Home Tags Posts tagged with "Musica"

Musica

Ugento – Il programma degli appuntamenti estivi fra Ugento, Gemini e marine prosegue all’insegna di sagre, musica, danza, cultura e cabaret.
Mercoledì 18 luglio a Lido Marini si balla sotto le stelle (piazza Tirolo, ore 21), mentre a Gemini, fra il centro storico e palazzo Macrì, venerdì 20 (ore 21) nuova tappa del festival itinerante di musica, teatro e danza diretto dal coreografo Fredy Franzutti. A Torre San Giovanni, invece, dal 20 al 22 luglio al Lido Onda Marina (dalle ore 18) si gioca l’XI torneo internazionale “Città di Ugento”, a cura dell’ASD Ugento Beach Tennis.

Nel week end – A Torre Mozza sabato 21 (area eventi, ore 21) prima edizione della Festa country con i White Horse Country Band, e fra domenica e lunedì (lungomare Tiepolo, ore 21) torna la “Sagra ta turre”, per gustare piatti tipici ascoltando musica popolare (domenica con i Scianari, lunedì con gli Alla Bua).
A Torre San Giovanni, invece, domenica 22 prosegue la rassegna letteraria “Estate d’autore”, che vedrà ospite lo scrittore Federico Bonadonna con il libro “Hostia” (Corso Annibale, presso lo stand della libreria Antica Roma, ore 21,30).

Inizio settimana fra cabaret e musica – Ancora, martedì 24 a Torre Mozza (area eventi ore 21) c’è lo spettacolo di cabaret “I Sol… non danno la felicità”; il 25 a Lido Marini altro appuntamento con “Ballando sotto le stelle” (piazza Tiepolo, ore 21) e a Torre Mozza (area eventi, stessa ora) il concerto Rock Revolution – Rock d’Amore.

 

Felline – Un brindisi di natura e tradizioni, per un vivere controcorrente che passa dalla tavola: la piccola rivoluzione alcolica parte stasera, lunedì 9 luglio (ore 21), dall’enosteria Vite Colta in piazza Castello a Felline, con il primo appuntamento di “Vi.Na”, rassegna di vini naturali che andrà avanti sino a fine mese proponendo cene spettacolo che uniscono alle degustazioni performance d’arte e teatro.

Perché Vi.Na. – Diretta da Gianluca Palma (foto) dell’associazione “La Scatola di latta”, Vi.Na. è sinonimo di vini naturali, quelli di chi ancora produce senza arrendersi alla chimica e alle ricette industriali. Ma rimanda anche a un gesto anarchico che parte dalle parole, perché se in campagna la vendemmia, l’uva, la terra e la fermentazione sono femminili, anche il loro prodotto (Vi.Na., anziché vino) dovrebbe esserlo.

Tutte le serate in programma – Nell’appuntamento di questa sera, si sorseggeranno vini prodotti dalla Comune Urupia di Francavilla Fontana, abbinati allo spettacolo di teatro, maschere e musica “Lo spirito dei luoghi”, con Marta Vedruccio e Dario Mennella. Ospite della serata anche l’artigiano intrecciatore Vito Pelle.

Lunedì 16 è invece la volta dei vini di Natalino del Prete (San Donaci), che si sposeranno con lo spettacolo “Parole vasce” di Emanuele Giannelli e la sapienza dell’artigiano-illustratore Donatello Vergaro. I vini della Cantina Pantum (Mottola), con l’esibizione musicale di Antonio Calsolaro e Massimiliano De Marco, insieme al pittore Egidio Marullo compongono il menù di lunedì 23. Si chiude il 30 luglio con i viticoltori di Vinàmica, accompagnati dalla musica di Michela Sicuro, Francesco De Donatis, Antonio Sicuro, e dall’illustratrice Valeria Puzzovio.

by -
0 485

Tiggiano – Violino, violoncello e pianoforte per un nuovo appuntamento della rassegna “Classica d’estate”, che fa tappa al Palazzo Baronale Serafini-Sauli di Tiggiano: domenica 8 luglio, alle ore 21, protagonista sarà il Trio di Lecce (foto) composto da Milena De Magistris, Claudia Fiore e Pamela Panzica.

“Classica d’estate” è una rassegna organizzata dalla Camerata Musicale Salentina, in collaborazione con l’associazione di alta cultura musicale W.A. Mozart e con il patrocinio dei Comuni di Tricase e Tiggiano.

In apertura di serata e prima del concerto, alle ore 19:30 ci sarà l’esibizione dei Piccoli Mozart della scuola di musica Mozart di Tricase, diretta dal maestro Giovanni Calabrese.

Prevendite disponibili online, nei punti vendita del circuito Vivaticket o presso la Camerata Musicale Salentina e associazione di alta cultura musicale W.A. Mozart.

Galatone – L’estate di Galatone è all’insegna della musica dal vivo al femminile con il festival “Jazz in rosa”, che s’inserisce nel calendario degli eventi estivi del Comune e prende il via domenica 8 luglio con il live del jazz trio composto da Serena Spedicato (voce), Salvatore Casaluce (chitarra) e Marco Tuma (armonica e fiati): l’appuntamento è presso l’atrio del Palazzo Marchesale alle ore 21.

Jazz in rosa è una manifestazione organizzata e promossa dalla neonata cooperativa eLabora (Galatone), in collaborazione con I.S.P.A. (Poggiardo). Presieduta da Giancarlo Tuma e iscritta all’albo regionale delle cooperative di comunità, eLabora ha fra i suoi obiettivi la valorizzazione del territorio in chiave turistica e culturale.

Lo spettacolo – Il jazz tradizionale e moderno, mescolato alla musica popolare brasiliana, farà da tappeto sonoro nel concerto del trio salentino che reinterpreta con originalità capolavori di Van Heusen, Carmichael, Golson, Chick Corea, Pedro Aznar, Ivan Lins e Milton Nascimento. Biglietto intero euro 12, ridotto 10 per soci eLabora. Info e prenotazioni al 328.8360570.

