Home Tags Posts tagged with "eccellenze salentine"

eccellenze salentine

concetta amanti - dirigente Meucci

Da sinistra, l’imprenditore Gianluigi Parrotto, il magistrato Roberto Tanisi e la dirigente Concetta Amanti

Attilio Pisanò

Il professor Attilio Pisanò

CASARANO. Premiate le eccellenze del “Meucci”. Nel corso di un’apposita cerimonia sono state consegnate delle borse di studio agli alunni che hanno avuto la media più alta o si sono distinti nelle diverse competizioni alle quali hanno partecipato. Con l’occasione sono stati conferiti degli attestati anche a chi si è maturato nel corso del precedente anno scolastico con il massimo dei voti. Alla cerimonia hanno partecipato il magistrato Roberto Tanisi ed il giovanissimo imprenditore, nonché ex alunno del “Meucci”, Gianluigi Parrotto.

Nel frattempo ha preso avvio il progetto “Shantaram”, che si propone di promuovere la cultura dei diritti umani attraverso un articolato programma di attività didattiche e di cittadinanza attiva. Il progetto, di durata triennale e voluto dal docente universitario Attilio Pisanò, coinvolge gli alunni di ben sei istituti scolastici della Provincia: l’Istituto comprensivo “Calvino” di Alliste (scuola capofila), l’Istituto d’istruzione superione “Meucci” di Casarano (scuola ospitante), l’Istituto tecnico economico “De Viti De Marco” e l’Istituto professionale “Bottazzi”, anch’essi di Casarano, il Liceo classico “Virgilio” e il Liceo artistico “Ciardo-Pellegrino”, entrambi di Lecce.

L’Istituto diretto da Concetta Amanti ha inoltre aderito al progetto del Miur “Programma il futuro” che ha l’obiettivo di fornire agli studenti i concetti di base dell’informatica, in modo piacevole e divertente. La classe 1AI, ad esempio, è stata inserita all’interno dell’iniziativa l’”Ora del Codice”, nata negli Stati Uniti nel 2013 e volta a far sì che ogni studente, in ogni scuola del mondo, svolga almeno un’ora di programmazione informatica.

Alunni premiatiACQUARICA DEL CAPO. Con una cerimonia solenne, organizzata dall’assessorato alla Pubblica istruzione nel salone del Castello medioevale, il Comune di Acquarica ha voluto premiare con una borsa di studio gli studenti di ogni ordine e grado che nell’ultimo anno del corso scolastico hanno conseguito il massimo dei voti. Ragazzi che hanno conseguito la licenza media con una votazione di almeno 9/10, giovani diplomati con 100/100 e laureati con 110 hanno ricevuto dalle mani del sindaco Francesco Ferraro un attestato personalizzato, in attesa di ricevere anche l’assegno, che varia dai 100 euro (per i ragazzi di licenza media) ai 500 (per i laureati con 110 e lode). La borsa di studio riservata ai ragazzi della scuola media inferiore è stata intitolata a Dalila Tempesta, una ragazzina di 11 anni, scomparsa di recente dopo una lunga sofferenza e molto legata alla lettura, allo studio e alla vita. Questi i nominativi dei premiati della serata: Marika Calabrese, Alessia Coletta, Salvatore Grezio, Luigi Palese, Francesca Pretese e Francesca Pizzolante per la scuola media; Alessandra Luna per la scuola superiore; Irene Chiffi, Giovanni D’Alessandris, Luca Occhilupo e Anna Lucia Rosafio per l’Università.

Alla cerimonia, oltre all’assessore Tatiana Turi, al sindaco Francesco Ferraro, all’onorevole Rocco Palese ed al presidente della Provincia Antonio Gabellone, hanno preso parte e sono state premiate alcune eccellenze, sia del mondo dell’impresa che del mondo della cultura e della scuola. Si tratta di Alberto Alfarano, giovane studente acquaricese già vincitore di alcuni titoli di campione nazionale di matematica e di una medaglia di bronzo conseguita nel campionato europeo della stessa materia, Gianluigi Parrotto, giovane appena ventenne, titolare di un’impresa con 40 dipendenti che produce turbine eoliche, Daniele Manni, docente di Informatica in un istituto di Lecce e candidato al Nobel per l’insegnamento e infine Domenico Fazio, docente di Storia della Filosofia presso l’Università del Salento e studioso di fama internazionale. Da parte di tutti un unico messaggio alle giovani generazioni: «Nulla è impossibile». Ovvero con la volontà e con la creatività si può vincere anche la contingenza economica e creare un futuro dignitoso per sé e per gli altri.

