Rifiuti, via! Ma un mese dopo

by -
0 706

CONTRO “CASSONETTI STRACOLMI” Per evitare il brutto spettacolo dell’anno scorso dei cassonetti stracolmi dopo i week end occorrerebbe poter conferire i rifi uti non solo a Poggiardo ma anche a Ugento, funzionante pure di domenica. Arriverà l’autorizzazione?

Gallipoli. Con un mese di ritardo sulla originaria tabella di marcia, parte il Piano estate contro i rifiuti. Più uomini, mezzi e cassonetti per evitare l’emergenza e di ristrovarsi la città tappezzata di immondizia e pattume come tristemente e indecorosamente già avvenuto.

Ma il Piano estate non è decollato, anzi non è proprio partito il 15 giugno scorso come prestabilito in linea di massima. Con circa 300 cassonetti che sono rimasti stipati nel cantiere della ditta Seta-Cogei in attesa di essere posizionati.

Ma cos’è successo al piano estate redatto di concerto tra Comune, Seta-Cogei e Facoltà di Economia dell’Università di Lecce? Posticipato di un mese. Solo nella seconda settimana di luglio infatti, c’è stato un incontro tra i responsabili della società di igiene ambientale, i progettisti e i dirigenti dell’ufficio Tecnico e Ambiente comunale per ottenere il nullaosta necessario per dare avvio al Piano rifiuti estivo.

Alla base dello slittamento, intoppi e ritardi burocratici legati alla crisi politico-amministrativa, ma anche alle necessità di razionalizzare costi e risorse per coprire le spese del servizio. Dal Comune ora si attende a breve l’ok definitivo per il potenziamento strutturale che non si è ancora “aggregato” al servizio ordinario svolto dalla Seta-Cogei e dai suoi operatori (oltre una sessantina con l’aggiunta degli stagionali).

Il piano-estate dei rifiuti prevede, rispetto al capitolato ordinario, la dislocazione di cassonetti aggiuntivi, un aumento del numero di autocompattatori con il relativo personale di raccolta per il periodo estivo, ed un potenziamento della pulizia spiagge con aumento di operatori (almeno sei le unità richieste dal Comune). I responsabili della società Seta si dicono pronti alla sfida, precisando con una nota ufficiale che “sono stati acquistati e sono disponibili sia i cassonetti previsti dal potenziamento estivo che i contenitori per il potenziamento della raccolta differenziata porta a porta. Inoltre gli autocompattatori sono già stati noleggiati e pagati per il periodo estivo da Seta Eu Spa. Purtroppo ancora non è possibile il conferimento domenicale, il che significa che a breve il fenomeno del fuori cassonetto dalla domenica in poi sarà costante e sempre più difficilmente recuperabile nei giorni successivi a causa della crescita della mole di rifiuti non prevista dal capitolato”.

In tale direzione si è cercato di far autorizzare dall’Ato2 e dalle autorità competenti il conferimento dei rifiuti ad Ugento (con apertura domenicale) e non a Poggiardo consentendo così il doppio turno giornaliero di recapito in discarica previsto dal capitolato e che invece la ditta, ad oggi, non può effettuare fino a quando il conferimento sarà previsto solo a Poggiardo e con orari solo mattutini.

Commenta la notizia!