Il prossimo appuntamento di Jazz in rosa è per sabato 28 luglio con Paola Arnesano e il suo gruppo.

Nardò – Il magico e colorato mondo del circo sbarca a Nardò, con giocolieri, acrobati, trapezisti, clown e ospiti internazionali: dal 6 all’8 luglio il centro storico diventa un palcoscenico diffuso per la IV edizione di “Circonauta”, festival internazionale del teatro/circo e delle arti di strada, realizzato dall’associazione omonima e sostenuto da Comune di Nardò, Teatro Pubblico Pugliese, Mibact, con il patrocinio di Regione Puglia, Puglia Promozione e Istituto delle Culture Mediterranee.

L’anteprima – Ogni edizione del festival è legata a un tema di riflessione, che quest’anno è il “verde”, con l’attenzione rivolta all’ecosostenibilità. Il calendario degli eventi si apre venerdì 6 con l’anteprima dedicata ai laboratori circensi per bambini in programma a partire dalle ore 17 a Piazza Salandra, dove l’associazione Tabarin insegna l’arte dell’equilibrismo, della giocoleria e le tecniche aeree di tessuto e trapezio. A seguire il saggio “Circo/Cabaret” e lo spettacolo “Il Provino”, di e con Giorgia Basilico, con la collaborazione artistica di Paola Leone. Chiude il dj set con JD Akus e Scienza.

Si entra nel vivo sabato 7 e domenica 8 – Nel fine settimana (dalle 21:30) in piazza delle Erbe i bambini si divertiranno a costruire burattini insieme all’associazione Teste di Legno, mentre in piazza Municipio ci sono i laboratori della Soffitta Itinerante. E domenica in piazza Battisti arriva la libreria su quattro ruote, per leggere on the road. Dalle ore 20:45 in poi le varie piazze (piazza Pio XI, piazza Battisti, piazza San Giuseppe e piazza Salandra) diventeranno teatro di spettacoli che vedranno alternarsi alcuni fra i migliori artisti del panorama italiano e internazionale: Andréanne Thiboutot con i suoi hoola hoop, Luigi Ciotta che farà scoprire il magico mondo dello zucchero filato, le selezioni di Andrea Fidelio alla consolle, la comicità di Demenzio e Farlocco, e le coreografie di Yin & Yang con la manipolazione del fuoco. Ancora, la compagnia La Scatola Rossa proporrà lo spettacolo “Circo volante identificato” e Sblattero porta in scena lo show comico-acrobatico “A ruota libera”.

Superospiti – Due chicche di quest’anno saranno poi gli spettacoli di marionette “Grande Lupo Bulgaro” del maestro Teodor Borisov (sabato 7 e domenica 8 presso la Villa Comunale, dalle 21:30 alle 22:45) e “Triplette” della compagnia francese Les P’tits Bras, fra acrobazie e trapezi volanti (domenica 8, piazza Pio XI, ore 22:15).

Musica per le strade e bazar – Nelle serate di sabato e domenica, dalle 21 le strade risuonano della musica di artisti quali Cool Street, AfroDiaulé e i francesi Accordéon et Fistons, oltre alle “Serenate” di Luca Morino, Cristina Vetrone e Raffaella Aprile. Per tutta la durata del festival, inoltre, sarà allestito un bazar con manufatti di artisti e artigiani locali.

Gallipoli – Si terrà questa sera, venerdì 11 maggio a partire dalle ore 19 presso il salone polifunzionale di San Lazzaro la serata di premiazione del concorso musicale internazionale “Giuseppe Tricarico”.  Giunto al quarto anno, l’evento è dedicato alla figura dell’illustre compositore barocco gallipolino che dà il nome al concorso ed è promosso dall’associazione culturale musicale “Il Musicante” col patrocinio del Comune, Pro Loco, Lions Club e Fidapa, con presidente del concorso il Maestro Enrico Tricarico e direttore artistico il Maestro Adalberto Protopapa. Questa sera dunque un’apposita commissione, composta da docenti, concertisti e critici musicali, avrà il compito di valutare i partecipanti e decretare il vincitore assoluto. Il concorso “Giuseppe Tricarico” conferma la collaborazione con il Musikum di Salisburgo, con diverse case editrici e discografiche ed è gemellato con il prestigioso concorso internazionale “Coppa Pianisti d’Italia” di Osimo (An). «Verranno confermati i premi degli altri anni, ed in più la novità di quest’anno riguarda la categoria “Canto leggero” – afferma il Maestro Tricarico – dove il primo classificato potrà cantare nel festival “Un’emozione dal Salento”, che si svolgerà quest’anno il 22 luglio a Magliano di Carmiano. E’ un evento importantissimo, dove il vincitore potrà esibirsi accompagnato dall’orchestra “Terra del Sole” dal vivo; su quello stesso palco si esibiranno artisti di caratura internazionale e quest’anno si sa per certo che ci sarà anche Antonella Ruggiero».