I PROTAGONISTI DEL 2013 – Nelle pieghe di una tela lunga un anno restano tante altre cose, come le tracce profonde ma discrete di tutti i volontariati, i donatori di tempo, sangue, organi per rendere più calda la vita, gli insegnanti ai piccoli atleti di regole di vita. Ne siamo ricchi e orgogliosi di questa dote che nel periodo natalizio ha il suo apice, intriso di regali utili e tempestivi, quando non proprio necessari e urgenti. Restano gli studenti che “rubano” ai loro insegnanti di tutto il sapere possibile e si distinguono in gare d’ingegno: alcuni sono noti, ma ce ne sono anche altri. Restano i giovani che puntano sulle prospettive turistiche, i vignaioli da vertice, gli artigiani d’eccellenza, tanti facitori di cose buone insomma. Auguri.

Leggete le storie dei protagonisti nelle didascalie alle foto.

by -
0 1993

Antonio De Lorenzis e Donatella piazza cuochi Racale e MelissanoRACALE. Tra i mostri della cucina come il maestro racalino Antonio De Lorenzis, campione mondiale di sculture artistiche, c’è lei, una donna, la chef  Donatella Rizzo di Melissano, Premio oro per la cucina calda.

A vincere l’oro per la sezione piatti caldi della terza gara della Ristorazione professionale e sesta edizione del Trofeo “Parco nazionale del Pollino” nell’ambito della Rassegna 2013 di Cucina, Pasticceria e Sculture artistiche è una donna con un piatto di terra: scottadito di agnello su cerchio di pane pugliese e crema di fave verdi in riduzione di Ruvezzo Negroamaro (vino salentino della Cantina Santi Dimitri di Galatina).

L’artista della cucina fin dalla tenera età ha la passione per i fornelli: il suo primo dolce è una semplice ciambella personalizzata da lei stessa con un pò di impasto al cacao.
Finite le scuole frequenta corsi per perfezionarsi in pasticceria e acquisire nuove tecniche anche con i finger food prendendo un argento nel Campionato Nazionale di Chef “In punta di dita” a Padova nel 2010.

Successivamente apre un piccolo ristorante sul mare,  “Il Valeriano” e poi pasticcera all’Euro Bar,  piatti d’asporto e pizzeria ad Alliste. Si specializza come personal chef a domicilio e catering. Acquisisce l’arte dell’intaglio sui vegetali ed insegna a gruppi di poche persone. Nel 2003 entra a far parte dell’Apci Associazione Professsionale Cuochi Italiani ed inizia a partecipare a corsi e concorsi anche a livello nazionale. Lavora in Resort e Hotel a  quattro stelle come pasticcera e secondo chef. Per 3 anni  dal dicembre 2010 a febbraio 2013 è responsabile per la  Puglia e ambasciatrice internazionale dell’associazione Ristoworld Italy, coordinatrice nazionale nella “Chef list”  del post terremoto “Emergenza Emilia Romagna”.

Nel 2013 entra a far parte della associazione internazionale Wine Fashion Europe presieduta da Marika Orlando come  responsabile eventi nazionali e fiduciaria della regione Puglia, coordina una rubrica nel magazine Wine fashion Europe “Donatella Rizzo e la ristorazione”. Nel 2012 è insignita come cavaliere della Casa Reale del Principe di Montenegro Stefan Cernetic. Fa parte dell’associazione culturale di gastronomia salentina “Sapori d’oriente Italia”.

Donatella Coppola

by -
0 2662

Karate 2013

TAVIANO. Ai prossimi campionati mondiali di Karate, che inizieranno il 30 novembre a Timisoara (Romania), si parlerà salentino. Sono, infatti, almeno 25 gli atleti salentini che faranno parte del Team G.i.a.k.a.m. Italia Karate. Si tratta di Mattia Vigna, Samuele Panico, Goffredo Giannelli, Flavio Pisanello, Giuseppe Casalino, Gabriele Lo Mastro, Danilo Tramacere, Lorenzo Pizzolante, Mauro Palma, Luca Manni, Gianni Napolitano, Andrea Nobile e Claudio Ferraro (tutti di Taviano), poi ci sono Simone Lecci, Fabio Scorrano, Ilenia Pecoraro e Shascia Spennato (di Taurisano), Luca Spano, Mariangela Falconieri e Donato Baldassarre (di Nardò), Simone e Francesco Renna, Massimo e Simone Rampino e Antonio Perrone (di Trepuzzi). Con loro un esercito di maestri esperti di arti marziali che, in questi giorni, li stanno allenando, a Montesilvano in Abruzzo, a quota 1000 mt. Si tratta di maestri provenienti da ogni parte d’Italia, tra loro i salentini  Salvatore Renna (Trepuzzi), Gregorio Durante (Nardò) e Alessandro Spennato (Taurisano).

