Home Tags Posts tagged with "capo di leuca"

capo di leuca

CAPO DI LEUCA – Da Barbarano del Capo a Patù, da Alessano a Poggiardo, anche in autunno il Capo di Leuca si anima di iniziative pensate per valorizzare arte, paesaggi, enogastronomia e tradizioni: sabato 11 e domenica 12 novembre tanti gli appuntamenti cui partecipare gratuitamente (fra escursioni, degustazioni e musica), nell’ambito del progetto regionale “InPuglia365 autunno”, lanciato dall’agenzia Puglia Promozione per migliorare l’attrattività turistica anche in bassa stagione.

Con “Hospitalia – la via dei pellegrini”, l’associazione Archés propone escursioni che partono dal complesso monumentale di Santa Maria del Belvedere (o “Leuca piccola”) a Barbarano del Capo ed esplorano il territorio circostante (Giuliano, Arigliano, San Dana, Macurano e Ruggiano), scoprendo chiese, cripte e vore: sabato 11 il ritrovo è alle ore 15 per una passeggiata a piedi che durerà fino alle 18; mentre domenica 12 (ore 9:30-16) percorso misto in bici e a piedi, con rinfresco e visita all’azienda biologica a km 0 “Leuca piccola”. Prenotazione obbligatoria entro le 14 di sabato al 327/8410214.

Dal complesso monumentale di Leuca piccola partono anche le “esperienze d’autunno” organizzate per la mattinata di sabato 11 da Terra Archeorete del Mediterraneo: ritrovo alle 9:15, con visita alle aziende agricole locali e pranzo-show cooking. Dalle 16, invece, ci si sposta alla chiesa di Sant’Antonio ad Alessano per un laboratorio gastronomico esperienziale. A seguire, degustazione presso Palazzo Romano, a Patù, che sarà aperto con possibilità di visitare la mostra archeologica qui allestita. Ancora, domenica 12 alle 9:15 si parte alla scoperta di Vereto, con ritrovo al santuario di Santa Marina, a Ruggiano. Info e prenotazioni al 347/2535235 e 338/7441468.

Storie, canti e piatti popolari sono gli ingredienti delle iniziative di Liquilab per il week end: sabato 11, alle ore 10:30, ritrovo al Parco Guerrieri di Poggiardo per una camminata meditativa, fra yoga e alimentazione, con l’esperta Daniela Scozzaro. Domenica 12, invece, tappa a Giuliano di Lecce (ritrovo al laboratorio urbano giovanile, presso l’ex scuola materna), che a partire dalle 16 ospita un itinerario alla scoperta della cultura popolare, fra giochi di una volta, assaggi di pittule, la proiezione del documentario “Taglia corto” e i canti di Anna Cinzia Villani. Prenotazione obbligatoria al 348/3467609.

by -
0 424

frantoio-macinaIN EVIDENZA. Per molti la madre di tutte le priorità si chiama “cancellazione del divieto di reimpianto di ulivi”. Non più sostenibile, dicono, alla luce delle prime risultanze delle sperimentazioni scientifiche in atto, anche se non ancora definitive. Se le cultivar Leccino e Favolosa dimostrano buone capacità di resistenza all’attacco del batterio da quarantena, si cominci da queste a ricreare la foresta di ulivi che una volta imperlava il Salento, a partire dalla fascia jonica, la più duramente colpita. Se si cominciasse oggi, si potrebbe avere una prima produzione soddisfacente dopo 3-5 anni. «Innegabile che gli olivicoltori abbiano fretta ormai – dice Giovanni Melcarne, agronomo e presidente del consorzio dell’olio Dop del Capo di Leuca – reimpianti, innesti e poi un piano di salvataggio degli alberi monumentali. C’è chi sta impiantando leccini tra i secolari ma così si fa di nuovo un grave errore: si creano uliveti di difficile e costosa gestione, con costi fuori mercato e con le premesse dell’abbandono della coltivazione perché anti economica. Reimpianti fatti bene tecnicamente possono rimettere in moto l’economia di questo comparto. Tenendo presente che non tutti i terreni possono ospitare proficuamente queste varietà».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Melissa CaloIN EVIDENZA. Più stranieri e soggiorni diluiti nei mesi a cavallo dell’estate: è la fotografia del turismo nel Capo di Leuca come emerge dalle testimonianze degli addetti ai lavori. Per Marco Cavalera e Melissa Calò (foto), che con l’associazione “Archès” promuovono percorsi di conoscenza del territorio e gestiscono l’ufficio di accoglienza turistica di Palazzo Ramirez a Salve, «Rispetto al turismo giovanile di Gallipoli e a quello elitario di Otranto, nel Capo di Leuca sono gli stranieri a rappresentare la peculiarità. In controtendenza con l’insostenibile pressione antropica registrata ad agosto, i loro soggiorni sono diluiti prima e dopo l’estate. Per gli stranieri il Capo di Leuca incarna il concetto di ‘autenticità’, rappresenta l’idea di limite, il finibus terrae: un territorio vergine, quasi esotico, affascinante per le bellezze marine e costiere, per le campagne e i paesaggi di pietra».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

