Edunova: tecnologie per piccoli

by -
0 582

Cinque Università, Telefono azzurro, un motore di ricerca ed ecco Edunova. In foto la scuola secondaria di primo grado di Sannicola

Sannicola. L’istituto comprensivo di Sannicola è la prima scuola in Italia ad aderire al progetto “Edunova”. Il programma, frutto della collaborazione tra cinque università e partner prestigiosi, ha come obiettivo la formazione del corpo docente, prima, e degli studenti, poi, sull’utilizzo delle più moderne piattaforme tecnologiche.

«Si tratta di un progetto ambizioso che nasce dalla sollecitazione della stessa scuola che, in seguito ad un furto, si è vista improvvisamente privata di tutte le sue apparecchiature. Nonostante il duro colpo – afferma l’assessore alla cultura del Comune Danilo Scorrano –  le istituzioni scolastiche hanno perseguito l’obiettivo di introdurre elementi di innovazione all’interno dei processi formativi e hanno chiesto aiuto al sistema universitario».

La prima fase di “Edunova” ha fatto seguito alla presentazione avvenuta nei giorni scorsi presso l’Università del Salento, ateneo che insieme a quelli di Modena e Reggio Emilia, Foggia, Ferrara e Milano Bicocca contribuirà alla prima fase di sperimentazione per la quale è stata scelto, primo in Italia, proprio l’istituto di Sannicola.

Collaborano al progetto Edunova anche “Telefono azzurro”, per gli aspetti legati ai pericoli e ai possibili disagi minorili in relazione all’utilizzo delle nuove tecnologie, e “Global Base”, partner del noto motore di ricerca “Google” per gli aspetti più propriamente tecnici.

Per gli alunni di Sannicola risulterà, dunque, familiare d’ora in poi parlare di piattaforme “e-learning”, ovvero della diffusione di informazioni a distanza, così come di “notebooks” e “tablet”, ovvero le nuovissime “tavolette interattive multimediali”.

Soddisfatti, ovviamente, anche il dirigente scolastico Daniele Metti, che insieme al maestro Antonio Raccioppi, al componente del consiglio d’istituto, nonchè genitore di un alunno frequentante la scuola, Mauro Sances ed al sindaco di Sannicola, Giuseppe Nocera hanno preso parte alla conferenza stampa di presentazione del progetto, coordinato dal  professore Tommaso Minerva dell’Università di Modena e Reggio Emilia con la stretta collaborazione del professore Salvatore Colazzo dell’Università del Salento.

Punto centrale del progetto sarà la piattaforma “Google apps for education” in uso gratuito per le scuole con programmi pensati e sviluppati per favorire la sperimentazione didattica.

Maria Cristina Talà

Commenta la notizia!