Home Tags Posts tagged with "bonifica"

bonifica

Gallipoli – E’ stata una domenica con i fiocchi peri l Gallipoli Football 1909: nella gara contro il Galatina nel campionato di Eccellenza, la capolista non solo ha vinto ma non ha avuto alcun problema a confezionare un “cappotto” per i calciatori ospiti, finendo per 9 a zero la partita. Grande entusiasmo per la goleada e per la riconferma della vetta in solitario. Peccato però che durante i rituali controlli prima dell’inizio del confronto calcistico i poliziotti abbiano rinvenuto nello stadio “Antonio Bianco” materiale pirotecnico di genere tassativamente proibito. La preventiva bonifica, per motivi ovviamente di sicurezza per gli spettatori, si è conclusa con il sequestro di 32 fontane pirotecniche, dieci fumogeni tipo torcia a mano, undici a barattolo, due striscioni che istigavano alla violenza accuratamente nascosti in un luogo poco accessibile. Si cerca ora di individuare i responsabili che certamente non vogliono poi tanto bene alla squadra: non è difficile immaginare conseguenze poco gradevoli nell’ambito della giustizia sportiva.

presentazione libro ambiente

Al tavolo dei relatori: da sinistra l’agronomo Antonio Bruno, Anna Chiumeo, direttrice Anbi Puglia e Maurizio Manna, direttore regionale Legambiente

GALLIPOLI. Bonifica dei territori impaludati, riforme, cambiamenti territoriali, disboscamenti, la modifica delle coste e delle campagne. Passato, presente e futuro del Salento per una sera si sono intrecciati nell’incontro tenutosi martedì 18 agosto presso Torre San Giovanni La Pedata. Durante l’incontro, presieduto da Maurizio Manna, direttore regionale di Legambiente, è stato presentato il libro “Bonifica e riforme, una testimonianza vissuta” di Leonardo Branco, con i contributi di Tommaso Farenga e Antonio Bruno. Ospiti e protagonisti della serata, lo stesso Antonio Bruno, dottore in agraria, presidente dell’Adaf Lecce e consigliere nazionale della Fidaf, e la dottoressa Anna Chiumeo, direttore generale dell’Anbi Puglia.

Argomenti principali, i processi dei diboscamenti, i territori impaludati e bonificati, le migrazioni interne e gli abbandoni di territori, le urbanizzazioni nuove e le modificazioni delle campagne e delle coste, la diffusione delle infrastrutture, la gestione del patrimonio culturale e l’importanza dei Consorzi di bonifica (si contano almeno 119 consorzi associati all’Anbi, che gestiscono 200 mila km di canali e si estendono su quasi 18 milioni di ettari).

Una proposta di Maurizio Manna ha poi concluso l’incontro: un intervento di riassetto ambientale, fondiario, paesaggistico e naturalistico per il Salento; decine di ettari di nuove superfici forestali, pinete che dovrebbero essere convertite in bosco termofilo con bacini di fitodepurazione delle acque agrarie. «I Parchi e le riserve naturali in Puglia sono in tutto 29 per una superficie totale di 4500 ettari, ci sarebbe tutto lo spazio necessario per far tornare alla luce il Salento scomparso. La reversibilità della bonifica potrebbe essere la soluzione per impedire la desertificazione e per salvaguardare gli esseri viventi che rischiano l’estinzione».

Voce al Direttore

by -
L'ecotassa, per quelle comunità che non avessero raggiunto le soglie minime indicate nella raccolta differenziata dei rifiuti prodotti in casa, era fissata a partire...