Home Tags Posts tagged with "discarica di amianto “Rei”"

discarica di amianto “Rei”

by -
0 694
annamaria-campa-e-cristian-casili---incontro-rifiuti-2016-galatone

Al centro l’assessore Annamaria Campa e il consigliere regionale Casili

GALATONE. Bene i controlli che il Comune, con fondi propri e la collaborazione dell’Università del Salento, sta portando avanti periodicamente (i prossimi in maggio) circa la discarica di amianto “Rei” e i pozzi circostanti; bene anche la proposta del consigliere regionale Cristian Casili (M5S, il gruppo promotore dell’incontro) di riunire le istituzioni interessate – Comuni di Galatone e Nardò, Provincia di Lecce – per andare in Regione e cercare di ottenere impegni concreti sulla bonifica della ex discarica di Castellino, introno a cui si profila comunque un contenziosi giudiziario tra società e Comuni. Male, invece, tutto il retroterra di due questioni ritenute impattanti con gli equilibri ambientali e con la salute umana: impegni presi e poi “non rispettati”, elaborati tecnici che forse sarebbe stato meglio verificare meglio prima di procedere.

L’ultimo incontro al palazzo Marchesale su “Castellino e Rei, le due piaghe del territorio”, il secondo in un anno, ha ripresentato le problematiche e le posizioni già note, con alcuni punti di convergenza da cui a questo punto potrebbe essere utile ripartire. Vi hanno partecipato l’organizzatore Sebastiano Moretto, Casili, l’assessore comunale all’Ambiente Anna Maria Campa, il consigliere di minoranza ed ex sindaco Franco Miceli, il portavoce del Comitato per l’ambiente Giuseppe Resta.

Con soddisfazione è stato salutato il parere negativo della conferenza dei servizi di Nardò circa l’ampliamento (da 5 a 13 ettari) di una cava in località “Pantalei”, sempre lungo l’asse che unisce i due centri (come riportato da Piazzasalento sul numero precedente). Il Comune ha rassicurato che l’attenzione non calerà sia con l’assessore che col Sindaco Livio Nisi presente in sala. Ma c’è stato chi ha lamentato procedure lacunose e risposte equivoche delle Istituzioni locali, in particolare della Provincia: riguardo alla “Rei”, c’era l’impegno di farne un impianto ad uso e consumo di un bacino massimo provinciale, per poi scoprire che questo limite, su cui tutti erano d’accordo, non è costituzionalmente sostenibile. L’architetto Resta ha parlato di neoplasie in aumento e di distanze “ufficiali” non veritiere tra l’impianto per laminato e le costruzioni vicine. Il consigliere Miceli ha chiesto carotaggi del terreno e la pubblicità dei dati delle rilevazioni.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...