I proverbi salentini. Cecu, ma nu sempre

di -
0 3232

Simu Salentini.  La saggezza popolare dei proverbi salentini non ha dubbi: “L’amore cumincia cu llu cantu, e mmore cu llu chiantu”, e per maggior precisione: “L’amore comincia cu ssoni e ccu canti, e spiccia cu ttrumenti e chianti”. Poche parole per sintetizzare l’atmosfera magica dell’innamoramento e la delusione e il dolore per la fine della storia.

Ma quando c’è, inutile trovare sotterfugi, l’amore non può essere tenuto nascosto: “Amore, dulori e ddenari, nu sse ponnu scunnire”, così come :“Amore e tossa nu se potene scunnire”; e ancora più realisticamente: “Amore e pasuli olene sfogu”. Ci sono dei segni esterni, l’uomo innamorato si riconosce: “Lu nnamuratu se canusce all’occhiu, e lu mortu de fame a llu spannicchiu”

Ma cos’è quest’amore? È difficile dare una definizione precisa, per valutarlo bisogna riferirsi ai comportamenti. Non si può, infatti, né  comprare né misurare: “Amore nnu sse ccatta a lla chiazza” né  “se misura a parmi, né se pisa a li ricali”.Inoltre: “Nnu guarda ricchezza” ;“Nnu ccura né ragione né mmisura”; “Nnu ssente dulore”; “Nnu ssente prediche, num bole cunziji, num bole pinzieri”.  E addirittura: “Nnu guarda razza, corne o none, se la mbrazza”. In conclusione l’amore non si ferma alle parole, va al sodo: “Ole fatti comu lu ciucciu mazzate” .

Difficile, quindi, la definizione dell’amore che nei proverbi non dà spazio alla retorica e ad accenti sdolcinati e di maniera. C’è però un elemento che lo connota: è cieco: “L’amore è ccecu, e cceca cinca nferra”; “ Ccecu, e nnu ccanusce errore”; “Ccecu, e vite te luntanu”; “Ccecu, ma vite cu llu core”. Non si è d’accordo, però, sul grado della cecità: “L’amore è ccecu de n’occhiu, nu dde tutti ddoi”; ma  c’è anche “L’amore è ccecu de tutti ddoi l’occhi” e  per questo “L’amore copre ogne ddifettu”.

Una cosa è certa: quando c’è l’amore deve essere corrisposto, una traduzione in saggezza popolare dell’aulico verso dantesco “Amor ch’a nullo amato amar perdona”.  E infatti:  “Ama ci t’ama, e cci nu t’ama, lassalu”; “Rispunni a cci te chiama ,ci no, chianca am piettu”. D’altra parte: “Amare ci nu tt’ama, è amore persu”; “è paccìa”. Se infatti “Amore chiama amore” , “Quannu chiama, nu llu fare spetta”; “Amore quannu tuzza, aprili”. Se l’innamorata è restia , comunque non c’è scampo perché “Ma poi l’amore troa le vie”

Basta affidarsi al sentimento, abbandonarsi al richiamo dell’amore? Non sempre, perché “Amare e nnu amare, dipende de lu raggiunare”; anche se è certo che “L’amore cchiù ama e menu canusce”, e “L’amore dave sinnu e sinnu lleva”. Deve venire dal profondo del cuore perché  “L’amore can nu vvene de lu core, è comu na minescia senza sale”; “Comu na sciurnata senza sule”. Comunque sia “Amore nu bbasta, cu ferve la pignata” .                                

Commenta la notizia!