A Timisoara saranno presenti oltre 15 nazionali provenienti da tutto il mondo.  «Comunque andrà sarà sempre un successo – dichiara il maestro Aldo Garofalo, di Taviano, presidente nazionale, dal 2007, del Team G.i.a.k.a.m.  Italia Karate – perché arrivare a misurarsi con atleti mondiali implica un impegno e una fatica notevoli. Cercheremo di portare a casa qualche trofeo per la soddisfazione nostra e dell’Italia».

cantando_gullottaCASARANO. C’è un pezzo di Casarano nello spettacolo “L’enigma dell’amore” che ha debuttato lo scorso 10 novembre al Teatro dei filodrammatici di Milano, riscuotendo plausi e consensi. Le coreografie, infatti, sono state curate dal casaranese Gabriele Cantando (a sinistra nella foto accanto a Gullotta). La pièce teatrale, dedicata al pioniere del movimento omosessuale Karl Heinrich Ulrichs, l’11 novembre ha fatto tappa a Brescia e sarà a Roma, al Teatro piccolo Eliseo, dal 13 al 18 maggio. “L’enigma dell’amore” è un lavoro di Saverio Aversa e Fabio Grossi, con Fabio Pasquini e Francesco Maccarinelli e la partecipazione in video di Leo Gullotta. La regia è affidata a Fabio Grossi, coadiuvato da Ugo Bencivenga.

«Che dire? – commenta Cantando – Un’emozione grandissima. Ringrazio e faccio i complimenti a Grossi, sapiente regista che tanto mi sta insegnando, Ugo Bencivenga, per la sua professionalità e pazienza, Francesco Maccarinelli, per avermi “appicciat ‘e passione”, Fabio Pasquini, per il suo cuore e la sua grande capacità di essere “Karl”, tutti i tecnici e tutto lo staff».

by -
0 1679

GALATONE. Cantautore salentino trapiantato a Roma, Luigi Mariano è stato ospite, il 27 novembre, di “Edicola show”, il programma condotto da Rosario Fiorello su Radio2. Il talentuoso galatonese, che di recente ha ottenuto il premio speciale “Piero Ciampi”, si è esibito in  trasmissione cantando tre brani tratti dall’album “Asincrono”. Il tutto è stato accompagnato dall’inseparabile chitarra di Mariano e dai commenti di Fiorello che, di fronte all’artista in studio, ad un certo punto ha esclamato: “Proprio vero, u Salentu sforna talentu!”. Come dargli torto? 🙂

serena piro e gli avvocati di strada (2)GALLIPOLI. Giovane avvocato di origini gallipoline, Serena Piro, è fondatrice e attuale presidente dell’associazione “Avvocati di strada” di Parma. L’associazione, presente in oltre 30 città italiane, si occupa della difesa dei diritti delle persone più in difficoltà, come i senzatetto. Avendo studiato a Parma, poi fatto il praticantato a Bologna, Serena Piro, pur amando la città dalla quale proviene, si è stabilita in terra emiliana.

«Durante gli anni bolognesi – racconta – ho sentito dell’associazione e mi ha affascinato da subito l’attività svolta da tutti i volontari. Nel frattempo dei miei cari amici e colleghi di Lecce, gli avvocati Stefano Leuzzi e Annaleila Lisi, hanno aperto uno sportello a Lecce e mi hanno raccontato la loro esperienza. Così rientrata a  Parma nel 2008 ho iniziato a valutare l’opportunità di aprire lo sportello su Parma». Ha contattato alcune associazioni e a maggio di quest’anno è nato lo sportello di Parma. Sabato 16 novembre l’associazione ha partecipato all’evento culturale “Notte dei senza fissa dimora” organizzato da “Pane e vita”, con lo scopo di sensibilizzare la popolazione e le istituzioni alle problematiche vissute quotidianamente dai senzatetto.