Gallipoli – Esce oggi, giovedì 10 maggio, “We Believe”, il primo album di Gabrielle De Rosa, 19enne gallipolina iscritta al primo anno di “Scienze e tecnologie dell’ambiente” dell’Università di Lecce ed al secondo anno del Conservatorio di Lecce (chitarra classica). «La musica è sempre stata per me un potente mezzo di comunicazione» afferma Gabrielle. L’opera prima è un’autoproduzione frutto di anni di lavoro con diversi brani in italiano: «Sono entrata in studio a novembre e ne sono uscita ad aprile – spiega Gabrielle – è stata dura conciliare le registrazioni, il mix ed il mastering con gli impegni universitari ma ne sono soddisfatta, perché ho trovato in quest’album una piena realizzazione delle mie idee». «Sono sempre stata creativa – continua l’artista – da bambina componevo anche poesie ma dopo aver scritto il mio primo libro “Save me. Diario di una principessa in sala d’attesa” (2015), ho iniziato a scrivere romanzi di genere fantasy. Intorno ai 13-14 anni ho poi iniziato a mostrare in pubblico alcune di queste canzoni. Ho sempre voluto essere “internazionale”, perciò fin da piccola ho imparato a cantare e poi a parlare bene l’inglese, con la voglia di trasmettere al mondo emozioni anche attraverso le parole e non solo con i suoni». La giovane artista gallipolina ha iniziato a studiare musica e canto a 8 anni da autodidatta, prendendo poi, nel biennio 2015/2016, due anni di lezioni di canto con il metodo Speech Level Singing, ideato da Seth Riggs (attore, cantante e vocal coach Americano che ha lavorato con Michael Jackson, Prince, Madonna e altri grandi artisti di fama mondiale).  «Due anni per migliorare le capacità tecniche e costruire un piccolo bagaglio personale per esercitarmi e migliorare sempre – continua – e oltre ai concorsi locali ho frequentato vari stage professionali come Joyful Sound con Philip Hamilton e Fabrizia Barresi, il corso di formazione per cantautori organizzato dal Tour Music Fest 2012 al CET di Mogol ed una master-class con Bungaro. Mi piace fare esperienze collaborative e di crescita personale e spesso collaboro con altri artisti, anche se di generi diversi dal mio, che può classificarsi come un country pop/indie».

Tra i musicisti che hanno preso parte al nuovo progetto discografico, realizzato nello studio “Better Days Records”, ci sono Fabio Bianco (basso), Antonio Russo (batteria) ed  Oscar Tarantino (tastiera), tutti di Nardò. Per il futuro è prevista la pubblicazione di un nuovo singolo e di alcuni videoclip.

Gallipoli – Cambia casa e trova nuovi spazi a Gallipoli la musica dell’estate 2018. Ad aggiungersi alle “location” che ospiteranno i grandi nomi dell’hip hop sarà lo stadio comunale “A. Bianco” su lungomare Galilei, dove si terranno due delle prime date annunciate dagli organizzatori di Sottosopra Fest. La rassegna, giunta alla sua quinta edizione, presenta quest’anno un cartellone variegato che dal 24 luglio al 21 agosto copre i mille volti di una cultura musicale che passa dall’hip hop alla trap e al rap. Artista di punta del festival è l’idolo del nuovo rap Sfera Ebbasta, che il 15 agosto allo stadio porterà il suo Rock Star Summer Tour. Diverse le location delle numerose tappe che saranno annunciate nei prossimi giorni: non tutto è perduto, insomma, di fronte al clima di incertezza che ha investito la Città Bella a seguito delle incognite-apertura che hanno interessato Samsara prima, Parco Gondar poi. Nel cartellone di “Sottosopra Fest” si inseriscono le date già note del 4 agosto presso Le Cave con il “Paradise Lost Live Tour” di Gemitaiz e il nuovo show di Achille Lauro, e del 12 agosto sempre presso il “Bianco” con Carl Brave x Franco 126 e il loro “Polaroid – Live Tour”. Infoline: 392 8839560

 

Gallipoli – Nostalgico, romantico e “old school”, è online il video di “Solo Lou Reed”, nuovo singolo di Michele Cortese. Firmate da Francesco Luperto, le immagini sono prodotte con una videocamera Jvc del 1985, ancora una volta per rimarcare l’approccio “analogico” del nuovo progetto del cantautore gallipolino. Il singolo, un brano d’amore “ebbro, irresponsabile e romantico”, come lo definisce il suo autore, traghetta l’uscita di “Km0”, terzo lavoro discografico da solista di Cortese: dopo “Il teatro dei burattini” del 2011 e “Vico Sferracavalli 16” del 2014, il disco – autoprodotto per KM Records – è disponibile in formato digitale e in vinile, in linea con una ricerca stilistica orientata a recuperare un’essenzialità diretta.
Sabato 5 maggio l’artista, accompagnato dalla band “Foedra”, composta da Giulio Rocca alla batteria, Alessio Gaballo al basso (entrambi di Nardò), Antonio Tunno alle chitarre elettriche, Danilo Cacciatore a pianoforti, synth e tastiere (Aradeo), ha presentato il nuovo disco, negli spazi di un affollato “El Barrio Verde”, ad Alezio.

Nardò – Il Monastero di Santa Chiara necessita di lavori di ristrutturazione ed ecco “In piazza impazza la solidarietà”, iniziativa che si terrà stasera 30 aprile dalle 20 in piazza Salandra. Qui, per sostenere il glorioso monastero cittadino eretto nel 1256 (il più antico dell’Italia meridionale) si alterneranno a canti, balli e testimonianze ma ci sarà, soprattutto, tanta buona pizza napoletana. Per l’occasione giungeranno a Nardò dalla Campania i pizzaioli di Vico Equense. Di napoletano oltre alla pizza ci sarà anche della buona musica. A salire sul palco di piazza Salandra sarà anche Margherita De Angelis, artista lirico del teatro San Carlo di Napoli. A presentare la serata sarà invece il neretino Antonio Settanni.

«Ringrazio l’Amministrazione comunale di Nardò per la disponibilità ad accogliere questo bel progetto – ha dichiarato don Riccardo Personè (foto), tra i promotori dell’iniziativa – che donerà ancora una volta una bella e positiva immagine alla nostra città di Nardò. Ringrazio poi l’associazione Donatori volontari di sangue di Nardò, sponsor principale dell’evento, e le associazioni “Pizza a Vico” e “Pizza Style School” per aver da subito accolto e incoraggiato la nostra idea e proposta. Ringrazio infine – conclude don Riccardo – il vescovo di Nardò monsignor Fernando Filograna, per il suo impegno e costante appoggio per tutto ciò che riguarda il rilancio del monastero».

