Home Tags Posts tagged with "memorial"

memorial

by -
0 984

pasquale_paradisi casaranoCASARANO. Appuntamento il 6 gennaio, a Casarano, per il terzo “Memorial Pasquale Paradisi”, la passeggiata in Vespa organizza dagli amici del ragazzo che nella notte dell’Epifania del 2011 rimase vittima, a soli 19 anni, di un incidente in seguito ad uno scontro tra due auto sulla strada Provinciale per Ruffano. Scopo del ritrovo è quello di continuare a ricordare “Pasky”, e la sua passione per le due ruote. Alle 9 il ritrovo in piazza San Domenico da dove, alle 9.30, partirà la sfilata con successivo rinfresco in un bar di contrada Botte. Dopo la messa in ricordo di Pasquale, celebrata alle 10,30 nella parrocchia di San Pio, ci sarà l’omaggio floreale in contrada Monticelli, sul luogo dell’incidente, e la successiva visita al cimitero

SANNICOLA. Appuntamento al parco giochi in via don Tonino Bello il 6 dicembre alle ore 15.00 per l’intitolazione dell’area a Stefano De Filippo (a lato), il primo donatore di organi di Sannicola. Saranno presenti il sindaco Cosimo Piccione, l’assessore alla cultura Marzio Molle e il presidente provinciale Aido Pino Neglia. L’opera dell’artista Emanuele Nassisi di Parabita sarà benedetta da Don Piero Malodrottu. Il giovane era scomparso tragicamente a soli 28 anni, nel 2003. Nel 2007, il Consiglio comunale accoglieva la richiesta della famiglia di intitolare al giovane un parco accettando una donazione di 10.000 euro come contributo alla realizzazione. In seguito, grazie ad ulteriori fondi provenienti dalla Provincia di Lecce e da “economie” da altri lavori pubblici, il parco veniva realizzato e terminato nel 2012. Nel 2013 la nuova amministrazione ha deciso di apporre una targa e un’opera d’arte a memoria del giovane. Ogni anno al giovane scomparso il Gruppo Ciclistico Salentino dedica un memorial.

artem toscano alezioALEZIO. Sfide sottorete per ricordare Artem Toscano (foto), il giovane scomparso la scorsa estate in un incidente stradale. Ancora pochi giorni, infatti, e la “Volley Alezio ‘98–Toscà” sarà impegnata nel torneo di Seconda divisione maschile. Il 18 gennaio alle 20, presso il palazzetto dello sport di via Tuglie, i ragazzi allenati da Fabio Giorgino (di Sannicola) inaugureranno la stagione contro l’Alliste. Nella rosa aletina ci sono anche due nuovi arrivi, Stefano Blanco (di Cutrofiano) e Luca Taviano (di Matino), che nella scorsa stagione hanno militato in D  a Taviano.

«Spero in buon inizio di stagione. A noi – afferma il presidente pro-tempore della “Volley” Biagio Primiceri – importa poco la classifica perchè questa squadra è sorta per rendere omaggio al nostro compianto amico Artem Toscano. Colgo l’occasione per ringraziare la sua famiglia, mister Giorgino, che pur non ricevendo alcun compenso si impegna sempre al massimo, tutti i giocatori e gli sponsor. Un plauso va anche all’assessore allo Sport Guido Sansò per la disponibilità e l’impegno nei nostri confronti».

Intanto in questi giorni il torneo misto organizzato dalla “Volley” è giunto alle fasi finali con “Spring” a contendersi la vittoria con la vincente tra “Vastasi” e “Wonder ball”.

by -
0 1047

pasquale_paradisi casaranoCASARANO. Tutti in Vespa per ricordare l’amico che non c’è più. Accade a Casarano, nella mattina di domenica 12 gennaio, con il secondo “Memorial Pasquale Paradisi”, il raduno su due ruote organizzato dagli amici del 19enne che nella notte dell’Epifania del 2011 rimase vittima di un frontale tra due auto sulla strada Provinciale per Ruffano. Il ritrovo è per le 8.30 in piazza San Domenico con passeggiata in Vespa nel centro di Casarano.

