Due anonimi del ‘700: «‘Ce luce ci sta bisciu!»

di -
0 1063

Due sonetti, anonimi, ci riportano indietro di tre secoli, all’atmosfera festosa che la notte della vigilia animava le strade, svegliando chi era già andato a letto, e al racconto della Natività. Il tema viene trattato con toni prettamente popolari: S. Giuseppe diventa familiarmente”lu Peppu”, la grazia che viene chiesta nel primo componimento è quella di diventare da ciucciu un dottore, figura, in quel tempo di sicuro riferimento.

L’ambito linguistico è quello prettamente leccese e dei centri a nord del capoluogo .

I due sonetti sono tratti da “Il Natale nelle poesie dialettali salentine 1700-1995” a cura di Cesare De Carlo e Teresa Romano, Piero Manni editore,1995.

Cazza! ‘ce diaulu aiti? Sta redati

Cazza! ‘ce diaulu aiti? Sta redati

comu tanti demoni de lu ‘nfiernu!

deciti ‘ce ‘bu pighia, malecriati?

ci a ncapu cu be batta lu pepiernu!

 

Me pariti demoni scatenati;

nunc’ède nù bergogna e mancu scuernu!

Sta durmia, ci puzzee’essera scannati…

‘C’è bruttu cu ‘te ‘disceti lu jernu!

 

La tigna mo me rattu pe’ dispiettu…

‘Ce luce ci sta ‘bisciu! Lu Signore

è ‘benutu intra a nui de pargulettu..

 

Mutame ste cerveddre, Sarvatore;

fane (tuttu te tie, Mamminu, aspettu)

cu dientu de ciucciu nu duttore.

Sunettu. Natale

«Sciamu! – lu Peppu disse – e nu’ pensare!

De’ suddeti la legge puru è quista.

Allu mundu spenture imu ‘pruare,

e cussine lu Celu osce s’acquista».

 

Se mise, lu purieddu, a camenare,

e b’era d’ogne cosa idda spruista;

la entre soa se ntise ruddulare;

de l’uecchi ni manca’ quasi la vista.

 

La Madonna allu Peppu sou decia:

«Peppu, lu lassu moi subra quist’antu…».

Peppu…nu ‘sippe cchiui ‘ce sta facia.

 

Lu menau fra la paghia; e poi nu cantu

«Gloria allu Diu de’ celi» se sentia,

e lu Peppu pe ‘priesciu sburrau a’ chiantu.

Commenta la notizia!