Home Tags Posts tagged with "comitato festa"

comitato festa

“Vata Barba” e Luigi Mba Pi Tricarico

Gallipoli – Questa sera alle ore 20,30 in piazza Tellini, la “signora Vata” (interpretata da Alberto Greco) e la “TTina” ( Luana Greco, sua sorella) parleranno alla loro maniera dei preparativi per i festeggiamenti in onore di Santa Cristina, che si terranno nelle giornate del 23, 24 e 25 luglio a Gallipoli. “Sotto forma di pubblico comizio – anticipa Alberto Greco – l’evento è in realtà un modo per divertire la città e per sensibilizzare tutti a questa festa. Noi comunicheremo le nostre intenzioni giocando. Interverrà anche il presidente del comitato Festa di Santa Cristina, Benito Carrozza, e cercheremo di contattare telefonicamente il Sindaco Stefano Minerva. Questa mattina sta intanto girando un’ape che annuncerà “il comizio”, in perfetto stile elettorale”.

Gli altri eventi per sostenere la festa della compatrona, molto sentita in città, si terranno con tre spettacoli organizzati dal comitato Festa e dall’associazione “Li vagnuni te Sciaroccu” con la regia di Luigi Mba Pì Tricarico nelle serate del 16, 17 e 18 giugno alle ore 21 presso il Chiostro di San Domenico: “Pompe funebri”, “Le mutuate” e “Lu scarparu”, con presentatori d’eccezioni “Vata Barba” e Roberto Marius Treglia. Il ricavato degli spettacoli sarà interamente destinato ai festeggiamenti per Santa Cristina (prezzo unico 5 euro, info 389/1007576).

Sembrano così essersi completamente dissolte le nubi di preoccupazione espresse da Benito Carrozza su Piazzasalento circa il mantenimento dell’antica tradizione popolare; dal comitato erano state mosse critiche circa presunti ritardi da parte dell’Amministrazione comunale in riferimento all’atto formale degli aiuti economici (circa 30mila euro) ed altri adempimenti tecnico-burocratici. Un incontro in Comune col primo cittadino è bastato a dissolvere dubbi e dare certezze agli organizzatori. Ora gli impegnativi preparativi della festa possono avere inizio.

PARABITA – Novità alla guida del Comitato festa patronale di Parabita. La sera di mercoledì 29 novembre c’è stato il passaggio di consegne, presso la parrocchia matrice, alla presenza del parroco don Santino Bove Balestra. Dopo aver ricoperto per sei anni consecutivi il ruolo di presidente delegato, l’uscente Adriano Marzano, cede il posto a Guido Russo, persona stimata e conosciuta nel paese. «Mi appresto ad intraprendere questa nuova avventura sotto lo sguardo della nostra Madonna della Coltura. È doveroso intanto formulare un  sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno voluto  affidarmi questo prestigioso incarico», ha affermato il nuovo responsabile. Dare spazio alle “quote rosa” e coinvolgere le diverse fasce di età, come ad esempio i giovani, sono i primi passi che bisognerebbe muovere secondo Russo, per costituire la  macchina organizzativa della festa. Ora si sta lavorando per definire la composizione della nuova squadra che dovrebbe presumibilmente  ritrovarsi subito dopo la festa dell’Immacolata. Quanto prima, verrà anche lanciata  una prima programmazione dei festeggiamenti civili che molto probabilmente anche quest’anno si terranno per la quarta domenica di maggio. Marzano ha rivolto gli auguri di buon lavoro a Russo salutando e ringraziando tutte le persone che nel corso di questi sei anni si sono spese per la realizzazione della festa. «Desidero rivolgere anch’io i miei auguri al nuovo presidente delegato, nonché all’amico Guido, persona che già tutti quanti conosciamo per il suo impegno attivo nel sociale»,  ha affermato don Santino.

Pasquale De 2GALATONE. La patronale cambia piazza e s’arricchisce. Il 20 gennaio a sera sarà, infatti, Fiordaliso ad allietare la festa in onore del patrono San Sebastiano che da quest’anno lascia la città vecchia per essere vissuti nella piazza intitolata al Martire. Il centro storico sarà vivacizzato da un percorso di arti e gusti a cura di artigiani ed esercenti. «Sarà un grande appuntamento con i vincitori delle edizioni di “Stasera canti tu” e la voce di Fiordaliso che, intorno alle 21, annuncerà poi l’ormai tradizionale “sparu ti la freccia” quest’anno progettato alla grande da Giuseppe Manisco», svela Pasquale De Monte (foto), presidente del comitato festa.   La freccia  sarà fatta “scoccare” verso piazza San Sebastiano da ben 600 metri di distanza, ovvero dalla chiesa dei Cappuccini. Lunedì 19, alle ore 17, la Messa solenne cui seguirà la processione.