PARABITA. Ieri 20 ottobre, per il terzo anno consecutivo, si è svolta la maratonina “Salento d’amare” organizzata dalla Podistica Parabita. L’edizione 2013, che ha visto la partecipazione di circa 700 podisti provenienti da tutta Italia, è stata dedicata a Pippi Leopizzi, uno dei soci fondatori scomparso lo scorso anno.

Foto pubblicate da Emilio Passeri su Facebook.

by -
0 941

commemorazione sindaco luigi sanso

GALLIPOLI. Sabato 5 ottobre è stata ricordata a Milano la figura di Luigi Sansò, già Sindaco di Gallipoli negli anni Cinquanta, nel cinquantenario dalla scomparsa e per l’occasione è stata presentata la ristampa del libro “Sugli Stati Uniti d’Europa” da lui scritto nel 1918, ristampato poi nel 1958 e dedicato “agli intellettuali affinché ne curino il compimento”.  L’iniziativa è stata curata e ospitata dall’Associazione pugliesi in Lombardia ed ha visto la partecipazione dell’assessore Felice Stasi per il Comune gallipolino, dell’on. Rocco Buttiglione, del professore e scrittore Federico Natali che ha illustrato la figura di Luigi Sansò, poeta, drammaturgo e scrittore, nonché di Giovanni Sansò, procugino. che ha richiamato i motivi dell’evento fatti propri dall’associazione di emigrati pugliesi.

«Luigi Sansò scrisse per primo quello che ancor oggi non è stato compiutamente realizzato per la pace e la prosperità europea ed è considerato ormai non più procrastinabile: la fondazione degli Stati Federati d’Europa», è stato ricordato. L’attuale ristampa della Monografia è stata curata dai discendenti e nipoti di Luigi Sansò e da Giovanni Sansò, procugino. è stato anche richiamato lo scritto originale di Luigi Sansò, l’Inno a Wilson, la dedica che ne fece al Presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson e agli intellettuali di ogni tempo, la lettera di risposta del Segretario del Presidente Wilson, Gilbert  F. Cox. Il Comune di Gallipoli ha dato il patrocinio all’iniziativa.

by -
0 1505

artem toscano alezioALEZIO. Dopo quasi dieci anni ritorna ad Alezio la Seconda divisione maschile di pallavolo. La nuova squadra facente parte della società “Alezio volley ’98” è dedicata ad Artem Toscano (nella foto a destra), il ragazzo scomparso durante l’estate in un incidente stradale. «Ci siamo impegnati – spiega Biagio Primiceri (a destra nella foto accanto a William Ria), presidente della “Volley Alezio” – per far rinascere questa categoria solo ed esclusivamente nel nome e nel ricordo del nostro amico Artem. Come noi, anche lui amava moltissimo questo sport».

Della squadra faranno parte, infatti, molti amici dello sfortunato giovane. La rosa, allenata da Fabio Giorgino e Sergio Manco, sarà composta da  Diego Talà, Antonio Solida, William Ria, Graziano e Marco Leo e Alberto Gianfreda (tutti di Alezio), Nanni Primavera (di Matino), Raffaele Campa e Andrea De Santis (Sannicola), Luigi Susca e Raul Cuppone (Galatone) ed Andrea Merenda (Taviano). «Non abbiamo progetti ambiziosi. La squadra – continua Primiceri – è un pretesto per stare insieme e portare avanti la passione di Artem. Ringrazio anche l’Amministrazione comunale, e l’assessore allo Sport Guido Sansò, per la concessione del Palazzetto».

