Home Tags Posts tagged with "Nard"

Nard

Nardò – Preoccupazione tra i lavoratori per i problemi irrisolti, soprattutto in tema di precari; Cgil e Cisl confermano lo sciopero. Martedì 17 aprile a incrociare le braccia davanti ai cancelli per mezz’ora saranno i dipendenti della “Nardò Technical Center”, la nota pista neretina lunga oltre 12 chilometri che dal 2012 è stata acquisita da “Porsche Engineering” e col suo centro prove accoglie l’industria automobilistica di tutto il mondo. Circa 150 i dipendenti diretti, 135 gli interinali italiani e 300 i trasfertisti tedeschi. Da mesi però, nonostante i buoni propositi inizialmente manifestati dai vertici aziendali, le organizzazioni sindacali denunciano come l’interesse sia ormai quello di ridurre i costi e aumentare l’utilizzo di strumenti sempre più stringenti per controllare i lavoratori, compromettendo irrimediabilmente le relazioni industriali. Da qui trattative bloccate coi sindacati, mancata definizione del contratto di secondo livello e del premio di risultato e ferie, permessi e cambi turno gestiti, denunciano Cisl e Cgil, senza tener conto del Contratto collettivo nazionale.

«Nonostante gli ultimi due incontri avvenuti in questi giorni con i manager, uno in Confindustria e l’altro nella sede di Nardò – dichiarano adesso i segretari generali Maurizio Longo (Fim-Cisl Lecce) e Annarita Morea (Fiom-Cgil Lecce, foto) – i sindacati confermano le loro preoccupazioni. Oggi, dopo aver ascoltato in assemblea i lavoratori, le segreterie provinciali e le Rappresentanze sindacali unitarie (Rsu) di Fim-Cisl e Fiom-Cgil hanno condiviso un percorso di mobilitazione e agitazione che comincerà martedì».

Lo sciopero riguarderà la fascia oraria 13.30-14.30, con mezz’ora di mobilitazione per ogni turno. Nelle scorse settimane Longo e Morea avevano chiesto un incontro urgente all’azienda per manifestare incertezze e preoccupazioni dei lavoratori sui cambiamenti in atto. «Abbiamo apprezzato la disponibilità dell’azienda a incontrarci e riaprire le relazioni industriali. Siamo però profondamente insoddisfatti dell’esito dei due incontri – proseguono i segretari sindacali – e nessun passo in avanti è stato compiuto per la definizione del contratto di secondo livello e del premio di risultato». Quindi nessuno spiraglio? «Dialogo aperto – concludono – a patto che questa disponibilità si traduca in qualcosa di efficace e produttivo e non nel nulla di fatto registrato in queste ore».

Nardò – Da oggi – 16 marzo – al 18 l’associazione “Verdesalis” si occupa di nuovo di canapa. Parte il nuovo corso d’introduzione alla canapicoltura con la partecipazione di chi lavora in questo nuovo settore fortemente innovativo. Il corso, realizzato con il contributo del bando regionale “Mettici le mani”, affronta tematiche qualitative e quantitative circa la gestione di una coltura di un campo di canapa industriale, spaziando tra un quadro normativo ed economico post-2016 e tutti gli aspetti tecnici più importanti da considerare nella gestione di questa coltura.

L’incontro è articolato in tre sessioni teoriche presso il parco culturale giovanile “la saletta” (in via volta 126, Nardò), tenute da Luigi Vaglio, biotecnologo, e l’agronomo Bruno Vaglio; gli imprenditori pugliesi Rachele Invernizzi, della Southemp Tecno, e Gianluca Carluccio, di “Vivere la Canapa”, che porteranno la propria conoscenza ed esperienza nel settore per chiarire un ventaglio di aspetti di questa poliedrica coltura. La giornata finale, il 18 marzo, vedrà le conclusioni e una prima semina condotta in mattinata. “Molto positiva è stata la partecipazione ai corsi tenuti in precedenza, come ad esempio quello sui microorganismi, con oltre sessanta partecipanti, oppure quello degli innesti con circa diciotto, dipende poi dall’argomento trattato naturalmente – afferma il presidente di Verdesalis, Gianni Casaluce – e in base ai numeri avuti fino ad oggi e all’interesse che questi argomenti e questo settore specifico continuano a suscitare, sicuramente organizzeremo altri corsi ed iniziative inerenti a tutto questo”. Fino ad alcuni giorni fa gli iscritti superavano la trentina.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...