 

Gallipoli – Pioggia di premi per la decima edizione del Concorso internazionale di musica classica e jazz “Trofeo San Lazzaro” di Gallipoli, organizzato dall’oratorio Anspi con presidente don Santo Tricarico e dall’associazione “Amici della musica” con presidente Franco Mauro. Hanno preso parte al concorso oltre 60 partecipanti, ma i vincitori assoluti di categoria strumentisti musica classica sono stati: per la categoria A (fino a 12 anni) Christian Lefons (chitarra); per la categoria B (dai 13 ai 17 anni) Giuseppe De Nitto (fisarmonica); per la categoria C (dai 18 anni in poi) Marcello Cardone (tuba) e Alessandro Licchetta (pianoforte). Il vincitore assoluto di canto lirico e musica vocale da camera è stato Hao Xin Meng (baritono), mentre per le scuole (gruppi e orchestre) premiata l’orchestra “Stampacchia” del Liceo classico e scientifico di Tricase. Ex aequo quest’anno per il “Trofeo San Lazzaro”, vinto da Federica Cataldi (arpa) di Gallipoli e  Modesto Picci (pianoforte) di Melissano. I vincitori del premio finale di una borsa di studio di 1000 euro offerta dal Comune di Gallipoli sono stati selezionati dopo una lunga riunione giuria era composta dai Maestri Giuseppe Guida (direttore d’orchestra docente di tromba e trombone al Conservatorio di musica di Monopoli); Maria Pia Piscitelli (docente di canto lirico al Conservatorio di musica di Monopoli); Valeria Vetruccio  (docente di pianoforte al Conservatorio di musica di Lecce) e Gabriella Stea (docente di pratica pianistica al Conservatorio di musica di Monopoli). “L’edizione di quest’anno è stata particolarmente coinvolgente – affermano gli organizzatori – sono pervenuti in finale tre ragazzi cinesi e questo ci rende molto felici, senza contare il livello altissimo dei concorrenti. In più il salone polifunzionale era gremito dagli spettatori e dai rappresentanti degli enti che sostengono fattivamente la manifestazione”.

Carmelo Preite

Presicce – Torna il concorso musicale intitolato a “Carmelo Preite” il celebre compositore e musicista presiccese. Possono partecipare tutti i musicisti e due sezioni speciali saranno riservate agli alunni dei licei musicali e delle scuole secondarie di primo grado ad indirizzo musicale, a cui verrà consegnata una borsa di studio (200 euro agli alunni dei licei musicali e 150 euro agli alunni delle scuole secondarie ad indirizzo musicale). Il concorso si terrà nei giorni 25, 26 e 27 maggio, presso l’oratorio parrocchiale “Don Tonino Bello” a Presicce. Organizzato dall’associazione “Prospettive – Luigi Tagliaferro” gode del patrocinio del Comune di Presicce e di Acquarica del Capo, della Regione Puglia, Università del Salento, Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, Parrocchia Sant’Andrea Apostolo e Gal Capo Santa Maria di Leuca. Per informazioni chiamare i numeri 349/1289123 oppure 328/8169726.

Nardò – Pasqua e Pasquetta a Nardò tra musei e musica, passando per le escursioni a Portoselvaggio, meteo permettendo. Anche quest’anno ricco calendario di appuntamenti per domani e dopodomani tra marine ed entroterra. Partiamo dal centro storico: Il Museo della Preistoria allestito presso il chiostro di Sant’Antonio, nell’omonima piazza, sarà aperto domenica 1 e lunedì 2 aprile dalle 9 alle 12.30 e dalle 16 alle 20. Nella domenica di Pasqua il biglietto d’ingresso costa 5 euro (3,5 euro per under 18, residenti, studenti universitari di Archeologia e Beni Culturali e comitive di oltre dieci visitatori; gratis i bambini fino a 6 anni). A Pasquetta l’ingresso con visita guidata costerà per tutti 3,5 euro. All’interno del Museo della Preistoria sono esposti reperti provenienti dalle ricerche archeologiche condotte dagli anni Sessanta in poi nelle grotte di Portoselvaggio. Per ulteriori informazioni: tel. 349 6799790.

Non lontano dal Museo della Preistoria si trova Palazzo Personè. Qui sono due i contenitori culturali pronti ad accogliere i visitatori. Nel piano ammezzato del Castello, aperto a ingresso gratuito domenica 1 e lunedì 2 aprile dalle 10 alle 13, si potrà seguire un percorso sulla storia di Nardò dal periodo romano all’età contemporanea attraverso quattro sale allestite con pannelli descrittivi, reperti, dipinti e statue (info 3209459027).

Il Torrione del Castello ospita invece il Museo della Civiltà contadina, aperto nei giorni di Pasqua e Pasquetta (anch’esso ad accesso gratuito) dalle 18 alle 20. Cinque le sezioni che compongono la struttura: una dedicata all’attività contadina, una alle arti e ai mestieri, una alla vita domestica, una alle tradizioni popolari e una alla Nardò “sparita”. Altre informazioni sul sito www.amicimuseoportafalsa.it.

Fuori dal centro storico, in via Marinai d’Italia, ha sede invece il Museo del Mare antico, aperto a Pasqua e Pasquetta dalle 16.30 alle 19.30. Il biglietto ha un costo di 2 euro (3 euro con guida). Al suo interno sono esposti reperti di età romana rinvenuti nel sito di Frascone e materiali recuperati dai relitti lungo la costa ionica. Peculiare è il Museo dei Piccoli, nato per permettere ai bambini di visitare in autonomia il contenitore (info 0833 871388).

