Racale, a nuovo l’area presbiterale della parrocchia Beata Vergine Maria Addolorata

don Luciano Oronzo Scarpina

Racale – Inaugurazione mercoledì 21 dell’area presbiterale recentemente messa a nuovo nella parrocchia Beata Vergine Maria Addolorata di Racale. Diverse le modifiche apportate, tra cui, nelle nicchie sin qui vuote dell’abside (due laterali e una centrale) la collocazione di cinque statue: quattro in pietra leccese, collocate nelle nicchie laterali, facevano parte, sino al 2007, della facciata esterna, poi erano state restaurate a cura della Provincia ed erano custodite in chiesa. La quinta, invece, che occupa la nicchia centrale, raffigura la Madonna delle Grazie, ed è stata realizzata dalla “Bottega Gallucci” di Lecce (costo dell’opera 5mila euro, pagati con oboli dei fedeli). L’edificio sacro, che risale al XVII secolo, era originariamente intitolato alla Madonna delle Grazie, poi, nel 1850 il cambio in “Beata Vergine Maria Addolorata”: è per questa ragione, quasi a voler riparare ad “un torto” storico, che è stata collocata ben in vista, al centro dell’abside, una statua che raffigura la Titolare originaria.

Questo il programma della serata: alle 18,30 messa solenne celebrata dal vescovo mons. Fernando Filograna, quindi la benedizione della nuova statua della Madonna delle Grazie e svelamento delle altre ricollocate nelle nicchie absidali. Alle 19,30, dopo il saluto di mons. Filograna, del sindaco Donato Metallo e del parroco don Luciano Scarpina (di Matino), vi sarà l’approfondimento di mons. Giuliano Santantonio (parroco della cattedrale di Nardò e originario di Racale) su “vicende storiche della chiesa Santa Maria delle Grazie in Racale”. Al termine, presso la Casa Emmaus, è previsto un rinfresco.

Commenta la notizia!