by -
0 1348

Il comitato festa

Alezio. Nuovo presidente e altre novità per il “Comitato di san Rocco” in vista dell’imminente festa nella terza domenica di ottobre. Dopo la presidenza di Gina Guarino durata ben 31 anni, dal 1980 al 2011, il comitato è stato affidato ad Antonio Minerva. « Il cambio di guardia non mi dispiace. In tutti questi anni mi sono dedicata al nostro compatrono San Rocco con amore e fede. Quanto è stato fatto durante gli anni della mia presidenza – afferma l’ex presidente Guarino – è dovuto senz’altro anche all’impegno e alla dedizione di tutti i membri del comitato che hanno sempre dimostrato interesse e partecipazione».

L’impegno e i sacrifici di tanti anni sono però valsi a Gina Guarino l’incarico di presidente onorario. «La presidenza onoraria mi gratifica tantissimo e mi sento in dover di ringraziare tutti gli aletini, tutti i parroci che mi hanno sostenuta in questi anni e tutti i commercianti che hanno contribuito alla buona riuscita della festa», conclude la Guarino che augura un “in bocca al lupo” al suo successore e a tutti i componenti del comitato».

Nel frattempo il neopresidente Minerva sta lavorando per l’organizzazione della “Festa di San Rocco” che si terrà il prossimo 21 ottobre.

Il giorno della vigilia sarà inaugurato con un “botto” mattutino e il concerto della “Banda di Taviano”. Nella festa si esibirà, invece, la “Banda di Conversano”, diretta dal maestro Angelo Schirinzi, che con la partecipazione dei cantanti Luisella De Pietro, Leonardo Gramegna e Gianfranco Cappelluti darà il via al “Galà della Lirica”. La tradizionale “villa” in alcune strade del centro storico sarà a cura della ditta “Arte e Luce” di Scorrano. Sempre domenica 21, come suggello dei festeggiamenti in onore del compatrono San Rocco, al rientro della processione, in piazza Vittorio Emanuele si terrà uno spettacolo pirotecnico a cura della ditta “Pirotecnica Napoletana” di Angelo Dario. «Anche se stiamo lavorando da poche settimane, l’organizzazione della festa è già a buon punto – dichiara il presidente Minerva –  e sono molto contento di aver ricevuto l’incarico di presidente. Ringrazio il nuovo parroco Don Antonio e tutto il comitato per tutto l’aiuto datomi».

Nicolas Pisanello

by -
0 918

IL COMITATO La foto di gruppo del presidente Giuseppe De Santis con i componenti del comitato. Dopo due anni rassegnano le dimissioni.

Tuglie. Con una lettera al sindaco ed al parroco, il presidente del Comitato festa patronale 2010-2011, Giuseppe De Santis, assieme ai componenti ha rassegnato le dimissioni da organizzatore della festa patronale in onore della Madonna Annunziata e della festa in onore della Madonna del Grappa, su Montegrappa.

In due anni, il Comitato festa presieduto da De Santis è riuscito a coinvolgere tutto il paese, organizzando quattro feste senza precedenti. Apice del successo, la festa patronale di marzo, dove Tuglie è stata presa d’assolto da turisti e devoti provenienti dal Sud Italia (dodici pullman provenienti da Basilicata, Campania, Puglia).

«Abbiamo lasciato il nostro incarico né per un rendiconto politico, tantomeno per problemi economici – afferma De Santis – abbiamo chiuso il bilancio di quattro feste in modo positivo. In soli due anni abbiamo creato delle solide basi per rilanciare definitivamente la festa patronale.

Gli obiettivi raggiunti: raggiunto un successo che ha stupito letteralmente tutti; reperito i fondi necessari ad una festa che ha triplicato il suo valore economico sia con la “cascetta” che con i calendari; programma ricco con luminarie di De Cagna; cinque concerti bandistici; sbandieratori; gara pirotecnica di livelli internazionali; serata di cabaret. Ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato, perché, insieme a noi, hanno creduto nella rinascita della festa patronale. Nello scorso marzo, Tuglie ha accolto migliaia di persone che hanno creato economia all’interno del paese».

«Auguriamo un grande “in bocca al lupo” al nuovo comitato – conclude – e che, sicuramente, partendo dai nostri successi, costruirà qualcosa ancora di più grande per la nostra amata Tuglie». E l’apprezzamento per questo comitato si dimostra sui vari social network , mentre tra i cittadini tugliesi è “svanito” il sogno di un’altra festa memorabile, rammaricati delle dimissioni da questo comitato che secondo il loro pensiero resterà “unico”.

                                                GP

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...