Home Tags Posts tagged with "michele piccinno"

michele piccinno

Alezio – Acquista una visuale inedita, curiosa e attenta e un valore artistico di qualità l’annuale racconto a più voci promosso da Interferenze sulla vita della comunità aletina. Sarà presentata lunedì 13 agosto alle ore 20,30 nel cortile dell’ex Palazzo Vescovile sul sagrato della Lizza l’esposizione fotografica “Loro di Alezio – Alezio nei ritratti fotografici di Michele Piccinno”, attiva durante i festeggiamenti in onore della Madonna della Lizza, dalle ore 21 alle 24 dei giorni 14-15-16 agosto.

Piccinno, aletino d’origine trapiantato a Treviso, si avvicina alla sua grande passione – la fotografia – da autodidatta. Gli impegni lavorativi lo tengono lontano dalla sua macchinetta, ma nel 2013 ritorna a scattare. Ha partecipato a mostre collettive e concorsi nazionali ed internazionali, conquistando anche il primo posto al concorso Rai indetto dalla trasmissione “Flash” condotta da Mike Buongiorno, e “Il Fotoamatore”, rivista ufficiale della Fiaf (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) gli dedica un’intera pagina. Lo scorso anno i suoi scatti in bianco e nero sono stati esposti negli spazi del Must, Museo storico Città di Lecce, con la mostra fotografica “Guardami”.

Piccinno ora “dirige” la nona edizione della mostra, scrutando con il suo obiettivo attimi di quotidianità e suggestioni, e regalando l’immagine di un paese pieno di umanità, sospeso nel tempo. Un’edizione, quella 2018, che segna un ulteriore passo avanti nel cammino di “ricostruzione del tessuto sociale” intrapreso dall’associazione aletina: ai contenuti ricchi di significato culturale e valore artistico, anche gli spazi espositivi si arricchiscono, con un ampio cortile all’aperto ad ospitare la retrospettiva. In più, la serata di presentazione potrà contare sul contributo del filosofo Mario Carparelli che commenterà con l’autore le opere esposte.

“Interferenze prosegue il suo percorso socio-antropologico con passione e responsabilità – afferma il presidente Riccardo Botto – fermamente convinta che solo attraverso la conoscenza di quanto e di chi ci sta dietro, possiamo sperare in un futuro, se non migliore, perlomeno coerente e consapevole. Quest’anno la nostra consueta manifestazione, dedicata a tutti gli aletini residenti e non, fa un notevole salto di qualità, assumendo le caratteristiche di una monografia di assoluto prestigio. Un evento – conclude Botto – che senza la generosa collaborazione di quanti ci hanno voluto aiutare – e che ringrazio con affetto – non sarebbe stato possibile”.

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...