Ricamo e tombolo torna l’arte antica

di -
0 1123

La presidente dell’associazione Salentoricami davanti al suo tombolo. Tra i motivi della riscoperta della voglia di ricamare, avere la soddisfazione di creare qualcosa di proprio pugno

Matino. Si tratta di una vera e propria riscoperta delle tradizioni che si stanno man mano perdendo, nonché di un momento di socializzazione tra i più importanti. E’ quanto, tra le altre cose, sta realizzando l’associazione di Matino “Salentoricami” con a capo la presidentessa Valeria Barone.

L’associazione in questione è nata da appena un anno ed è già arrivata seconda in un concorso indetto a livello nazionale dal giornale “Rakam” e dalla ditta di filati Dmc.

Ma non è solo questo. Cosa c’è dietro questa voglia di tornare a ricamare? «Si è riscoperta – spiega Barone – questa passione per il ricamo e per i punti antichi. Si vuole avere la soddisfazione di fare le cose da sole, perchè in questo modo si ha una forte gratificazione personale».

Le componenti dell’associazione vanno dai trent’anni in sù. Ma tutte vogliono imparare per fare il corredo alle figlie? A quanto pare no. «Ci sono sicuramente quelle che vengono perchè vogliono preparare il corredo per le figlie – afferma Barone – ma ci sono anche quelle che hanno solo figli maschi e frequentano i corsi per rilassarsi».

Al di là dell’aspetto pratico, infatti, molto importante è il momento dell’ estraneazione da quelli che sono i problemi quotidiani. «Per poter realizzare questi lavori – continua la presidentessa – occorre molta concentrazione e quindi bisogna liberare la mente da tutti pensieri». Da non sottovalutare poi il fattore socializzazione. Ci si incontra e si chiacchiera come prima si faceva quando le persone ricamavano sedute per strada vicino a casa.

Ma quali sono i punti più richiesti? «Quello che spopola – commenta Barone – è il tombolo seguito dal filet e dal punto antico».
E’ opportuno precisare che Valeria Barone ha questa passione fin da quando era piccola e ha imparato le diverse arti dalle zie. «Successivamente – dice – ho continuato a studiare facendo appositi corsi e partecipando a tutte le fiere che si tengono nelle varie regioni italiane. In questo lavoro non si finisce mai di imparare».

Per chi fosse interessato, i corsi dell’associazione Salentoricami durano circa 10 ore (3 ore al giorno) e si svolgono preferibilmente d’inverno. L’orario è variabile in base alle esigenze delle partecipanti. Per informazioni si può telefonare al seguente numero: 3683977915.

Commenta la notizia!