Nel frattempo sono partiti i corsi di avviamento alla pallavolo per ragazzi e ragazze che ti terranno ogni lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17 alle 19 presso il palazzetto dello sport di via Tuglie. A breve sarà anche dato il via anche ai tornei misti amatoriali.

by -
0 1139

staffetta letterariaTAVIANO. Una staffetta letteraria per non dimenticare la strage di Lampedusa: si svolgerà sabato 12 ottobre, dalle 9 alle 21, in piazza San Martino. Per undici ore, numerose personalità salentine, di spicco nei vari settori (politica, giornalismo, cultura, musica e altro), leggeranno passi tratti da libri che narrano l’immigrazione, spesso un dramma. I momenti letterari saranno intervallati da spazi musicali (a cura di Donato Pisanello, Carlo Longo, Vittorio Ciurlia) e dall’intrattenimento teatrale della scuola “Temenos – Recinti teatrali”.

La manifestazione è organizzata dalla libreria “Antica Roma”, dalle associazioni “La Piazza” e “Bachelet”, con il patrocinio del Comune di Taviano.

Uccio GrecoUGENTO. «Ci sono persone e azioni che non si possono dimenticare». Si apre così l’opuscolo che il presidente regionale del Centro sportivo italiano Dino Diso ha realizzato, nel 2003, in onore di Uccio Greco. Lette oggi, queste parole si arricchiscono di nuovi significati. Da venerdì sera, infatti, Uccio Greco non c’è più: l’educatore di tante generazioni di atleti – ugentini e non – si è spento all’età di 84 anni nella sua casa di via Firenze. Ma le sue azioni, come appunto scriveva Diso, non si possono dimenticare: l’impegno, la passione, i valori dell’amicizia e della correttezza nello sport, sono ben impressi nei cuori dei tanti sportivi che da lui sono stati affiancati negli ultimi 60 anni.

Uccio Greco inizia la sua carriera sportiva nel 1950, quando si arruola nell’esercito e nel reggimento pratica calcio, pallavolo, basket, atletica leggera e salti. A Bologna, da sergente, diventa responsabile tecnico-logistico degli atleti militari. Quando rientra a Ugento, nel 1954, inizia a fare il camionista, pur non abbandonando mai lo sport. Nel 1959 sposa Gilda Cera, dalla quale avrà due figli, Maria Pia e Sergio. Nello stesso anno, con l’inaugurazione dell’oratorio “San Giovanni Bosco” e con la collaborazione di don Leopoldo De Giorgi e don Tonino Bello, inizia la sua attività di dirigente ed educatore sportivo. Fonda il comitato zonale del Centro sportivo italiano, al quale si affiliano 24 società (tra cui la “Primula Ugento”, che darà poi i natali ai “Falchi”). Entra a far parte del comitato Csi di Terra d’Otranto (diventandone vicepresidente) e lancia l’attività polisportiva femminile. È in questi anni che, insieme ai due indimenticati sacerdoti, Uccio scopre la grande forza aggregativa dello sport. Diventa ben presto componente della commissione nazionale giudicatrice del Csi e fiduciario di zona del Coni. Per 7 anni accompagna ufficialmente gli studenti di tutta la provincia alle gare nazionali dei Giochi della gioventù. Importante anche il suo percorso politico, che lo porta ad essere eletto consigliere comunale nelle file della Dc e, successivamente, assessore e vicesindaco.

Con Uccio Greco se ne va un pezzo importante dello sport ugentino e salentino. Lo dimostrano le tante testimonianze di affetto giunte nel giorno dei funerali. Il comitato regionale del Csi, nella persona del presidente Dino Risi, a nome degli 11 comitati Csi di Puglia ha descritto Greco come “socio, militante e grande dirigente”. I “Falchi”, poi, hanno sottolineato “l’ineccepibile condotta, sempre intrisa di valori etici, che è stata e rimarrà di esempio per tutte le generazioni di sportivi”. Dimostrazioni di affetto anche dal Csi di Terra d’Otranto e da tutte le società sportive di Ugento, per un uomo che ha trasmesso ai giovani l’importanza  del rispetto e, dell’etica sportiva.

