Scuole a Gallipoli: accoglienza e “soliti” problemi

GALLIPOLI. Inizio d’anno all’insegna dell’accoglienza (per le prime classi) e soliti problemi logistici per le scuole di Gallipoli. Proprio  a causa della mancanza di aule, e dopo aver sacrificato un paio di sale e laboratori,  al liceo Quinto Ennio la scorsa primavera sono state regolamentate le iscrizioni attraverso una delibera di Consiglio d’Istituto che limita il numero dei nuovi iscritti entro criteri stabiliti. Il nodo quest’anno però resta la palestra del plesso di corso Roma resa inagibile dal crollo del solaio dello scorso inverno. In attesa che la Provincia risolva i problema i ragazzi si adattano svolgendo le attività motorie nel cortile e in taluni casi in alcuni ambienti chiusi. Noti i problemi dell’Istituto Vespucci in attesa dello sbocco dei fondi per la ristrutturazione della storica sede di via Gramsci. Ma non solo, al momento ci si confronta con la necessità di ricavare una nuova aula poiché sia  la sede centrale che quella di via Pedone risultano al completo; la soluzione è stata individuata nel centro risorse di Via Pagliano, alle spalle del vecchio Nautico, ma occorre effettuare dei lavori.  La Provincia ha autorizzato l’Istituto che ha chiesto a sua volta il sostegno del Comune.  Mediamente soddisfatta delle iscrizioni la dirigente Paola Apollonio che afferma: «Bene la conferma delle tre classi di Nautico si è invece formata una sola classe di turistico. Spiace constatare che proprio a Gallipoli e in un territorio così votato al turismo non ci sia consapevolezza dell’importanza di questo indirizzo».

Commenta la notizia!