by -
0 1525
stabat mater

I tre interpreti. Da sinistra: Michele Cortese, Franco Simone, Gianluca Paganelli

ALEZIO. Verrà premiato il 2 dicembre, presso il “Nuovo cinema Aquila” di Roma, il videoclip dello “Stabat mater” di Franco Simone, realizzato dagli SprinGo Film (regia di Federico Mudoni) e con tre interpreti d’eccezione: oltre all’artista salentino sopraccitato, anche Michele Cortese e Gianluca Paganelli. Intanto, ieri il video è stato presentato al Festival del Cinema di Roma, nell’ambito della conferenza del Premio Videoclip 2014 “Il cinema incontra la musica”.

moretto valentino

GALATONE. Valentino Moretto, ingegnere 28enne di Galatone, negli scorsi giorni, in occasione della “Smart city exihibition 2013” di Bologna, ha illustrato una metodologia innovativa riguardo l’analisi delle città.

“Modelli Matematici per l’analisi delle città, un approccio per le smart cities”, è questo il titolo della ricerca messa a punto dal galateo assieme a diversi giovani professionisti di “Puglia SmartLab”, ovvero il laboratorio attivo-innovativo frutto del progetto “Puglia@Service” che, coordinato dal distretto tecnologico dell’high tech pugliese, ha come obiettivo quello di rendere più “intelligenti” i sistemi di gestione delle e nelle città, snellendo così tante dinamiche che interessano la Pubblica Amministrazione.

«Il progetto promotore del Living Lab è uno strumento analitico utile alla pianificazione strategica e alla misurazione qualitativa di una città intelligente», spiega l’ingegnere galateo. Che preannuncia altresì i prossimi obiettivi di PugliaSmartLab: «attualmente siamo al lavoro per rendere più “smart” e “intelligente” il Salento», riferisce Moretto.

E tutto ciò attraverso l’impiego delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione come supporto innovativo nell’erogazione di servizi pubblici, soprattutto quelli socio-assistenziali e quelli relativi ai rifiuti e alla mobilità.

andrea.ventura - sannicola

SANNICOLA. Ancora un riconoscimento per Andrea Ventura, il ricercatore del dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università del Salento borsista presso il Cern di Ginevra, l’istituto dove è stato scoperto il “Bosone di Higgs”, ovvero la “Particella di Dio”. Il docente è stato premiato nel corso terza edizione del “Premio di eccellenza” finanziato dalla “Banca popolare pugliese” e consegnato dall’Ateneo salentino ai cinque migliori studiosi dell’UniSalento.

Il premio alla “produttività scientifica” viene assegnato per promuovere e stimolare la competizione tra i ricercatori. La giuria analizza, infatti, il loro operato con cadenza biennale sulla base della qualità e dell’ampiezza delle loro pubblicazioni. «Per fare ricerca sulle alte energie bisogna necessariamente spostarsi nei laboratori internazionali quali il Cern ed il Fermilab di Chicago anche se l’analisi dei dati viene poi diffusa dalla facoltà in cui si lavora», afferma Ventura.

Sulle motivazioni che spingono a tanto lavoro afferma: «È la conoscenza pura che tenta di rispondere alle domande primordiali dell’uomo. A 22 anni vinsi un viaggio premio al laboratorio nazionale di Frascati. Fu come essere fulminato sulla via di Damasco, capii che quella era la mia strada: indagare su come è fatto e come funziona l’Universo».

by -
0 1065

maria pia romano

GALLIPOLI. Arriva un altro riconoscimento per la scrittrice Maria Pia Romano: “La cura dell’attesa” (Lupo editore) ha primeggiato nel premio “Carver” di Civitavecchia. La cerimonia si è svolta lo scorso 20 ottobre, nell’ambito del Festival del libro “Un mare di lettere” a cura dell’associazione Prospektiva.

Di recente, la Romano aveva portato a casa anche il primo premio della rassegna “LibriaMola”, a Mola di Bari.

Damiano Calò, titolare "Rosa del Golfo" Alezio

Damiano Calò, titolare “Rosa del Golfo” Alezio

ALEZIO. Vini salentini ancora una volta protagonisti   in Italia. “Rosa del Golfo” di Alezio (nella foto il titolare Damiano Calò) e “Michele Calò & figli” di Tuglie sono state tra le dieci aziende che producono rosati da uve Negroamaro presenti lo scorso 13 ottobre alla manifestazione “Rosati d’Italia” promossa a Firenze dall’Enoclub Siena.

