Home Tags Posts tagged with "notizie piazzasalento"

notizie piazzasalento

by -
0 914

PzzSlnt_32_01.inddPiazzasalento porta in stampa l’edizione numero 100 e per l’occasione abbiamo pensato di festeggiare insieme a voi, come sempre, raccogliendo commenti, pensieri e suggerimenti per fare un giornale sempre più vicino alle nostre “piazze”. Appuntamento il 25 settembre con un’edizione speciale e “più grande”.

by -
0 1644
Sottoscrizione a Piazzasalento

Puoi ricevere la copia cartacea di Piazzasalentodirettamente a casa tua, nella tua cassetta delle lettere, ma anche in PDF comodamente sullo schermo del tuo computer!

Sostieni Piazzasalento con una sottoscrizione, da 0,83 euro a numero per la versione online!

Puoi ricevere la copia cartacea di Piazzasalento direttamente a casa tua, nella tua cassetta delle lettere, ma anche in PDF comodamente sullo schermo del tuo computer! Sostieni Piazzasalento con una sottoscrizione, da 0,83 euro a numero per la versione online!

by -
0 1147
Parco Litorale di Ugento

Parco Litorale di Ugento

UGENTO. Proseguono gli appuntamenti del “Maggio Salentino”.  Per la sezione “Conoscere il Salento” l’ appuntamento con la natura di sabato 24 è al Parco Litorale di Ugento, per una visita guidata alla scoperta del lungomare, dalle 16 alle 19, partendo da Lido Pineta. ( tel. 334.3130040, tel. 349.3788738). Per conoscere il calendario degli appuntamenti, con l’enogastronomia, i paesaggi rurali e le tradizioni esiste, inoltre, un’applicazione creata appositamente, scaricabile da Google Play.

MELISSANO. Nelle foto il concorso dedicato ai disegni dei Giò Madonnari, organizzato dal Centro turistico giovanile nazionale e riproposto domenica 18 maggio a Melissano dal locale Ctg “Gruppo l’Ape” presieduto da Mario Siciliano. Leggi l’articolo 

Parcheggi regolari ma vuoti a fine luglio sulla litoranea sud di Gallipoli

Parcheggi regolari, ma vuoti a fine luglio sulla litoranea sud di Gallipoli

 

GALLIPOLI. Quest’anno l’Amministrazione comunale guidata da Francesco Errico si è mossa con un buon mese di anticipo rispetto all’anno scorso, quando si tentò per la prima volta la strada di reperire aree con i requisiti giusti per fungere da Parcheggio temporaneo lungo il litorale nord e, soprattutto, sud. La Giunta ha deliberato il 17 aprile e gli uffici hanno varato l’avviso pubblico  il 6 maggio. I proprietari di zone nei pressi della costa e di aree frequentate per la balneazione possono presentare domanda entro le ore 13 del 30 maggio al Comune (l’avviso è visibile sul sito dell’Ente).

Tra le con dizioni risulta ovviamente il titolo di proprietà ma anche la gestiore diretta del parcheggio a pagamento da parte del richiedente. Le aree per la sosta potranno restare aperte dal 15 giugno al 15 settembre; i titolari per la loro sistemazione dovranno utilizzare materiali facilmente rimuovibili “che non alterino permanentemente lo stato dei luoghi”. Non potranno quindi essere effettuati interventi di sbancamento. Al termine dell’attività tutto quanto usato per attrezzare l’area dovrà essere comunque rimosso; escluse le istanze riguardanti aree boscate, alberate o con macchia mediterranea.

Coloro che hanno presentato domanda già l’anno scorso non dovranno ripresentare documenti. Come si ricorderà, furono undici i parcheggi autorizzati dal Comune ma a fine luglio quelli veramente attivati non avevano superato l’unità. Un mistero presto svelato dalle ombre pesanti che gravavano sull’affare fiutato dalla mala e che costrinse poi Prefettura e Comune ad intervenire.

by -
0 1780

Erano davvero in tanti i sostenitori della marcia contro il racket organizzata ieri a Lecce da “Quotidiano” .  Tra i Comuni partecipanti anche Gallipoli, Galatone, Racale, Parabita, Alezio e Ugento. Pieno appoggio è arrivato anche dal Comune di Casarano e dall’istituto “Bottazzi”. Presenti anche gli esponenti della Regione Puglia, della Provincia di Lecce, sindacalisti, docenti universitari e di alcuni istituti scolastici della provincia, gruppi di studenti, associazioni, organi di stampa tra cui “Piazzasalento” con il direttore Fernando D’Aprile e i collaboratori Nicolas Pisanello e Maria Cristina Talà.

by -
0 468

CASARANO. Sale la tensione per l’appuntamento con la terza fase di “The voice of italy”. Il programma che vede tra i concorrenti anche Giorgia Pino, nel team di Noemi, parte questa sera con i “Live”. Nelle prossime cinque puntate, oltre al talento dei cantanti sarà determinante il televoto e, dalla sua pagina Facebook ufficiale, la cantante  18enne lancia un appello ai suoi sostenitori.

