Gallipoli – Da Gallipoli a Parigi con un unico obiettivo: vincere il concorso internazionale di acconciatura maschile “Omc Hairworld”, organizzato dalla società Omc, una delle più grandi organizzazioni mondiale di parrucchieri professionisti, che vedrà la partecipazione di concorrenti provenienti da oltre 50 Stati. Una concorrenza agguerrita si contenderà infatti la coppa di migliore professionista dei capelli del mondo nelle finali del 7, 8, 9 e 10 settembre che si svolgeranno a Parigi, con 17 italiani partecipanti. Tra questi, anche il gallipolino Fabrizio Schirosi, partecipante per la categoria “Barber” con un taglio old school (vecchia scuola) che sarà effettuato su un modello. (nelle foto Schirosi a sinistra; nella foto sopra Schirosi con Manni e i Santacroce).

Titolare del salone Schirò Parrucchieri, Fabrizio Schirosi è l’unico gallipolino a partecipare al concorso. Con lui, ma in categorie diverse, parteciperanno anche gli altri salentini Loredana Manni, Mary Sindaco, Valerio e Andrea Santacroce, allenati per la gara da Massimo De Marco (tutti di Taviano e tutti iscritti alla nazionale italiana di parrucchieri Uaami, Unione artistica acconciatori misti italiani) e da Guglielmo Mangili, Michele Di Bisceglie, Fabio Russo, Enzo La Gatta. 

Fabrizio, 44 anni, nato e vissuto a Gallipoli, fa il parrucchiere da quando era giovanissimo: la madre infatti lo aveva mandato in un salone dopo il ciclo scolastico perché voleva che imparasse questo mestiere. Crescendo, l’arte dei capelli è poi diventata una sua passione, tanto da spingerlo a prendere lezione di acconciature, oltre a seguire corsi e frequentare scuole specifiche del settore.

Pubblicità

“Ho frequentato un corso di taglio e acconciature qualche tempo fa e lì ho conosciuto persone da Roma e da Milano, mi hanno parlato di questo concorso internazionale: mi ha entusiasmato così tanto che ho voluto provare. Dopo una preselezione e aver superato altri provini, mi sono trovato poi tra i finalisti. La mia prova consisterà nel fare un taglio e acconciatura in 25 minuti al modello. Ciò che mi aspetto è di fare una bella esperienza, vivere una nuova avventura; anche perché – conclude Fabrizio- queste sono occasioni uniche che capitano una sola volta nella vita”.

 

 

Pubblicità

Commenta la notizia!