Protezione civile, un gran lavoro per gli incendi ma non soltanto

by -
0 870

L’estate “calda” non solo per il calore del sole ma anche per i frequenti incendi. Volontari in azione alla periferia della città

Casarano. Da Casarano ad Alliste, da Racale a Taviano, a caccia di incendi.
Nonostante abbiano firmato la convenzione Aib (Anti incendi boschivi), soltanto lo scorso 7 giugno, a Bari, i volontari della Protezione civile – Servizio emergenza radio di Casarano hanno già messo a segno una ventina di interventi.

Il servizio, coordinato dalla Sala operativa permanente di Bari, prevede l’intervento a sostegno dei vigili del fuoco da parte delle associazioni convenzionate, con reperibilità h24.

Tra gli interventi più impegnativi, quello nella zona industriale di Melissano, dove un rogo appiccato ad una minidiscarica di rifiuti è dilagato, spingendosi sino al vicino scalo ferroviario. In quel caso è stato determinante l’intervento dei vigili del fuoco di Ugento, che, per domare le fiamme, hanno fatto giungere sul posto un’autobotte da 7.500 litri proveniente da Maglie. Il fuoco, infatti, aveva attecchito sulle traversine dei binari, molto ostiche da spegnere perché realizzate in legno trattato con particolari sostanze tossiche.

Degni di nota anche l’incendio nei pressi della Madonna dell’Alto ad Alliste, con diversi alberi di ulivo andati a fuoco, e quello di Casarano ai danni della zona Specchia di Vaje, nel quale le fiamme hanno lambito il cosiddetto «canalone», un canale naturale ricoperto da macchia mediterranea.

Ma la protezione civile di Casarano non si occupa solo di incendi boschivi anche se nel periodo estivo questi costituiscono un’emergenza. I volontari sono intervenuti, solo per fare alcuni esempi, anche nell’incendio al poliambulatorio del distretto socio-sanitario di Casarano e nella ricerca dell’81enne Rocco Nuzzo, l’anziano di Diso scomparso lo scorso maggio.

Accorrono con generosità dovunque siano chiamati per portare aiuto.
Attualmente l’associazione conta una ventina di volontari, con età compresa tra i 17 e i 55 anni. La loro sede, in via Adda, è tra le più attrezzate, essendo dotata, tra le altre cose, di apparecchiature radio all’avanguardia, stazione meteo e rilevatore di fulmini.

Alberto Nutricati

Commenta la notizia!