Diverse le iniziative anche nelle marine. A Santa Maria al Bagno (lungomare Alfonso Lamarmora) ha sede il Museo della Memoria e dell’Accoglienza, aperto domenica 1 aprile dalle 10 alle 12.30 e lunedì 2 aprile dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18. Il biglietto ha un costo di 5 euro (ridotto 3 euro), gratis i bambini sino a 11 anni. Il Museo raccoglie le testimonianze di migliaia di profughi ebrei che tra il 1943 e il 1947 trovarono ospitalità nel territorio di Nardò. Altre informazioni sul sito www.museomemoriaeaccoglienza.it e sull’omonima pagina facebook.

Sempre a Santa Maria al Bagno, in via Cesare Augusto si trova l’Acquario del Salento, che osserverà i seguenti orari: domenica 1 aprile dalle 10 alle 12.30 e lunedì 2 aprile dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19. Il biglietto ha un costo di 5 euro (3 euro per i bambini tra i 6 e i 13 anni), gratis i bambini sino a 5 anni. L’Acquario ospita pesci, crostacei, molluschi e altre forme di vita marina tipica delle acque del Salento. Altre informazioni sono disponibili sul sito www.acquariodelsalento.it e sulla pagina facebook.

Per la musica ci pensano a Santa Caterina. Nel giorno di Pasqua dalle 17 si balla in riva al mare con la band degli “Opa Cupa”, che lancia il nuovo disco “Baluardo”. Il concerto è stato organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la Pro loco Santa Caterina e le attività commerciali di lungomare Cantù. La band di Cesare Dell’Anna, che festeggia proprio quest’anno il suo ventesimo compleanno, racconta in musica testimonianze di immigrazione, viaggi e partenze, confronti tra etnie e culture. Saliranno sul palco con Dell’Anna (tromba) Irene Lungo (voce), Ekland Hasa (tastiere), Stefano Valenzano (basso), Antonio De Marianis (batteria), Gino Semeraro (chitarra elettrica), Rocco Nigro (fisarmonica e synth), Andrea Doremi (tuba), Giuseppe Oliveto (trombone) ed Emanuele Calvosa (tromba).

Immancabili poi le escursioni a Portoselvaggio nel giorno di Pasquetta. Per lunedì 2 aprile lo studio ambientale “Avanguardie” di Salvatore Inguscio ed Emanuela Rossi propone una caccia fotografica alle orchidee spontanee con pic-nic sul mare. Ritrovo previsto per le 9.15 davanti al cancello di Torre Uluzzo, con ritorno alle 14.30 circa. Costo: 8 euro (gratis ogni bambino sotto i 10 anni con un adulto accompagnatore). Contatti al 3493788738.

Un’altra escursione a Portoselvaggio è invece organizzata da “Viaggiemiraggi Puglia”. Qui il luogo di ritrovo è alle 9 ai piedi di Torre dell’Alto (area parcheggio al termine di via Cantù). Sarà possibile portare con sé il proprio cane, purché muniti di guinzaglio e museruola. Fine della passeggiata prevista per le 15. Costo: 5 euro, gratis gli under 18. Ulteriori dettagli e prenotazioni: tel. 3495265291 o 3463946545.

«Abbiamo condiviso con i gestori – spiega l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio, riferendosi al neonato polo museale cittadino – questo impegno di rendere Nardò sempre aperta e visitabile. E devo dire che abbiamo trovato grande disponibilità: la rete museale deve guadagnare riconoscibilità, crescere e rafforzarsi sempre più». «Non so quante altre città come la nostra – aggiunge l’assessore al Turismo Giulia Puglia – possano vantare questa offerta culturale in questo weekend speciale. Un impegno che ormai è e deve essere normalità per una meta da 365 giorni all’anno. Invito tutti a visitare Nardò in questi due giorni».

 

Racale – Musica e filosofia si danno appuntamento da Stainergico, per raccontare “Alétheia”, l’ultimo lavoro del saxofonista Fulvio Palese. Per la prima volta nella sua Racale, venerdì 19 gennaio alle 18,30 presso Palazzo D’Ippolito il poliedrico musicista presenterà il suo ultimo progetto discografico e dialogherà con Mario Carparelli, filosofo e scrittore salentino. Un incontro, quello con la filosofia, non casuale: il titolo dell’album è ispirato all’antica Grecia e lascia trasparire la formazione filosofica di Palese. Per gli antichi greci, infatti, il termine alétheia significava verità, nel senso di qualcosa di mitico che è a fondamento di ogni tradizione. Da qui il suo significato di svelamento, rivelazione.

«L’esperienza del disco precedente ha rafforzato in me l’idea che è necessario essere sinceri col proprio pubblico, nel senso che non c’è cosa migliore che proporre la propria musica senza fare calcoli preventivi e tenendosi fuori dalle mode del momento. Questo presupposto negli ultimi anni mi ha portato bene, ho deciso di insistere», cosi Fulvio Palese racconta l’ideazione del suo album. 
Dallo scorso 10 gennaio è online il video realizzato da Maurizio D’Anna (Cameralight), che riprende il lavoro in studio durante la registrazione dell’album e alcuni live della band Fulvio Palese special quartet, formata anche dai musicisti Piero Vincenti, Francesco Pennetta e Paolo Romano. Le immagini “rubate” sono legate a cinque tracce mixate (delle nove presenti nel disco): Ttattellu, Acqua, Mandelina, Cuba blues, Wind on five. “Alétheia” (etichetta AlfaMusic, distribuito Egea/Believe), pubblicato lo scorso novembre, è stabilmente ai vertici delle classifiche iTunes e nelle Top 10 di preferenza di diverse trasmissioni radiofoniche specializzate, come Jazzespresso, Jazz in Family. Le registrazioni dell’ultimo disco del musicista racalino hanno visto la partecipazione di diversi artisti, come Carolina Bubbico.
L’evento di venerdì 19 gennaio, al quale è legata anche la mostra di opere vino su tela di Arianna Greco, l’autrice della copertina di “Alétheia”, si concluderà con un aperitivo con vini Conti Zecca. Info: 3474768931 / info@staisinergico.it

