Home Tags Posts tagged with "Cavalcaferrovia sulla Nardò-Galatone"

Cavalcaferrovia sulla Nardò-Galatone

Galatone – Nardò – Riaperta finalmente al traffico, da questa mattina, la Galatone-Nardò. La strada provinciale 359 era interdetta dal gennaio scorso, a causa dell’inizio dei lavori per la costruzione del “cavalca-ferrovia“ nei pressi della stazione di Nardò Centrale: l’opera, attesa da vent’anni, punta a migliorare i collegamenti fra i due centri evitando gravi e ripetuti disagi davanti alle sbarre del passaggio a livello che fino ad oggi ha attraversato l’arteria. Oltre alla 359, l’avvio del cantiere aveva reso impraticabile anche lo svincolo per la Statale 101, con gli automobilisti dirottati verso (poco sicuri) tragitti alternativi.

Pochi giorni fa, dopo i solleciti al Presidente della Provincia da parte delle due Amministrazioni comunali interessate, la prospettiva della riapertura “parziale”, con un semaforo di cantiere a gestire il flusso nelle due direzioni. Piani evidentemente alterati dall’incedere dell’estate, che hanno fatto sì che il collegamento tra le due città fosse di nuovo fruibile sì con qualche giorno di ritardo rispetto ai primi annunci, ma con entrambi i sensi di marcia agibili contemporaneamente su tutto il tratto.

Oggi la strada dunque riapre (con il ponte non ancora realizzato), e anche lo svincolo per la Statale, come annunciato dal sindaco di Galatone Flavio Filoni: «La novità è che per evitare ulteriori disagi l’arteria sarà riaperta a doppio senso, senza semaforo di cantiere, e non a flusso alternato come annunciato qualche settimana fa. Sono stati posticipati alcuni interventi nei pressi del ponte, mentre si continuerà a lavorare per completare la rotatoria all’uscita di Nardò, intervenendo fuori dalla sede stradale. Dopo il periodo estivo sarà comunque necessario chiudere la strada per brevi periodi e comunque durante le ore di cantiere, mentre lo svincolo della 101 rimarrà sempre aperto».

Alla sua soddisfazione fa eco quella del sindaco di Nardò Pippi Mellone: «I lavori sono ancora in corso ma la Provincia, col presidente Antonio Gabellone, ha accolto le nostre sollecitazioni ed ha aperto la strada al traffico. Un’opera che lega due comunità come quelle di Nardò e Galatone, unite da rapporti commerciali, sociali e di lavoro».

 

Nardò – Il sindaco di Nardò Pippi Mellone scrive al presidente della Provincia per chiedere un’accelerata sui tempi di realizzazione del cavalcaferrovia e per la sistemazione dela ex strada statale 174 tra nardò e Galatone. Per i lavori sulla Nardò – Galatone, inaugurati nel febbraio 2017, l’Anas ha emesso un’ordinanza di chiusura dell’arteria sino a settembre 2018 ma il problema non è solo quello di far rispettare tale scadenza, ma anche di garantire validi e sicuri percorsi alternativi. Le varie problematiche sono da tempo segnalate dagli automobilisti, costretti a delle vere e proprie gimkane, e di recente pure da “Assoimprese Galatone-Nardò”, l’associazione che riunisce le aziende presenti nell’agglomerato industriale tra i due centri. «In questi mesi –  scrive Mellone a Gabellone – stiamo registrando una serie di problematiche a causa del fatto che le soluzioni alternative per raggiungere Galatone, strada provinciale tra Santa Maria al Bagno e Galatone, direttrice della zona industriale o strade secondarie, non risultano essere particolarmente agevoli e sicure. Oltre al fatto di non poter usufruire delle uscite verso la strada 101 in direzione Lecce e in direzione Gallipoli. I disagi ovviamente riguardano non solo le necessità di mobilità di chi da Nardò deve raggiungere Galatone e viceversa, ma anche le esigenze di diverse attività commerciali nei due centri e in particolare di quelle poste nelle vicinanze dei rispettivi ingressi. È evidente che un periodo di difficoltà dovuto al cantiere era ampiamente prevedibile, ma devo prendere atto che in effetti la situazione è significativamente più grave di quella che temevamo, come molti opportunamente ci segnalano». Da ciò la richiesta di verificare, “nel pieno rispetto delle esigenze tecniche dell’intervento e della relativa tempistica”, con il soggetto esecutore e la direzione tecnica la possibilità che lo stesso sia concluso prima dei tempi previsti e in subordine che entro la conclusione sia possibile aprire al traffico l’arteria almeno in modo parziale, “ciò a beneficio soprattutto delle comunità di Nardò e Galatone e in particolare di chi vanta ragioni di tipo lavorativo, commerciale ed economico messe a dura prova dalla chiusura dell’arteria”.

passaggio a livello linea galatone- nardNardò. Cavalcaferrovia sulla Nardò-Galatone: entro marzo il via al cantiere per la realizzazione dell’importante “ponte” che consentirà di eliminare il passaggio a livello esistente sulla strada provinciale. Lo ha confermato nei giorni scorsi il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, rispondendo all’interrogazione del consigliere provinciale di “Salento Bene Comune”, Giovanni Siciliano di Nardò. Secondo Gabellone, “presumibilmente entro il mese di marzo di quest’anno” si concluderà il lungo iter procedurale – in corso dal 2008 e più volte dichiarato illegittimo dal Tar, dietro ricorso di alcuni proprietari di terreni interessati dall’opera – messo in atto dalla Provincia di Lecce per i lavori di adeguamento e ammodernamento della Provinciale 359 Nardò-Galatone, che comprendono, appunto, la realizzazione del sovrappasso in corrispondenza della stazione delle Fse Nardò Centrale.

Nel luglio 2012, la Giunta provinciale aveva approvato il progetto definitivo, per un importo complessivo di 5 milioni e 250mila euro; poi ricorsi vari avevano bloccato tutto. La Provincia è ora nelle condizioni di firmare il contratto di appalto con l’Ati “Magno Antonio e Ayroldi Angelo”. Il passaggio a livello ha spesso bloccato anche le ambulanze, come accaduto pure nei giorni scorsi, interrompendo di fatto e con gravissini rischi per gli utenti interessati, un servizio di estrema urgenza

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...