A scuola il perenne ricordo della piccola Angelica. Targa in auditorium a 27 anni dalla morte – LE FOTO

Parabita – Una targa commemorativa dedicata ad Angelica Pirtoli nell’auditorium della scuola media  di viale Stazione, a perenne ricordo della sua storia e quale monito per le future generazioni. Questo l’omaggio del Comune di Parabita (guidato dai tre commissari prefettizi) alla più piccola vittima della sacra corona unita nel giorno speciale del 27° anniversario dal suo ritrovamento. Il 20 marzo del 1991 Angelica, due grandi occhi neri ed una vita davanti a sé tutta da vivere, veniva uccisa nel più feroce massacro ordito dalla mala locale, “che non le ha riservato nemmeno la pietà che si usa verso i bovini”, come scritto dai giudici della Corte d’Assise di Lecce, condannando all’ergastolo il suo killer. Dopo anni di silenzio e di oblio, un’effigie in marmo di Trani di 70×100 cm voluta dal Comune (commissionata ad un’azienda di Matino), sarà apposta a scuola per rendere omaggio ad Angelica che, bimba tra i bimbi, vivrà per sempre nell’allegro vociare dei corridoi e delle aule della “Guglielmo Oberdan”, dove brulica quella vita che a lei è stata brutalmente negata. Per l’occasione, alle 10.30, è stato organizzato un incontro sul tema “Sos bullismo e cyberbullismo” con la presenza della dirigente scolastica Antonia Perrone, del fondatore di “Opera Don Giustino” don Antonio Coluccia, dei commissari straordinari Andrea Cantadori, Gerando Quaranta e Sebastiano Giangrande, e di Marta Rossetti dell’Associazione nazionale Polizia di Stato.

Commenta la notizia!