Specchia – Lei insegnante di sostegno, lui direttore amministrativo, entrambi pugliesi di stanza a Milano. Daniela Fiorentino è di Specchia, mentre Fabio Bagnato di Terlizzi (Ba). Si sono incontrati nella scuola dove lavorano, è scattata la scintilla ed ora, oltre ad essere legati dall’amore, sono uniti anche dalla profonda passione per la musica. Tanto che hanno creato il duo “Crossway” e in pochi mesi hanno prodotto un cd “Sweat Sweat”, uscito lo scorso 7 dicembre. Con un album interamente autoprodotto e pubblicato dall’omonima etichetta Crossway Records, i due non solo sono impegnati nella promozione, ma sono soprattutto alla ricerca di musicisti pugliesi a Milano per poter metter su un gruppo e suonare i brani in live. A Milano come in Puglia. “I nostri brani sono così carichi di musica e di sfumature che sarebbe impossibile riprodurre da soli – afferma Daniela – e sarebbe riduttivo oltre che poco rispettoso della musica suonare con delle basi”.

I due hanno seguito percorsi diversi: lui specializzato in musica etnica, ha studiato privatamente la chitarra specializzandosi poi in chitarra battente; lei parte da un percorso prettamente classico, con quattro anni di studio al conservatorio di Monopoli e poi andata a Milano per la specializzazione in clarinetto basso.

“Abbiamo sperimentato le sonorità diverse e abbiamo realizzato un disco che è un inno alla musica – continua Daniela – non classificabile in un genere preciso. È un disco a 360 gradi, nel quale si passa dal mondo folk all’yiddish, con sonorità che si avvicinano al suono bandistico e poi ancora ai suoni sudamericani. È un viaggio completo che non può essere ristretto in un target, amiamo la musica e non ci piace essere chiusi in un genere. In questi mesi di produzione ci siamo sentiti liberi di sperimentare e ogni brano, “Quinta estacion” o “Jumanji” o “Binario 21” per fare degli esempi, ha la sua identità che esprime tante emozioni”.

by -
0 1061

Miggiano – E’ giovanissima, ha un curriculum di tutto rispetto e grandi sogni nel cassetto. Con Sanremo in cima. Ester Del Popolo, 17enne di Miggiano, è cresciuta tra le note grazie alla passione dei genitori, entrambi musicisti, e ora è pronta a spiccare il volo grazie a importanti collaborazioni e una gavetta costellata da premi e partecipazioni da ricordare. «Il mio esordio è stato nel 2011 ad Alezio, dove mi sono classificata al primo posto al concorso canoro “Piccole dolci note” su Telenorba, grazie alla canzone “Melodramma” di Bocelli. Poi negli anni 2014-2015-2016 – ricorda Ester – ho vinto primo premio e premio della critica nella mia categoria, nel programma televisivo “Bravissima”, promosso da Valerio Merola e mandato in onda sulle reti Sky». Poi sono arrivati gli inediti: «Nel 2016 è uscito il mio primo singolo “Ti senti libera”». Il video, pubblicato sul canale Youtube della giovane artista, al momento segna oltre 230mila visualizzazioni. Sembra avere lo stesso potenziale “virale” anche l’ultima produzione “Pensieri d’ombra”, il cui video, pubblicato ad agosto scorso, sfiora i 90mila click. Il singolo è prodotto dall’etichetta discografica DMG dei fratelli Davoli ed è scritto da Ester: «ci tengo particolarmente a questa canzone e spero che come la prima mi dia delle grandi soddisfazioni». A settembre l’ultima avventura, durante la quale Ester ha condiviso il palco con esordienti e grandi nomi della musica quali Peppino Di Capri, Bobby Solo, nell’ambito del Premio Gianni Ravera, il concorso dedicato al patron di Sanremo. Proprio lì dove Ester spera di far arrivare la sua musica: «sarebbe un sogno arrivare sul palco dell’Ariston nel 2019. Al momento sono al lavoro e ce la metterà tutta, incrociamo le dita!».

Galatone – Un libro e tre cd allegati, per i tipi di Squilibri nella collana Aem dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia con il contributo della fondazione “La Notte della Taranta”. Stiamo parlando del volume “Musica e tradizione orale nel Salento” di Maurizio Agamennone (docente di Etnomusicologia all’Università di Firenze), la prima pubblicazione integrale delle registrazioni realizzate da Alan Lomax e Diego Carpitella in Salento, nel corso di quel loro mitico e fondativo viaggio in Italia in cui raccolsero una documentazione di straordinario valore storico-culturale.

I brani raccolti costituiscono una efficace rappresentazione della vita musicale delle comunità rurali salentine e dei loro tratti culturali e sociali. Di particolare importanza le polifonie, espressioni di un vero habitus culturale nella sociabilità sia maschile che femminile, ma anche le lamentazioni funebri, rilevate a Martano e a Galatone da specialiste dei rituali connessi ad eventi luttuosi. Del tutto sorprendente l’inaspettata esplosione carnevalesca  che, nell’agosto del 1954, i due ricercatori colsero a Galatone.

Una particolare attenzione è dedicata alla tradizione ellenofona in quanto le principali località interessate alla rilevazione (Calimera, Martano e Galatone) fanno parte della Grecìa salentina. Con numerose trascrizioni musicali, i testi poetici con traduzioni e un significativo corredo fotografico, l’opera si rivela di fondamentale importanza per la comprensione delle musiche del Salento.

