Presicce-Acquarica: Obama e Churcill citati a supporto della fusione. In campo il comitato “Insieme”

Presicce – Proprio nel punto in cui i due paesi si uniscono, in via Roma (dal lato del comitato è Presicce, attraversando la strada, sul marciapiede di fronte è già Acquarica) da ieri è operativo il comitato “Insieme” favorevole alla fusione tra i due comuni. Manifesti sulle pareti, un piccolo palco e dietro, in grande, la scritta con lo slogan “Insieme”. La cerimonia di inaugurazione è stata relativamente breve e dopo, per festeggiare, vino e tarallini per tutti. Tra il pubblico i due sindaci, Riccardo Monsellato e Francesco Ferraro, l’ex onorevole Rocco Palese (di Acquarica), i giovani referenti del comitato i tanti simpatizzanti, ma anche qualche curioso contrario alla fusione.

L’attore Antonio Monsellato e gli altri interventi Ad iniziare la serata, trasmessa in diretta sulla pagina facebook del gruppo, è stato l’attore presiccese Antonio Monsellato (recentemente in tv nella fiction con Luisa Ranieri) che ha recitato il discorso proferito da Obama per la sua seconda candidatura alla Casa Bianca. Lo slogan che ha fatto il giro del mondo (“Yes, we can”) ha acceso gli animi anche nel comitato che vedono possibile e vantaggiosa la fusione (il 16 dicembre è stata fissata la data per il referendum nei due paesi). «Comunque vada sarà una festa perché i cittadini si esprimeranno liberamente su questo tema”, ha affermato Andrea D’Amico, uno dei referenti del comitato. Ci sarà anche un sito internet dedicato ed un indirizzo di posta elettronica mentre già domenica prossima, 14 ottobre, è previsto un nuovo momento di confronto aperto al pubblico (“in cui si potranno fare tutte le domande che si vogliono”).  A seguire, Antonio Corsano che ha parlato dell’opportunità che non si può mancare, del “capitale sociale” su cui si può contare per costruire il futuro e del voto come dovere civico. Ha chiuso la serata Daniela De Pascalis (originaria di Maglie e sposata a Presicce): «I due paesi convivono da sempre: è arrivato il momento di formalizzare questa unione. I fondi che ci sono a disposizione sono importanti, se lo sono per una famiglia, perché non dovrebbero esserlo per due Comuni?». E poi: «Non bisogna farsi prendere in giro da chi vuole mischiare le carte» (in riferimento a chi accosta l’argomento fusione a Burgesi). In chiusura viene citato pure Churchil (“Diamo spazio al futuro”) con la richiesta di fiducia da parte di tutti e l’invito a guardare avanti, ad essere predisposti all’ascolto e soprattutto ad usare “toni pacati”. Al contrario di ciò che finora si è visto sui social.

Commenta la notizia!