“Per me sono giornate intense ma speciali, stressanti ma addolcite dal vostro preziosissimo sostegno – scrive – spero che il vostro sostegno mi aiuti a dimostrare chi sono realmente e a regalarvi con il tempo nuovi pezzettini del mio mondo”. Dopo ogni esibizione il pubblico da casa sarà chiamato a esprimersi attraverso il televoto scegliendo le prime tre voci che passeranno al secondo Live, al coach, invece, il compito di salvare uno dei due concorrenti rimasti della propria squadra.

Festa Crocifisso 2013 -  foto Giovanni Cuppone

Festa Crocifisso 2013 – foto Giovanni Cuppone

GALATONE. I giorni più attesi dell’anno sono arrivati, e così, come avviene da ben 393 anni, le strade e le piazze del paese pullulano di galatei e non solo. Anche quest’anno un ricco palinsesto di eventi a cura del Comitato culto feste patronali presieduto da Cosimo Ramundo. La città è in festa dalle 19.30 del Primo maggio quando dal sagrato del santuario situato nel borgo antico viene impartita alla città la Benedizione con la reliquia della Santa Croce; poco dopo, poi, in piazza Costadura, impreziosita dai ricami delle luminarie “Mariano light”, la finale di “Stasera canti tu”, il concorso canoro organizzato da Alessandra Simone (di Sannicola) che apre al primo classificato le porte nazionali del “Videofestifal live”.

Il 2 maggio, invece, i riti religiosi più attesi: alle 14, nel santuario, l’Ora solenne dei miracoli e alle 20,30 la processione con il simulacro del Crocifisso. Ma prima, alle 20, l’asta per l’aggiudicazione della statua e l’accensione ufficiale delle luminarie, quest’anno al ritmo di musica. Il 3 maggio, invece, giorno della festa in onore del Crocifisso, alle 11 la solenne concelebrazione eucaristica con il vescovo Fernando Filograna. Poi tanta musica con le bande Città di Racale, Città di Lecce “Schipa-D’Ascoli”, “Amici della Musica” di Aradeo e “Salvatore Gira” di Galatone, i fuochi pirotecnici alle 23,15 del 3 maggio e l’immancabile appuntamento con il “Bolero”, in piazza Costadura, il 3 e il 4 maggio a notte fonda.

Due gli spettacoli previsti in piazza San Sebastiano: il concerto dei “Gemelli DiVersi-Strano e Thema” (4 maggio, ore 20,30) ed un’altro evento quasi certamente nella serata di domenica 3 maggio.  Al Marchesale è, inoltre, possibile visitare la mostra “Chiacchierino e preziosi” e nella matrice l’“Infiorata ti lu Panieri” a cura di Caledda ed Infioritalia. La festa potrà essere ammirata in diretta web sul sito www.sscrocifissogalatone.com. Per tutti, infine, la possibilità di condividere le foto della festa nel contest di Mariano comunicazione.

by -
0 1205

fernando d'aprile
L’esempio adesso ce l’abbiamo ed è bello grosso. S’impone a prima vista da solo e guarda lontano. Da sempre. Una volta per difendersi quasi a 360 gradi e respingere con successo, grazie ad invidiabili perizie ingegneristiche, adesso per coinvolgere e attrarre a vantaggio di un intero territorio.

Sia i redattori del pregevole studio condensato nel piano delle coste di Gallipoli, che riammaglia litorali ed entroterra in un circuito virtuoso di sviluppo sostenibile e diffuso,  che i gestori del Castello di cui stiamo parlando, che si pone come polo culturale di prima grandezza, indicano in un’area vasta il contesto di base, ben oltre gli interessi della città jonica.