by -
0 2622
Alessandro Leopizzi

Alessandro Leopizzi

ALEZIO. Ad un anno dalla scomparsa di Gianfranco Leopizzi (avvenuta il 7 settembre del 2012), il figlio Alessandro (che ne ha ereditato la passione per il calcio nello stesso ruolo di portiere), ne ricorda la figura: «Con lui ho avuto a volte un rapporto conflittuale – confessa Alessandro –  ma è stato un generoso di cuore. Ha aiutato tanta gente che non sempre è stata riconoscente. Ha fatto anche i suoi errori, ha sofferto la solitudine per la separazione (io avevo solo sei anni) e non sempre si è fatto aiutare».

Alessandro ripercorre le tappe della carriera di Gianfranco, l’esperienza in serie A nel Bari negli anni 60, poi Lecce, Galatina, Mesagne, Gallipoli e Galatone. Quasi in fotocopia le carriere erranti di padre e figlio, ma mentre Gianfranco ha vissuto da “artista”, Alessandro, ora 33enne e di nuovo al Casarano in Eccellenza, da ragazzino veniva chiamato “u tenzia” (ovvero “ragazzo terribile”) ed è dovuto crescere in fretta, da professionista, con regole ferree (a sei anni era già in collegio “Palmieri” di Lecce) e molto lavoro.

Dalla Polisportiva “Don Bosco” di Alezio al Casarano, fino alla serie A con l’Udinese di Zaccheroni e Bierhoff, passando attraverso tutte le nazionali giovanili.

Poi, la discesa: mal consigliato dal procuratore Caliendo, rifiuta il contratto col Southampton in Inghilterra per tornare in Italia. «È il mio più grande rammarico. Ma ho già gettato le basi per concludere la mia carriera col botto finale all’estero. Voglio finire in grande stile», promette Alessandro.

marina marsanoMATINO. Dal primo settembre, il Palazzo Baronale di Collepasso ospita la rassegna artistico culturale “Pathos – Linguaggi creativi dell’anima” ideata e voluta dall’Associazione di promozione sociale “Novass San Francesco d’Assisi” di Matino. «L’obiettivo è dare ai visitatori un piacevole momento di riflessione per carpire l’espressione e la creatività dell’animo umano, nelle diverse forme che gli autori hanno voluto realizzare, in un perfetto connubio tra storia, arte e cultura» fa sapere Valerio Cassiano, presidente di Novass.

La rassegna, realizzata in collaborazione con il consigliere delegato alla cultura di Collepasso Gino Mastria, esporrà le opere di numerosi artisti noti ed emergenti, nel campo della pittura, della scultura e della moda e sarà fruibile tutti i giorni dalle 19 alle 23 sino a sabato 7 settembre. Inoltre nella serata di oggi (tre settembre) si terrà un momento poetico con le poesie di Franco Murrieri di Matino, il prossimo venerdì, invece, intratterrà la  Scuola di ballo “La Perla Dance” di Casarano a partire dalle 21.

All’evento è legata una dedica speciale, come spiega il Presidente dell’associazione: «La manifestazione nasce dalla spinta emotiva per la prematura perdita della socia Marina Marsano, particolarmente sensibile alle attività artistiche, culturali e sociali». Marina Marsano, 60 anni di Matino, era molto conosciuta in paese, si era fatta apprezzare per le tante attività culturali a cui partecipava, per il sostegno che da anni concedeva alle associazioni del paese e per il suo modo di fare, sempre disponibile e allegro. È scomparsa poche settimane fa, portata via da una male incurabile.

by -
0 1462

Vales Team la squadra delle amiche di Valeria SpecolizziRacale. A due anni esatti dalla sua morte, le amiche Barbara Micaletto e Patrizia Sergi, in collaborazione con la Fidas di Racale, organizzano il “2° Memorial Valeria Specolizzi”, dedicato alla giovane donna del posto scomparsa a soli 48 anni e il cui ricordo rimane sempre vivo nel cuore di chi l’ha conosciuta.

