta della Serra

Una bella immagine della serra di Castelforte e in basso un antico sentiero

Una bella immagine della serra di Castelforte e in basso un antico sentiero

TAVIANO. Anche Taviano avrà il suo sentiero naturalistico nell’ambito del Programma attuativo del Gal “Serre Salentine” che comprende i territori di ben 11 comuni: Galatone, Neviano, Sannicola, Tuglie, Parabita, Matino, Casarano, Gallipoli, Taviano, Racale e Alliste. Il Gal ha finanziato il progetto di due macro percorsi naturalistici sulle direttrici Galatone-Casarano e Gallipoli-Alliste.
Il sentiero naturalistico di Taviano si innesta proprio sul percorso che da Gallipoli porta ad Alliste e che unisce il Parco naturale regionale “Isola di S. Andrea-Litorale di Punta Pizzo” per raggiungere la costa e i bacini di Ugento, verso il Parco naturale regionale “Litorale di Ugento”.

Partendo dalla località di “San Pietro dei Samari”, nel comune di Gallipoli, si transita, appunto, per Taviano all’altezza della Serra di Castelforte, prima di raggiungere Racale e Alliste, sulla serra del “Calaturo”. A Taviano, in particolare, il sentiero naturalistico intende valorizzare tutta la fascia della macchia mediterranea della Serra di Castelforte che corre parallela tra il mare Jonio e l’entroterra. Verranno riaperti  i vecchi sentieri che i contadini percorrevano a piedi per raggiungere le proprie campagne verso la piana di Ottaviano e Mancaversa. Saranno rivalutati e riportati alle antiche vestigia i sentieri nascosti che solo i pastori conoscevano  e che, in primavera, ripercorrevano alla ricerca della prima erba verde sulle propaggini collinari. Insomma un lavoro certosino e di grande importanza per “ritrovare” quei vecchi tracciati storici che sono stati, per secoli, la vita dei nostri paesi e dei nostri antenati.
L’Amministrazione comunale, intanto, ha preso atto dello stralcio planimetrico indicante il percorso naturalistico che interesserà zone del nostro territorio comunale e che è stato trasmesso dal Gal “Serre Salentine”,  dando ampia disponibilità a realizzare l’opera. Una volta terminati i sentieri naturali saranno inseriti nella Rete escursionistica pugliese (Rep).

Commenta la notizia!