viaggio fotografico del Capo di Leuca scaruttatuSALVE. Per gli appassionati del Salento sotterraneo l’associazione Arches, in collaborazione con il Gruppo Speleologico di Tricase, per sabato pomeriggio 11 febbraio, presso Palazzo Ramirez, propone un appuntamento da non perdere: un viaggio fotografico del Capo di Leuca “scaruttatu”, scavato e corroso dall’acqua, ma anche dalla mano dell’uomo, attraverso millenni di storia. Scenari e colori incantevoli che risultano irripetibili all’aperto e che sono rimasti custoditi fino a che l’obiettivo delle fotocamere non li ha svelati.L’iniziativa di sabato, voluta con determinazione dal gruppo di Arches guidato da Marco Cavalera, fa seguito a due altri appuntamenti: una visita guidata in alcune grotte situate in un canalone tra Acquarica, Specchia e Presicce, tra graffiti e incisioni fino al XII secolo, e una escursione nel territorio di Salve ( Dolmen Argentina-Graziadei in località “La Cabina” a Pescoluse, area della necropoli a tumuli, visita della Grotta dei Montani, cavità frequentata dall’Uomo di Neanderthal). In occasione dell’incontro di sabato 11 febbraio, il presidente di Arches illustrerà le iniziative in cantiere per il 2017.

CASARANO. Nuovo successo per la 21enne Federica Casarano che a fine agosto si è aggiudicata la fascia di “Miss Capo di Leuca” nell’ambito della 29ª edizione del “Festival della canzone”. La  ragazza, che ha nel cognome il paese d’origine, è studentessa in giurisprudenza a Lecce dopo il diploma al liceo Classico di Casarano. Nel 2014 si qualificò per l’ultima fase del concorso Miss Europe Continental svoltosi a Caserta, fermandosi solo in semifinale e mettendosi comunque in bella evidenza. Nel concorso di Leuca il secondo posto è andato a Valentina Micheli (di Leuca) ed il terzo a Dalila Ferraro (di Ruffano). A Gioia Coribello di Gallipoli è andata, invece, la fascia di Miss teenager”, seguita da Francesca Stajiano (di Lecce). Tra gli altri riconoscimenti, il titolo di “Miss mamma” è andato a Francesca Papa di Galatone.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

by -
0 880

IMG-20160513-WA0006IMG-20160513-WA0013Anche un elicottero del Nucleo di Bari, insieme ad 11 automezzi e 25 militari, ha preso parte alla capillare operazione di controllo avviata dai carabinieri nell’area del Capo di Leuca. Per guida in stato di ebbrezza sono stati denunciati il 44enne V.F. di Castrignano del Capo ed il 39enne G.B. di Alessano (entrambi nati in Svizzera), così come il 53enne E.P. di Salve, quest’ultimo sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e coinvolto in un incidente stradale. Per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti è stato denunciato, invece, il 26enne di Alessano D.C., già noto alle forze dell’ordine (aveva addosso 5,8 grammi di marijuana ed a casa bilancino e attrezzatura per il confezionamento e semi di canapa indiana). Il viterbese 21enne W.N. , pure lui già noto, già in vacanza nel Sud Salento, è stato segnalato per detenzione di stupefacenti, così come il 25enne di Alessano D.N.. Una banconota contraffatta è stata, invece, ritrovata in possesso del 28enne di Ruffano A.S.. Sono stati controllati, inoltre, 56 autoveicoli ed identificate 65 persone. Tra le contravvenzioni più frequenti al Codice della strada il mancato uso di cinture di sicurezze e l’uso improprio del cellulare alla guida: tre le patenti ritirate, quattro i ciclomotori sottoposti a fermo amministrativo.      

 

by -
0 707

Il palazzo vescovile e il seminario

UGENTO. Fitto di impegni il calendario della visita dal 6 al 10 ottobre della delegazione guidata dal vescovo di Ugento, mons. Vito Angiuli, in Svizzera per incontrare gli emigranti del Capo di Leuca.  Ma non si tratta di un normale intervento di pastorale per gli emigranti che conta già di una rete di rapporti che vengono curati dalle varie diocesi italiane. Questa volta c’è un elemento in più che dà all’iniziativa una nota particolare dettata dalle difficoltà che si stanno vivendo in questo periodo un po’ dappertutto. È sotto gli occhi e l’esperienza di tutti come il fenomeno migratorio sta impoverendo il territorio di tanti talenti perché a partire sono giovani con laurea e master che non trovano uno straccio di lavoro. Giustamente Chiesa e società civile si preoccupano e cercano in ogni modo di spianare, dove possibile la strada. Della delegazione in “missione” in Svizzera fanno parte: i sindaci di Taurisano (Lucio Di Seclì) di Castrignano del Capo (Anna Maria Rosafio), Acquarica del Capo (Francesco Ferraro) il vicesindaco di Presicce (Antonio Raone) il funzionario del comune di Tiggiano (Antonio Schirinzi),  i parroci don Giuseppe Indino di S. Maria di Leuca, don Stefano Ancora della parrocchia S.Giovanni Bosco di Ugento e don Lucio Ciardo di Tiggiano.
La prima tappa del viaggio è stata Lugano dove la delegazione ha incontrato don Carlo De Stasio, coordinatore nazionale delle Missioni cattoliche in lingua italiana (Mcli). Tappe successive: a Einsiedeln, Lucerna con un incontro pastorale con i rappresentanti delle comunità salentine e con un video di leccesi che si sono ben inseriti nell’economia svizzera; Sciaffusa,San Gallo e il principato del Liechtenstein e infine ritorno a Zurigo. In ogni tappa incontro con le comunità salentine locali.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...