Non ci sarà un torneo di calcetto, quest’anno, ma una serata di musica e cabaret che si terrà ai Giardini del Sole, in piazza Beltrano a Racale, domenica 25 agosto prossimo, con inizio alle ore 20.45. «Abbiamo pensato a qualcosa di diverso per questa edizione – spiega Barbara – perché le cose più belle e importanti che Valeria ci ha trasmesso sono state il sorriso e il divertimento. Al di là dei problemi e delle difficoltà, lei aveva sempre la voglia e la forza di sorridere e una delle cose che amava, oltre al calcetto, erano le serate di musica e cabaret».

Ci sarà una gara di canto con trofeo e premio per il primo classificato. La giuria sarà composta dal sindaco Donato Metallo e da quattro esperti del mondo della musica e dell’arte come Gabriella Stea, Marco Rizzello, Eloisa Spada e Valeria Carmone.

Durante la serata, di sicuro successo, presentata da Roberto Treglia (giovane artista di Taurisano), andrà in scena uno spettacolo di cabaret della compagnia “I MalfAttori” di Gianpaolo Viva, uno dei più grandi amici di Valeria.

Gallipoli. Dal 13 al 16 giugno 3°Memorial di calcio a 5 femminile/6 maschile per ricordare Cristina Greco (foto), una delle calciatrici più rappresentative del calcio femminile, scomparsa prematuramente. Il torneo che si terrà  nel centro sportivo Evergreen sulla strada statale  Gallipoli-Alezio, vede la partecipazione di 16 squadre. L’iniziativa che si propone di diffondere la cultura della prevenzione, l’arma più efficace per combattere il cancro, e di promuovere il calcio femminile  quale veicolo di aggregazione e di crescita sociale, è in  collaborazione con la Lega Tumori ed ha il patrocinio del Comune di Gallipoli.

by -
0 819

Eugenio Casto

Alliste. Il diritto al lavoro dovrebbe essere sacro e inviolabile e spesso non lo è; crearsi un lavoro e  vederselo strappare in una manciata di secondi è ancor più intollerabile. Accadde invece proprio così il 20 marzo 1993, al 51enne Eugenio Casto, di cui ricorre il ventennale dalla morte avvenuta per mano di rapinatori che fecero irruzione nel suo negozio di generi alimentari. Ad una sua reazione, spararono con un fucile a canne mozze e lo uccisero. Un fatto terribile per Alliste e non solo. Tanto che è facile intuire come mai le tre figlie dell’assassinato abbiano fatto affiggere  un manifesto commemorativo, seppur a distanza di tanti anni. «Io, Laila e Rosetta – spiega Elisabetta Casto – abbiamo sentito l’esigenza di far ricordare nostro padre in maniera più viva. Ma la nostra intenzione è stata anche quella di mettere sotto gli occhi di tutti un evento ancora tanto attuale, ahimè, con la speranza di far riflettere».

Non c’è dubbio che Eugenio sia tuttora presente nella memoria dei suoi compaesani: in occasione della triplice rapina, per fortuna senza sangue, avvenuta l’11 febbraio del 2012, in molti andarono col pensiero alla tragedia di 19 anni prima. Anche l’Amministrazione comunale ha voluto far sentire la propria vicinanza consegnando una targa alla famiglia durante la messa commemorativa nella parrocchia di San Leucio Martire. Il Comune intitolerà allo sfortunato commerciante il campetto di calcio di Felline. C’è pure una lapide commemorativa da alcuni anni nel cimitero. «Mio padre era molto attivo nel sociale – ricorda Elisabetta – si era anche offerto per rimettere in sesto una vecchia struttura sportiva. Ringraziamo perciò il primo cittadino per questa decisione, così come tutti coloro che ci han fatto dono della loro partecipazione che è stata davvero grande».

RR

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...