Da quel che abbiamo visto ad inizio cantiere a gennaio e adesso, quel maniero ha subito le violenze maggiori non dagli aggressori che in secoli lontani hanno cercato di espugnarlo, bensì dai contemporanei, per giunta ammantati sotto l’autorità riveniente dall’essere un Corpo dello Stato. Se un cittadino quasiasi  avesse fatto un centesimo di quel che – con incredibile disinvoltura – è stato fatto a quei  pavimenti, alle pareti, agli affreschi, agli ambienti, di sicuro sarebbe stato arrestato. Ma ormai è acqua passata.

Ora vogliamo vedere anche a Gallipoli le code – usuali in quel di Otranto – attirate da mostre, eventi, convegni che il resto d’Italia ci invidierà. Internazionali, nazionali e del “territorio”, appunto.

by -
0 2018

prove Passione foto di Renato Vulcano su FbALLISTE. Dopo quattro anni di assenza, domenica 13 aprile torna ad Alliste la Passione vivente. L’appuntamento è alle 18, in piazza San Quintino, con la tradizionale manifestazione religiosa a cura della comunità parrocchiale della Trasfigurazione di Gesù Cristo. Sono circa 200 i figuranti che, con le loro interpretazioni, si propongono di far rivivere agli spettatori il tormento e il dolore che segnarono gli ultimi giorni di vita di Cristo: su il sipario con il cenacolo, si prosegue con l’orto degli ulivi, il consiglio del Sinedrio, il processo davanti a Ponzio Pilato, lo scherno di Erode, la via Crucis e la Crocifissione, fino alla Resurrezione. Il momento più drammatico avrà luogo sulla collina della serra, la stessa che a Natale ospita il Presepe vivente.

C’è da credere che il suggestivo scenario naturale farà la sua parte, di rendere più toccanti i vari passaggi della sacra rappresentazione, e allo stesso obiettivo lavoreranno i settanta elementi del “Gymel chorus” diretto da Daniela Gennaio, un’esclusiva di questa edizione. «Si tratta di un evento unico – spiega il regista Cosimo Casto – sia per la presenza del coro che per la grandissima partecipazione da parte di tutta la comunità».

Da mesi, infatti, vanno avanti le prove della rappresentazione, mentre l’entusiasmo e l’attesa crescono. Lo dimostra anche il fatto che su Facebook, all’interno del gruppo “Sei di Alliste se…”, gli allistini pubblicano vecchie foto, risalenti agli anni ’80, della Passione vivente. Ormai manca davvero poco all’evento, anticipato dalla visita del vescovo Fernando Filograna, in programma per il 3 aprile alle 20 presso la sala “San Francesco” dell’oratorio parrocchiale: «Così l’intera comunità – conclude Casto – si prepara al meglio a vivere gli ultimi giorni di vita terrena di Gesù».

by -
0 1026

fernando d'aprileQuando il loro governatore ha chiuso le discariche che erano in mano alla criminalità, loro si sono subito dati da fare: ventre a terra, hanno messo in moto, una decina di anni fa, un sistema di raccolta separata dei diversi rifiuti da meritarsi premi e riconoscimenti nazionali.

Le “buone pratiche”, copiate altrove con altrettanto successo, portano oggi i cittadini di quel centro virtuoso a ritirare un litro di extravergine per ogni 5 di olii esausti consegnati. Se conferiscono 6 chili di lattine di alluminio hanno in cambio un chilo di buona pasta (l’alluminio riciclato necessita di appena il 5% dell’enegia necessaria per produrlo ex novo).

Campagne di educazione, premi ai cittadini sempre più sensibili, orgoglio diffuso per essere indicati come coloro che dell’emergenza hanno fatto una sfida da vincere alla grande. Tra i premi ricevuti di recente da Legambiente e dall’associazione “Comuni a 5 stelle”, quelli  per il terzo posto per la quota di differenziata in Italia (74%); per la migliore raccolta di materiali elettrici ed elettronici e, appunto, per le buone prassi sperimentate ed esportate. Insomma, dieci anni con lode.

Per sapere dov’è non c’è da guardare lontano: qui si parla di Baronissi, quasi 17mila residenti, sei chilometri a nord di Salerno. Esempi umani di senso civile e impegno sociale.  

by -
0 1039

municipio 1PRESICCE. Presicce si organizza per la raccolta differenziata. Da oggi e sino al prossimo 14 aprile i cittadini di Presicce possono ritirare presso il Municipio i contenitori che verranno utilizzati per la raccolta porta a porta e ricevere tutte le informazioni necessarie. E’ possibile accedere agli uffici dalle 8 alle 12 e dalle 16 alle 20.

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...