La Puglia è stata rappresentata da “DeGusto Salento”, la nuova associazione nata per promuovere le aziende del territorio. L’Enoclub Siena opera su tutto il territorio nazionale per la valorizzazione dei vitigni autoctoni, tra i quali un posto di diritto spetta alle due aziende di Alezio e Tuglie. L’evento si è svolto nell’arco dell’intera giornata presso il ristorante “I cinque sensi” di Firenze.

GALATONE. L’Amministrazione comunale ha di recente conferito tre cittadinanze onorarie e consegnato due attestati di riconoscimento a quanti hanno dato lustro alla città. Al luogotenente Giuseppe Pisano, fino a qualche giorno fa comandante della locale Stazione dei carabinieri di Galatone, e al professore Luigi De Giorgi, dirigente scolastico in pensione da quest’anno, il Consiglio comunale ha consegnato, all’unanimità, una targa quale segno di riconoscimento per la lunga ed efficace attività di cui, entrambi nel proprio ambito, sono stati autori.

Le cittadinanze onorarie sono andate, invece, ad Alberto Chiantera (foto a destra), maresciallo in pensione originario di Galatone, che ha portato in giro per il mondo la sua collezione di radio d’epoca, Antonio Lerario (al centro), di origini galatee ma da sempre residente a Roma, vicepresidente dell’Associazione vittime della strada e al senatore Giorgio De Giuseppe (a sinistra).

by -
1 1744

Uno è il leader dei “Negramaro”, l’altro è un grande cantautore che, di recente, ha ottenuto una nomination per il Nobel alla letteratura: insieme, Giuliano Sangiorgi e Roberto Vecchioni, hanno dato vita al brano che di seguito pubblichiamo, “Come fai”. Firmata dal salentino e interpretata dal milanese, la canzone fa parte del nuovo album di quest’ultimo, “Io non appartengo più”. Sangiorgi su Twitter ha commentato così: “È un onore immenso aver scritto una canzone per il maestro Vecchioni. Mi è scoppiato il cuore a sentire la sua voce”.  E allora proviamo a vedere, anzi a sentire, che effetto fa a noi? 🙂

by -
0 1844

Matino Baseball

MATINO. Sabato 12 settembre, a partire dalle 17, tecnici e squadra del “Matino Baseball” terranno una lezione dimostrativa a Nardò, presso al scuola media “Tafuri”. L’iniziativa, a cura del centro culturale “Stazione ics”, è volta a far avvicinare i ragazzi (tra i 9 e i 16 anni) a una disciplina sportiva in cui il gruppo matinese eccelle. Dopo l’allenamento-prova, dunque, chi lo vorrà potrà iscriversi al corso di baseball che partirà a breve.

 

by -
0 2206

Giorgio SalesTAVIANO. A 19 anni è riuscito a superare le selezioni all’Accademia  d’arte drammatica “Silvio D’Amico” di Roma e al Centro sperimentale di cinematografia di Roma. Per Giorgio Sales (foto), tavianese doc e che a  luglio ha terminato gli esami di maturità presso il liceo classico di Casarano, si aprono le porte per diventare finalmente attore, il sogno di una vita.

Giorgio è commosso mentre afferma: «Per me si avvera un sogno che mi porto dentro da sempre. Il teatro e la recitazione sono le mie grandi passioni. Tra le due Accademie ho scelto di frequentare la “Silvio D’Amico». Per arrivare a questo prestigioso risultato ha recitato un dialogo tratto da Ceckov “Domanda di matrimonio” e poi si è cimentato con altri monologhi, canto, espressività fisica e vocale. Infine uno stage di 5 giorni a Roma. Giorgio sarà uno dei 23 allievi a frequentare l’Accademia romana, unico pugliese ad essere ammesso.

L’Accademia d’arte drammatica  è stata fondata a Roma nel 1936 dal critico teatrale e scrittore, Silvio D’Amico, amico di Pirandello e Copeau, ed a lui è stata intitolata dopo la sua morte. Con la riforma del settore artistico-musicale del 1999, l’Accademia è entrata a far parte del comparto dell’alta formazione artistica e musicale come “Istituzione di alta cultura” di livello universitario per la formazione di attori e registi di teatro.