Il lavoro sarà presentato a Martano il 28 dicembre, alle ore 18, presso la Sala Wojtyla, dove a dialogare con l’autore sarà Luigi Chiriatti, direttore artistico della “Notte della Taranta”, e il 29 dicembre, alle ore 19,30, nel Castello di Corigliano d’Otranto, a cura di Vincenzo Santoro, responsabile Ufficio Cultura dell’Anci, in apertura della nuova edizione di FolkBooks promossa dall’associazione Diotimart. (F. P.)

by -
0 856

RACALE – Nuovo appuntamento a Racale con le “Visite d’artista” organizzate dalla Casa per la vita “Artemide”. Giovedì 9 novembre protagonista è Maristella Martella, danzatrice e coreografa di “Nuova danza popolare”, fondatrice insieme a Eugenio Bennato di una delle prime scuole di tarantella e per anni danzatrice e coreografa della Notte della Taranta. La danzatrice offrirà un esempio di “visita danzante” già proposto con successo al recente Womad di Peter Gabriel, a Londra, insieme ad Officina Zoè. “Premesse a Kore” è, invece, il suo ultimo spettacolo realizzato insieme alla Compagnia Tarantarte e Cantieri teatrali Koreja.

Protagonisti della rassegna (dal 27 ottobre sino al 19 dicembre) sono musicisti e attori salentini che attraverso la loro arte intendono creare momenti di contatto tra il mondo esterno e quello interno alla comunità residenziale. «Da qui muove la duplice valenza di “Visite d’Artista”: una terapeutica, che si innesca nello scambio umano ed emotivo tra l’artista e i nostri ospiti; di sensibilizzazione degli artisti e l’opinione pubblica sulle questioni legate alla “malattia mentale”», affermano i promotori. Durante le “Visite d’artista”, gli ospiti vengono seguiti dallo psicologo della struttura Massimiliano Macagnino e dal direttore artistico e ideatore del progetto, il sociologo Walter Spennato. Al fine di sensibilizzare e coinvolgere chi intende avvicinarsi a queste tematiche è possibile prenotarsi per assistere ad una “Visita d’Artista” chiamando in struttura: l’evento è aperto a 5 persone (info: 0833 908506 – info@domusvivens.it).

Dopo l’esordio con Carolina Bubbico ed ora con Maristella Martella, martedì 14 novembre sarà la volta del trombettista e compositore Cesare Dell’Anna, il 21 dal musicista e compositore Donatello Pisanello, il 25 dall’attore Ippolito Chiarello ed il 19 dicembre dal musicista e direttore artistico del Locomotiv Jazz Festival,Raffaele Casarano.

CASARANOTra Palazzo De Donatis e la chiesetta di Santa Maria della Croce le serate musicali estive proposte a Casarano dall’associazione culturale “Archeo Casarano”, in collaborazione con Comune e Pro loco. Il via domenica 23 luglio, alle 22, presso la storica dimora di via Roma con i Daltonic Blue (Chiara Fersini, Antonio Pappadà, Emanuele Piccinni, Ruggero Maglie, Giuseppe Maglie), giusto equilibrio tra “new wave” e “trip-hop” con venature Rock Indie. Insieme a loro i Camden, nel ruolo di special guest, che presenteranno alcuni brani del loro terzo album in uscita nei prossimi mesi. Il 13 agosto, sempre a Palazzo De Donatis, di scena “La municipàl” ed il 25 agosto, a Casaranello, il concerto d’arpa di Angela Cosi.

Lucia Ianniello

Lucia Ianniello

LEUCA. Che relazione c’è fra il Thelonious Monk Institute of Jazz di Washington DC e Castrignano del Capo-Leuca? Nessuna, apparentemente. A meno che il prestigioso istituto americano non decida di censire fra gli eventi relativi all’International Jazz Day UNESCO del 30 aprile prossimo una rassegna organizzata per fine mese nei dintorni di Finibus Terrae. Si tratta di un interessante programma di spettacoli e mostre dal titolo “Parlami di jazz”, messo a punto dall’associazione culturale non profit Lampus, patrocinato dal comune di Castrignano, con l’intento di offrire ai cittadini del Capo di Leuca ed ai turisti presenti nel periodo primaverile alcune occasioni d’incontro che favoriscano la crescita culturale e lo svago di qualità. «La nostra associazione ritiene preziosa l’opportunità che Leuca, per la sua felice posizione al centro del Mediterraneo, sia annoverata tra le città che celebreranno l’evento UNESCO», ha dichiarato il presidente Paolo Insalata. Il programma prenderà il via domenica 23 aprile alle ore 21 nel suggestivo piano terra della Torre di Salignano con un incontro/concerto dal titolo “A different point of wiew – Le donne che scrivono il jazz”. A condurre la serata sarà Lucia Ianniello, trombettista e compositrice, oltre che giornalista. Insieme a lei vi saranno Paolo  Tombolesi al piano e Riccardo Di Fiandra al basso. Sabato 29 aprile, a partire dalle ore 15, presso le Scuderie dell’incantevole Villa Meridiana di Leuca vi sarà l’apertura della mostra “Occhi sul jazz”, che vedrà protagoniste le coloratissime pennellate del pittore e musicista Antonio D’Aversa e l’intenso bianco e nero degli scatti del fotografo Romano Nunziato. A seguire, alle ore 21, nei giardini della medesima villa vi sarà il concerto/spettacolo con proiezioni “Musica a fumetti” del Fulvio Palese trio. Il saxofonista salentino sarà affiancato da Andrea Rossetti al piano, Giulio Rocca alla batteria e Franco Manni voce recitante. Domenica 30 aprile, dalle ore 15, negli stessi giardini, riapertura della mostra pittorica con interventi musicali in dialogo col pubblico di Antonio D’Aversa all’armonica cromatica e Ambrogio De Nicola alla chitarra. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Info: 347 516 9946.

