Home Tags Posts tagged with "caporali"

caporali

COZZA E BONSEGNA AL PROCESSO SABR 2Nardò. Schiavitù. Questo subirono i lavoratori migranti nelle campagne di Nardò. Così parlò la sentenza di primo grado, storica per l’Italia e per l’Europa, del processo “Sabr”, emessa ieri pomeriggio nell’aula bunker del tribunale di Lecce e letta dal presidente della Corte d’assise Roberto Tanisi. Per riduzione in schiavitù e associazione a delinquere sono stati così condannati a 11 anni Pantaleo Latino (62enne, di Nardò), Livio Mandolfo (51enne, di Nardò) e Giovanni Petrelli (54enne di Carmiano). Tre anni invece a un altro neretino, Marcello Corvo, al quale è stato riconosciuto il reato di associazione a delinquere ma non di riduzione in schiavitù. Tre gli assolti per non aver commesso il fatto: Corrado Manfredi, Salvatore Pano e Giuseppe Mariano. Il pm Elsa Valeria Mignone aveva invocato 14 anni per Latino e 9 per gli altri. Condanne anche per i caporali africani: il 46enne tunisino Saber Ben Mahmoud Jelassi detto “Sabr” (“ispiratore” del nome dell’inchiesta), il 47enne Ben Abderrahma Jaouali Sahbi e il 33enne Bilel Ben Aiaya, anch’essi tunisini;  i sudanesi Saed Abdellah (30enne), Meki Adem (56enne), Nizqr Tanjar (39enne) Tahar Ben Rhouma Mehadaoui detto “Gullit” e l’algerino Mohamed Yazid Ghachir.

Il processo prese il via il 31 gennaio 2013 a seguito della rivolta dei braccianti stranieri contro i caporali avvenuta nel 2011 a Boncuri, zona del Neretino. A guidare scioperi e rivolta fu un giovane studente di ingegneria di origini camerunensi, Yvan Sagnet, oggi testimone chiave del processo. Così Sagnet ha reagito alla sentenza: «È la prima condanna per schiavitù in Europa. È una vittoria per i lavoratori e per l’Italia tutta intera, una vittoria alla Davide contro Golia. Giustizia è stata fatta!». Previsti risarcimenti, oltre che per sei braccianti tra i quali lo stesso Sagnet, anche per Cgil nazionale, Flai Cgil di Lecce, Regione Puglia e associazione “Finis Terrae”, che si erano costituiti parte civile. Nessun riconoscimento invece al Comune di Nardò, che nel 2013 scelse tra le polemiche di non costituirsi parte civile nel processo.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...