È inutile dire che i migliori attori sono usciti da questa Accademia. Basterà citare, per fare qualche esempio, Anna Magnani, Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Monica Vitti ecc. In fatto di recitazione, Giorgio non è uno sprovveduto:  già a 10 anni frequentava i laboratori teatrali a Taviano e a  14 entrava a far parte, in pianta stabile, della Compagnia “La Busacca” prima e “Témenos Recinti Teatrali”, dopo. Ha studiato con passione la propedeutica con gli attori di quest’ultima compagnia, come Marco Antonio Romano, Liliana Putino e Mino Profico.

by -
0 1065

Lanciato il 7 ottobre, conta già tantissime visualizzazioni su YouTube il nuovo singolo e videoclip “Proponi il limite” di Endesho, Kevin Sbranga, Fara One. Il video, le cui riprese e montaggio sono a cura di Double C (Cosimo Cataldo), è stato girato tra Sannicola e la sua frazione Chiesanuova.

Endesho ritorna sulle scene musicali con “Proponi il limite” dopo “Diebus pestilentia“, uscito in agosto, e dopo l’esordio nel video “Pezzenti” accanto al padre Mino De Santis.

Li abbiamo già conosciuti sulle pagine di Piazzasalento e vi abbiamo già raccontato del loro fortunato incontro con un grande della musica italiana come Piero Pelù che ha aperto loro le porte del successo nazionale. Ma ovviamente per I Misteri del Sonno, rock band tutta salentina formata da Carlo Adamo (voce), Dario Ancona (chitarra), Carlo Cazzato (basso) e Ilario Surano (batteria), non finisce qui. Per proseguire su questa fortunata strada, dopo “Sparami” (autoproduzione che ha raccolto 6000 visualizzazioni su YouTube in cinque mesi) arriva “A modo mio”, nuovo singolo e relativo videoclip che è stato lanciato stamattina sempre sulla nota piattaforma di condivisione video.

Il videoclip ha come sfondo, in un gioco di luci e ombre, scene di vita legate al cambiamento dei rapporti personali, spesso dettati da fattori esterni: una riflessione sulle situazioni umane che si attraversano nelle diverse stagioni della vita e che condizionano il nostro modo di interfacciarci con gli altri. Il video è stato girato da Marco Massarelli, giovane regista emergente, già fondatore della Fisheye Prod., che nel corso degli anni ha collaborato con altre case di produzione come la Naffin e la Vaipiano realizzando numerosi video musicali per Après la Classe, Verardi/Ancona, Sir Frankie Crisp, Figaro de Montmartre, Leitmotiv. Il brano, registrato da Angelo Buccolieri presso il Sudestudio di Stefano Manca, segna un passo importante per la band salentina che continua la propria filosofia di disegnare con la propria produzione musicale un breve percorso, una sorta di diario di viaggio.

by -
0 1394

davide, luigi e giuseppe primiceri - casarano

CASARANO. Si è riaperta nei migliori dei modi la stagione agonistica del giovane Davide Primiceri. Nei giorni scorsi l’atleta casaranese è stato impegnato nel “Triplo Stars” a Lecce dove, nel salto triplo, si è classificato secondo con 12,96 metri, superando il padre-allenatore Luigi (atleta master del “Running club Lecce”) che con un salto di 11,70 metri ha conquistato il gradino più basso del podio. Dopo il buon risultato, Davide ha anche gareggiato nel lungo, a Bari, dove ha ottenuto il primo posto con un ottimo 6.72 metri.

Due test di valutazione per Primiceri, in vista di appuntamenti ben più importanti come la finale Oro dei campionati di società assoluti, in programma il 28 e 29 di settembre a Rieti, e la finale di Serie A dei campionati di società under 23 che si terrà a Modena il 12 e 13 ottobre. Obiettivo dichiarato quello di migliorare i propri record fermi a 6,84 metri  nel lungo e a 14.36  nel triplo.

by -
0 837

alenox5 (2)

TAVIANO. Terza vittoria per il pilota sedicenne Alessandro Nocco: dopo Imola e Silverstone, questa volta il traguardo è stato tagliato in Francia, a Magny Cours. Il campione del motociclismo, che corre per il team San Carlo, ha conquistato la prima posizione nel campionato europeo Superstock 600.

