Home Tags Posts tagged with "documento"

documento

Nardò – “In vista delle prossime elezioni politiche, preso atto del livello assolutamente insoddisfacente della discussione che vede protagonista il mondo politico pugliese e nazionale e tenuto conto che, allo stato attuale, vengono completamente escluse dall’agenda politica le emergenze reali dei cittadini, gli amministratori dei Comuni salentini lanciano un documento, con l’obiettivo di riportare le esigenze del territorio al centro dell’agenda politica”. si annuncia così il “Documento politico per le Elezioni 2018- ima occasione per il territorio”.  I primi firmatari sono Alessandro Delli Noci, vicesindaco di Lecce; Giuseppe Mellone, Sindaco di Nardò, di “Andare Oltre”; Marcello Amante, Sindaco di Galatina; Andrea Pulli, vicesindaco di Squinzano; Antonio Tondo, consigliere provinciale, neretino e di “Andare Oltre”. “In Italia emerge la necessità di riconsegnare centralità ai cittadini – apre il documento – che attraverso una crescente disaffezione al voto e una palpabile sfiducia verso il parlamento, manifestano insofferenza per una democrazia non pienamente rappresentativa. C’è l’urgenza di riconoscersi in nuove proposte, in politici differenti dal passato, preparati e radicati sul territorio”. I successivi capitoli riguardano “La situazione del territorio” (“Il Salento manifesta profondi bisogni di cambiamento, dettati da spinte economiche, sociali, demografiche e culturali che investono l’intera Puglia. Questi bisogni stridono con lo scollamento tra lo stato centrale e le esigenze delle comunità locali, stremate dai problemi concreti e dalle necessità immediate” è l’incipit): il “Cosa fare”, che parte dalla nuova legge elettorale per “utilizzarla al meglio” soprattutto nella parte dei collegi, rivendicando ruoli primari per gli amministratori e le comunità: “In questa situazione ciò che fa la differenza – sostengono i cinque proponenti – sono le radici, la militanza civica e sociale, il valore delle singole donne e dei singoli uomini che dovranno essere rappresentativi di movimenti civici, associazioni culturali, sociali e ambientaliste per poter fare la differenza, con la forza della propria storia politica e personale”. Le “conclusioni” chiudono così: “Non possiamo consegnare il futuro del Salento agli yes-men dei partiti o ai candidati selezionati con i click su una piattaforma. Ora o mai più i partiti ed i movimenti devono fare una scelta utile per i cittadini o cedere il passo all’antipolitica”.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...