Sarà in tono minore ma è sempre festa

Chiesa_San_Carlo_Acquarica

RITI RELIGIOSI E CIVILI
Come ogni festa patronale anche quella di San Carlo si svolgerà secondo canoni collaudati della devozione salentina verso i santi: processione, fiera, concerti bandistici. Nelle foto chiesa e statua dedicate al patrono

Acquarica del Capo. La crisi economica che attanaglia il Paese ad Acquarica si percepisce anche nei festeggiamenti del santo patrono, San Carlo Borromeo. Da tempo ormai il santo viene festeggiato la domenica successiva al 4 novembre, giorno in cui il calendario annota la festa del santo che protegge dalla peste. Quest’anno i festeggiamenti sono fissati per sabato 9 e domenica 10 novembre. Il programma religioso prevede dal 29 ottobre al 9 novembre i vespri solenni con la santa messa. Il giorno della vigilia alle ore 10 e alle ore 17 saranno celebrate due messe nella casa di riposo per anziani e alle 17,30 la solenne processione si snoderà per le strade del paese, accompagnata dal complesso bandistico “Città di Gagliano del Capo”. Al termine della processione è previsto lo spettacolo pirotecnico. Domenica 10 novembre, dopo la celebrazione della messa alle 10,30 la statua del santo dalla chiesa a lui dedicata verrà traslata nella chiesa madre. Alle ore 17 è prevista una solenne concelebrazione eucaristica.

San-Carlo-BorromeoIl programma civile prevede per la serata di sabato uno spettacolo della cover band di Checco Zalone “Peppe Nero”, con le Vincenziane che organizzeranno per l’occasione la “Festa del dolce” e il “Mercatino di beneficenza”. Per domenica mattina l’appuntamento è con la tradizionale fiera mercato di fine anno, storicamente una delle fiere più grandi del Capo di Leuca, mentre la sera sarà allietata dal Concerto bandistico lirico-sinfonico “Regione Puglia”.

Una festa in tono minore, dunque, che risente del clima che sta conoscendo il paese e che contrasta con la dimensione di altre manifestazioni estive. Sembrano lontani anni luce, infatti, i tempi in cui la sera della vigilia veniva organizzata la “sagra del maiale”, una manifestazione in cui venivano distribuiti panini con porchetta alla romana e vino a volontà completamente gratuiti, espressione autentica di festa popolare.

Commenta la notizia!