I punti guadagnati riaprono la lotta per il titolo europeo che si deciderà tra due settimane nel gran premio di Jerez de la Frontera, in Spagna. Attualmente, il pilota che porta sul casco il logo “Salento d’Amare”, occupa il terzo posto nella classifica finale, a quota 120 punti: lo precedono Morbidelli con 134 punti e Gamarino con 124. Sono buone, insomma, le speranze di farcela a salire sul podio, sul gradino più alto s’intende.

ALEZIO. Una giornata nella cantina Rosa del Golfo di Alezio: l’hanno trascorsa, e l’hanno “ripresa”, il noto blogger e ristoratore americano Frank Prisinzano e la sua troupe. Il documentario, realizzato nell’azienda vinicola di Damiano Calò, verrà trasmesso negli Stati Uniti col titolo “Puglia life style”.

Gli americani hanno visitato i vigneti dell’azienda aletina, poi in cantina hanno scoperto i segreti di vinificazione del Rosa del Golfo e del Bolina. In ultimo, il titolare Calò ha accompagnato Prisinzano e i suoi a Gallipoli, precisamente al mercato del pesce, dove gli statunitensi hanno intonato “New York, New York” insieme ai pescatori del posto. La giornata si è conclusa con una cena tipica presso il ristorante “Lu Ntingulettu” ad Alezio.

“È davvero un grande onore – ha affermato Damiano Calò – essere stati scelti per un’occasione così importante. Rosa del Golfo è presente da tanti anni in America, e partecipare a questo documentario è per noi un riconoscimento del lavoro svolto dalla nostra azienda”.

Ecco alcune foto delle riprese!

by -
0 2343

carla longo alezioALEZIO. «Se scavo nella memoria per cercare il momento in cui ho deciso di intraprendere questa strada, mi torna in mente il 23 maggio 1992 quando interruppero le trasmissioni televisive per dare l’annuncio dell’attentato a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e la scorta. In quel momento dissi a mia mamma “voglio fare il Magistrato”… avevo solo 8 anni, non sapevo nulla della vita e di cosa ci fosse dietro a quell’evento che ha segnato la storia d’Italia… ma quello è il momento in cui è iniziato tutto!»: mentre si gode alcuni giorni di riposo dopo i duri impegni ormai alle spalle e coronati da un bel successo, Carla Longo racconta a “Piazzasalento” quando e perchè iniziò un cammino che la porterà a frequentare le aule di Giustizia, nelle vesti di magistrato.

«Tutte le mie scelte sono sempre state orientate a questo:  la scelta al liceo del corso in cui si insegnava diritto, la facoltà di Giurisprudenza, la Scuola di specializzazione per conseguire il titolo per poter accedere al concorso in Magistratura e il sogno che man mano diventava una possibilità»: sorretta da una incrollabile forza di volontà la dottoressa Longo ha dovuto però fare delle rinunce e sottoporsi a ritmi di lavoro assai impegnativi: «Tante levatacce  alle 4 di mattina; tanti sacrifici miei e dei miei cari, materiali e morali; un percorso con tanti ostacoli e la lotta contro chi non capiva il perché di tanto sforzo in un Paese dove spesso il merito non è riconosciuto… Poi, dopo tanta attesa, il 23 maggio 2012, esattamente nel ventesimo anniversario della Strage di Capaci, ero a Roma al quartiere fieristico, penna in mano a sostenere la prima prova degli scritti. Essere lì a fare il minuto di silenzio in memoria di Giovanni Falcone, insieme ad una generazione di aspiranti magistrati cresciuti nel mito di questo Grande Uomo è stata un emozione indescrivibile». Nel frattempo Carla Longo ha completato il percorso per l’abilitazione ad avvocato.

La svolta l’8 marzo scorso, quando sono stati ufficilializzati i risultati degli scritti del concorso: «Con mio marito Daniele, ho aperto la schermata del sito del Ministero della Giustizia: quel clic ha aperto la mia porta per il futuro! Il 18 settembre (San Giuseppe da Copertino, protettore degli studenti e degli esaminandi) ho sostenuto l’orale a Roma e finalmente il sogno è diventato realtà. Non ringrazierò mai abbastanza tutti coloro che mi sono stati vicini in questi anni e che hanno sempre creduto in me: mio marito, i miei genitori, le mie sorelle e un intero paese, che ho scoperto fiero ed orgoglioso di questo traguardo». Appena definite le procedure concorsuali, si aprirà la fase del tirocinio e dei corsi alla Scuola superiore della Magistratura a Firenze. Auguri.

 

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...