Michele Cortese, in con- certo al Cinema Oriente il 29 e 30 dicembre
GALLIPOLI. Un tour in Cile della durata di un mese: questo il prossimo appuntamento per Michele Cortese, il cantautore gallipolino che a partire dal 27 aprile prenderà parte allo spettacolo teatrale “A night at Broadway”, in omaggio a cinque dei più famosi musical della storia di Broadway. «Il 27 febbraio di due anni fa ero sul palco della Quinta Vergara a Viña Del Mar e vincevo il Festival più importante d’America Latina – racconta l’artista – e da allora ho visitato il Cile in lungo e largo, ho suonato nel deserto fiorito e nell’ultima città più a sud del mondo. Presto vi sarò di ritorno per un’altra splendida esperienza musicale a teatro».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Un momento della Pasquetta 2016 targata Parco Gondar, vera prova generale del festival dedicato al cibo di strada, con truck nazionali e internazionali

Il parco Gondar

GALLIPOLI. Ci sarà un mare di musica e di arte a Gallipoli per Pasqua e Pasquetta. Dal 15 al 17 aprile ritorna la seconda edizione di “Peninsula Music and Art Festival”, la rassegna che comprenderà anche quest’anno spettacoli itineranti, Beach Parties, locations suggestive, grandi nomi della musica italiana ed internazionale e prestigiosi Dj ed ospiti. L’evento, nato tra l’altro per offrire una piccola anticipazione della prossima stagione estiva, è promosso dal “Samsara”, che ha affidato l’organizzazione dell’evento alla “David Production” e sarà in collaborazione con l’Associazione commercianti e imprenditori”, presidente Matteo Spada, e “Parco Gondar” di Ferruccio Errico e Christian Scorrano. «Sono fiducioso e credo che questa edizione sarà anche migliore della precedente – afferma David Cicchella, proprietario del Samsara insieme a Rocco Greco – anche tenendo presente il periodo in cui si terrà e le giornate che saranno più calde, prevedo un maggior afflusso di partecipanti». Il cartellone degli eventi di Peninsula si articolerà in tre giorni e sarà suddiviso in tre fasce orarie.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

ragazzi barrio verdeALEZIO. È un concentrato di arte e cultura la programmazione proposta per il mese di marzo da “El Barrio Verde”. L’oasi aletina dai mille volti, dopo aver lanciato la scommessa dei “giovedì letterari” (con l’eccezione di lusso di Erri De Luca), ora rilancia con una rassegna jazz e la sua prima collettiva di arte contemporanea. Si tratta, nel primo caso, dello “Springtime Jazz Festival”, progetto itinerante che porterà fino al 2 aprile più di 120 artisti a esibirsi per oltre 80 concerti in giro per l’Italia. A inaugurare le tappe aletine, sabato 11, sarà il “tropicalismo” mediterraneo degli Os Argonautas, band barese che vanta collaborazioni non solo a livello nazionale. Il 16 c’è il live del Giuseppe Magagnino Trio, il 23 “Celtic Lab”, il 30 “Guru & Harada Duo” ed il primo aprile “P.C. Funk Connection”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Da sinistra Luigi Bruno e Robindro Nicolik

Da sinistra Luigi Bruno e Robindro Nicolik

SECLÌ.Proseguono sino al 25 febbraio, al Ducale, gli eventi legati alla mostra fotografica curata dai fotografi Atraz & Emilia e del professor Giorgio Giaffreda in occasione del Giorno della Memoria per ricordare la Shoah, le leggi razziali e le persecuzioni degli Ebrei. Nell’occasione è stato proiettato l’indimenticabile capolavoro “La vita è bella” di Roberto Benigni. La mostra sarà via via accompagnata da convegni a tema, proiezioni di video e visite guidate di scuole, gruppi ed associazioni. Già invitate a partecipare molte istituzioni scolastiche del territorio. L’iniziativa è dell’Amministrazione comunale e dell’assessorato alla cultura in collaborazione con Ill Sunrecords e Collettivo SBAM. Sabato 25 febbraio, dopo l’intervento del professor Daniele De Luca, docente di Storia delle relazioni internazionali presso l’Università del Salento, ci sarà il concerto finale di Luigi Bruno & Mediterranean Psychedelic Session e del clarinettista serbo-spagnolo Robindro Nicolik (specializzato in musica Klezmer), che per l’occasione, oltre a presentare i brani del loro ultimo lavoro discografico “ASSUD”, regaleranno uno spettacolo di contaminazione musicale. Bruno (di Galatone) è chitarrista, cantante, compositore, leader dei Muffx, organizzatore di eventi e fondatore della IllSunRecords.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

CASARANO. Ha le firme di Nicco e Carlo Verrienti il nuovo brano sanremese di Chiara. I due autori e produttori di Casarano, impegnati tra il Salento e Roma con il loro laboratorio creativo “Albicokka studio”, hanno scritto la canzone “Nessun posto è casa mia” che la quale la “nuova” Chiara Galiazzo, salita alla ribalta nel 2012 vincendo la sesta edizione del talent “X Factor”, porterà sul palco dell’Ariston per il Festival della canzone italiana, in programma dal prossimo 7 febbraio. Il brano scritto dai Verrienti è prodotto da Mauro Pagani che ha affiancato Chiara in studio per la produzione dell’intero nuovo album che sarà pubblicato da Sony Music il 24 febbraio. Per il suo ritorno a Sanremo, Chiara si affida ad un brano molto raffinato nella sua semplicità, quasi sussurrato ed estremamente emozionante, che rappresenta un’importante prova d’interpretazione. Per Nicco e Carlo Verrienti si tratta dell’ennesima perla della loro collana di interpreti che comprende, tra gli altri, Emma, Alessandra Amoroso, Annalisa, Francesco Renga, Dear Jack, Giusy Ferreri accanto ad Antonello Venditti. Tra i loro progetti musicali anche brani in dialetto salentino come il tormentone della scorsa estate “Cchiappa lu Zinzale” prodotto per il Collettivo Salentino.

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...