Dietro la Luce come bambini

Casarano. Continua a rivivere a Casarano la magia del Natale con il Presepe vivente allestito dall’associazione “Amici del Presepe 96”. L’edizione 2011 ha preso il via nel solco della tradizione la sera della Vigilia e continuerà a riproporsi (dalle 17.30) anche nel 2012 nelle serate di Capodanno, dell’Epifania e di domenica 8 gennaio. L’ingresso è in piazzetta D’Elia, nei pressi della chiesa Matrice, da dove si snoda il percorso che tra vicoli, case a corte ed antichi palazzi riporta i visitatori indietro nel tempo di alcuni decenni.

Caratteristica del presepe di Casarano è la valorizzazione dei frantoi ipogei, i cosiddetti “trappeti”, alcuni dei quali recuperati dalla stessa associazione organizzatrice dallo stato di totale abbandono nel quale versavano. Una particolare e suggestiva visione d’insieme del presepe la si può ammirare dall’alto di via Sesia, nei pressi del liceo scientifico, dove le mille luci colorate che fanno da contorno alle abitazioni sembrano fondersi in uno scenario fiabesco.

Tra le manifestazioni che ritornano in questo periodo di festa anche “La tenda della solidarietà”. Seppur non più presente in piazzetta D’Elia, perché ormai materialmente compromessa, la Tenda vive nell’impegno delle associazioni “Centro Storico” e “Compagnia Musicante” che girovagando tra scuole, ospedali e presepi viventi riescono ogni anno nell’impresa di raccogliere diversi quintali di viveri (non meno di 30 nelle passate edizioni) per le famiglie più bisognose della città e del circondario. La collaborazione con il “Fans Club Nomadi” permetterà di replicare nel giorno dell’Epifania la serata del 24 dicembre quando fu Babbo Natale a distribuire doni. Questa volta a curare la distribuzione sarà “Centro Storico” con l’arrivo in piazza dell’arzilla vecchietta con la scopa, attesa con ansia dai più piccoli.

Consulente per la comunicazione online e le reti sociali, corrispondente junior per Piazzasalento e webmaster del portale

Commenta la notizia!